Visioni di danza Festival, giovedì 6 agosto in Loggia del Capitaniato

- Pubblicità -

Visioni di danza Festival è promosso dalla compagnia Naturalis Labor ed è sostenuto dal Comune di Vicenza nell’ambito del cartellone estivo ‘Viaggio in città’, dalla Regione del Veneto, Mibact, Fondazione Cariverona, Circuito Teatrale Regionale Arteven e Comune di Schio.

La loggia dal Capitaniato in piazza dei Signori diventa la location per un doppio appuntamento con la danza: protagoniste due tra  le migliori compagnie italiane di danza. Due repliche nella stessa serata. Alle ore 21,30 e alle ore 22,30  Borderline porterà in scena First and Last e la compagnia Versiliadanza un lavoro di danza con musica dal vivo.

Un uomo, una donna, una coppia. Due amanti, due adulteri, due umani condannati in eterno, battuti da una bufera infernale. In una dimensione in funzione di due, Paolo e Francesca raccontano del loro intimo incontro, di un’attrazione esitante, del desiderio di cercarsi, del peso di sfuggirsi, della scelta di amare.

Questo è Paolo e Francesca messo in scena da Borderline danza e firmato dal coreografo Paolo Aruta, qui anche interprete con Giada Ruoppo.

Un lavoro dove attrazione e desiderio sembrano risiedere in dinamiche comunicative virtuali, prima che nella corporeità. L’esplorazione della dimensione interiore dei protagonisti danteschi diviene elemento – indagine dei processi sensomotori che hanno trasformato un’innocente lettura in un mortale peccato d’amore. Spogliato di ogni giudizio e narrato dai corpi dei due danzatori, il Canto V della Divina Commedia diviene un dispositivo di rivalutazione della relazione contemporanea per il ricollocamento corporeo di ogni turbe emotiva.

Protagonisti della seconda parte della serata due musicisti, Luca e Andrea Serrapiglio che compongono il gruppo “Melanois” e il danzatore e coreografo Leonardo Diana dialogano attraverso l’estemporaneità dei loro linguaggi artistici con l’ambiente che li circonda, per realizzare una performance “site specific”. Giovedì 6 agosto alle ore 22:30, a Vicenza nella loggia del Capitaniato la compagnia Versiliadanza presenta in esclusiva regionale questa nuova e originale creazione tra danza e musica.

L’azione performativa vive nel contesto dentro al quale viene rappresentata. Il corpo si pone all’interno dello spazio come fosse un elemento architettonico in cerca della sua dimensione dentro al contesto esistente ricercando, attraverso la forma, un’armonia con ciò che lo circonda e con le persone che lo vivono e abitano. Una relazione che si costruisce e si trasforma lentamente nello scorrere di un tempo scandito dalla musica e dai suoni dell’ambiente stesso. L’importanza di coabitare uno spazio nel rispetto delle differenti parti in gioco è il soggetto dentro al quale cerca di muoversi l’intera performance, costruita appunto mediante il dialogo tra gli gli artisti, lo spazio e il pubblico presente.

LEONARDO DIANA è docente danzatore e coreografo, nel nucleo stabile di Versiliadanza dal 2003, danza con Angela Torriani Evangelisti, Susanne Linke, Urs Dietrich, Teero Saarinen, Salvo Lombardo.

Finalista del Premio Equilibrio 2011 e 2012, selezionato dalla Rete Anticorpi XL, vincitore nel 2007 del progetto Moving_Fabbrica, due volte finalista di Prospettiva Danza, ospite di Festival Internazionali in Italia e all’estero. Il suo ultimo lavoro Egon – Introspettiva da Klimt a Schiele è stato presentato in molte piazze italiane. Nel 2018 è interprete di Excelsior di Salvo Lombardo. Nel

2019 danza al Lincoln Center di New york con una sua coreografia per il 28° Ernesto Illy Coffee Award, accompagnato dal Maestro Danilo Rea.

MELONOIS gruppo composto dai fratelli Andrea e Luca Serrapiglio, entrambi diplomati al Conservatorio nei loro rispettivi strumenti, violoncello e saxofono, per poi passare attraverso ogni tipo di esperienza musicale, dal Jazz, al rock, al marching band, alla musica elettroacustica, fino alla musica per il teatro e la danza. Hanno suonato ovunque fosse possibile: teatri, festival, locali, per strada, nelle carceri, partecipando a innumerevoli progetti. Da circa quindici anni compongono e suonano le musiche per i lavori del coreografo Leonardo Diana.

Biglietti euro 10 posto unico. Gradita le prenotazione inviando una mail a [email protected]

In caso di pioggia gli spettacoli saranno presentati sempre in Loggia.

Per ogni altra informazione sul programma del festival o altro www.naturalislabor.it/visionididanza

-Pubblicità-