Vicenza non è un paese per… pedoni: “marciapiedi invasi da bici, skateboard e monopattini”

Pedoni, ciclisti, auto. Tutti insieme appassionatamente.La
La "maledetta" ciclabile di viale Trento
- Pubblicità -

Vi avevamo parlato qualche tempo fa del curioso caso della pista ciclabile di viale Trento che non piace a nessuno, mette in difficoltà tutti, pedoni, ciclisti, camion, bus, ma è sempre lì. Il professor Luciano Parolin presidente del Comitato cittadino ‘Amici di Viale Trento’ ha pubblicato sui social nuove foto che dimostrano come i mezzi pesanti facciano fatiica a passare a causa della carreggiata che è stata ristretta per far posto alla pista ciclabile che in realtà, come ci ha spiegato il titolare del bar Al Canton, non è funzionale nemmeno per i ciclisti essendo comunque troppo stretta. “Pedoni, ciclisti, skate bord, monopattini tutti sul territorio riservato al marciapiede. La curva è pericolosa. Oltre ai danni che paga il cittadino, la paura che ti ammazzino” scrive Parolin su Facebook, pubblicando foto di ringhiere divelte a San Francesco e in zona piscine.

ringhiere divelte in rotatoria delle piscine

Il bonus bici e il bonus monopattino sono stati varati quest’anno dal governo, tra mille polemiche, nel corso dell’emergenza Covid. Il senso del provvedimento, almeno secondo la logica del legislatore, era alleggerire il carico sul trasporto pubblico locale, grande fonte di contagio, incentivando nelle città l’uso di mezzi alternativi quali appunto bici e monopattini elettrici. A Vicenza però questa logica si scontra con una realtà a cui molti cittadini si sono ormai rassegnati: le piste ciclabili ci sono se devi uscire dalla città, andando per esempio verso su, verso la Riviera Berica. Ce n’è una molto bella in strada Sant’Antonino, che ti porta fino a Caldogno. Un’altra a Vicenza Nord, che ti porta fino a Cavazzale. Altre sono presenti in zona Laghetto, Polegge, Gogna, Ferrovieri, tutte zone periferiche. Come se la bici servisse solo per le scampagnate e gli svaghi e non fosse un vero e proprio mezzo di trasporto. In centro ce ne sono poche e girarlo in bici non è facile, tanto che molti ciclisti, adulti e vaccinati e italiani, vanno sul marciapiede con la bicicletta non avendo alternative. Anche a chi scrive è caèitato, proprio ieri, di essere sfiorato da una bici sfrecciante su marciapiede che non ha nemmeno ‘clacsonato’. Della serie “potevo rimanere offeso”. Gli automobilisti dal canto loro non sopportano nessuno e vorrebbero le strade e forse tutta la città solo per sé.

auto parcheggia…in pista

E così si scatena una guerra tra poveri tra cicilisti e pedoni per il possesso di una misera fettina di territorio dove poter circolare mantenedo intatta la serenità e l’incolumità. In più si aggiungono gli skateboard e i monopattini elettrici che sfrecciano un po’ di qua e un po’ di là: dove devono stare? Pista ciclabile? Strada? Nel dubbio c’è sempre il caro buon vecchio marciapiede, che nonostante il nome a Vicenza serve a tutto (fermarsi a chiacchierare, parcheggiare l’auto, sfrecciare sui velocipedi) tranne che a permettere ai pedoni di marciare.

ringhiere divelte

Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere in futuro i nostri articoli e ad accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, al nostro archivio web e cartaceo, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Clicca qui e diventa Partner, Amico o Sostenitore

Opzioni ViPiù Freedom Club

-Pubblicità-
Tommaso De Beni
Giornalista pubblicista dal 2020 nato nel Basso Vicentino nel 1987, laureato in Teoria e critica letteraria. Ex presidente dell'associazione culturale e redattore della rivista "ConAltriMezzi". Ho pubblicato racconti nelle raccolte "Write not die" ed "Escape" e poesie in siti vari e "Pagine". Ospite della trasmissione televisiva "MattinaInFamiglia" nel 2013. Ex collaboratore di PopcornTv, Notizie.it, BlastingNews e Vvox