Venezia, il più antico casinò del mondo

Venezia, gran canale
Venezia, gran canale
- Pubblicità -

Tra le tante perle che il Veneto racchiude nel suo territorio, Venezia è certamente quella più celebrata e conosciuta anche nel resto del mondo. Una delle tante particolarità che rendono unica la città lagunare, oltre alle sue innumerevoli bellezze artistiche e alla inimitabile atmosfera delle sue calli, è la presenza della più antica casa da gioco del pianeta. Il Casinò di Venezia è stato infatti fondato nel 1638, e anche se al giorno d’oggi tutte le possibilità di intrattenimento proposte dalle sale da gioco fisiche possono essere vissute al meglio anche su internet, grazie alla presenza di siti come Voglia Di Vincere casinò online, che vi permettono di puntare alla roulette, oppure di giocare a blackjack e poker anche interagendo con croupier in carne e ossa, è innegabile che l’atmosfera dei veri casinò è inimitabile. E, tra essi, quello di Venezia è un luogo che merita, almeno una volta, di essere visitato di persona. Ma vediamo qualche cenno storico di questa importantissima sala da gioco.

UNA STORIA CHE INIZIA NEL XVII SECOLO

Il Casinò di Venezia nasce ufficialmente nel 1638, all’interno del Ridotto di San Moisé, nel sestiere di San Marco. Il ridotto, o foyer, è la sala di sosta e intrattenimento all’interno dei teatri, dove il pubblico si raccoglie durante le pause degli spettacoli. Qui era tollerato l’esercizio del gioco d’azzardo, altrimenti vietato. Quello di San Moisé divenne il primo luogo deputato a questo intrattenimento a essere normato.

Arriviamo agli anni Trenta del XX secolo, quando al Lido viene inaugurata la nuova sede del casinò. Vent’anni più tardi, la società che gestisce la sala da gioco apre una sede più centrale, all’interno della suggestiva Ca’ Vendramin Calergi. Palazzo Rinascimentale che affaccia sul Canal Grande, la più importante via d’acqua della città, Ca’ Vendramin Calergi è stata residenza dei dogi, le più importanti cariche politiche cittadine ai tempi della Repubblica Marinara, e poi ultima dimora del musicista tedesco Richard Wagner.

Infine, nel 1999 è sorta un’altra sede a Ca’ Noghera, località sulla terraferma nella municipalità di Favaro Veneto, e scelta per la sua vicinanza all’aeroporto cittadino. La particolarità di questa sede sta nel fatto che si tratta del primo casinò all’americana aperto in Italia.

IL CASINO’ DI VENEZIA OGGI

La società che gestisce le due sedi del Casinò di Venezia ha giustamente puntato sulla differenziazione delle due strutture, che presentano quindi un’identità molto diversa tra loro, e di conseguenza anche giochi differenti.

Se amate i più tradizionali giochi da tavolo, soprattutto di origine francese, come lo Chemin de Fer, il Punto Banco o la Roulette Francese, dovete decisamente puntare su Ca’ Vendramin Calergi. Nella sede cittadina sul Canal Grande potrete però optare anche per giochi di tradizione statunitense come il Caribbean Poker, la Fair Roulette e il blackjack, oltre che per un buon assortimento di slot machine.

Se invece sono proprio le slot machine, a far battere il vostro cuore di giocatori, ma anche i principali giochi da tavolo (sia statunitensi che francesi), allora la struttura di Ca’ Noghera è quella che fa al caso vostro, perché potrete scegliere tra ben 550 slot e svariati tavoli di poker e blackjack. Attenzione, però: chi ama il poker deve sapere che in questa sede non è più presente la room dedicata al Texas Hold’em.

-Pubblicità-