Vincenzo Consoli imputato “unico” per crac Veneto Banca, Giovanni Schiavon: per il Gup di Treviso Gianluigi Zulian è tornato Superman

A sx il Gup Gianluigi Zulian
A sx il Gup Gianluigi Zulian "in visita" a Vicenza per "studiare" i colleghi del caso BPVi
- Pubblicità -

Com’era prevedibile, dopo quattro anni dal disastro di Veneto Banca, la Giustizia non è riuscita a prospettarne una spiegazione diversa da quella che, nelle immediatezze, è stata accreditata da Banca d’Italia: la causa di tutto sarebbe da ricercarsi nelle malefatte  di Superconsoli, padre-padrone dell’Istituto che, per anni, sarebbe riuscito ad ingannare tutti, sindaci, dirigenti, revisori e, soprattutto, ispettori,  attenti e solerti, della Vigilanza.

Se non fosse anche tragica per migliaia di risparmiatori truffati (e per il diretto interessato), questa soluzione sarebbe di un pressapochismo sconcertante, per tanto inverosimile essa sembra. Ma, come si può pensare che, dopo aver superato i severi stress test europei del 2014, la banca sia poi crollata in brevissimo tempo, per una sua gestione scorretta, riconducibile ad un’unica persona, per quanto superman? Si ricordi che gli stress test servono a stabilire se un istituto di credito, fra i più grandi, sia in buona salute e, come tale, possieda sufficiente capitale al fine di reggere a fronte di eventuali impatti catastrofici derivanti da un contesto macroeconomico instabile. Neppure il più maldestro manager bancario sarebbe riuscito a fare un simile disastro in un così breve lasso di tempo, pur se avesse scientemente e volutamente agito ai danni della banca di cui fosse dipendente.

Jimmi Olsen tra Superman e il fratello SuperConsoli, con tentacoli onnipresenti
Jimmi Olsen tra Superman e il fratello SuperConsoli, con tentacoli onnipresenti

Mi pare, dunque, che la recentissima decisione del giudice del Tribunale di Treviso Gianluigi Zulian (di rinviare a giudizio Vincenzo Consoli per tutti i capi di imputazione formulati a suo carico) sia fondata non su coerenti convincimenti giuridici, tratti dal quadro probatorio, bensì su una preordinata scelta di continuare sulla strada, fin dall’inizio tracciata da Bankitalia e dalla Procura della Repubblica di Roma, di costruire un unico responsabile di tutto, per sviare i tanti, tantissimi sospetti dell’esistenza, a monte, di opache manovre di sistema, magari sfuggite alle previsioni ed ai controlli degli stessi ideatori. Non a caso, la Procura di Roma (nella fase iniziale, in cui aveva preteso la trasmissione a sè degli atti raccolti da quella di Treviso) aveva pensato di affidare ad un ispettore di Bankitalia (Luca Terrinoni) il compito di ricercare, a tutti i costi, criticità comportamentali di qualsiasi tipo a carico di Superconsoli, magari pescando da gossip  e da notizie sensazionalistiche, suscettibili di far scandalo e, così, di confondere le acque e sviare l’attenzione dei soci truffati. Il lavoro del consulente del PM romano non ha risparmiato neppure presunti amici di Superconsoli, predestinato alla lapidazione nella pubblica piazza …

Si sperava che almeno il giudice di Treviso avesse il coraggio e la determinazione di rettificare la rotta giudiziaria delineata nella capitale e di approfondire l’indagine, alla ricerca della verità; ma evidentemente il tempo incalza e la prescrizione incombe. Meglio che essa si consumi nelle mani di altri giudicanti; magari quelli di appello.

Purtroppo penso che il tracciato di questo giudizio (per l’immensa soddisfazione di Bankitalia) sia già delineato …

Giovanni Schiavon

Magistrato

già presidente dei tribunali di Belluno e Treviso


Qui la nuova storia di Superman… Consoli


Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro.  I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere in futuro i nostri articoli e ad accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, al nostro archivio web e cartaceo, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Clicca qui e diventa Partner, Amico, Sostenitore o Sponsor

Grazie, Giovanni Coviello

Opzioni nuove ViPiù Freedom Club
Opzioni nuove ViPiù Freedom Club

 

-Pubblicità-
Giovanni Schiavon
Nato a Treviso nel 1940 è stato magistrato dal 1967, svolgendo funzioni di giudice presso il Tribunale di Venezia , di consigliere presso la Corte di Appello di Venezia, di presidente di sezione del Tribunale di Treviso, di presidente del Tribunale di Belluno, di Capo dell’Ispettorato del Ministero della Giustizia, di Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione, di presidente del Tribunale di Treviso. A partire dall’anno accademico 1989-1990, ha assunto l’incarico di docente presso la Cattedra di Diritto Fallimentare della Facoltà di Scienze Economiche e Bancarie dell’Università di Udine. E’ stato nominato componente della commissione ministeriale per l’elaborazione dei principi di riforma del diritto concorsuale e in seguito, membro della ristrettissima Commissione per la redazione della stessa legge di riforma. E’ stato componente della commissione Disciplinare della Federazione Ciclistica Italiana, componente della Commissione Nazionale Antidoping del CONI, presidente di una società professionistica ciclistica.