Turetta e Cub contro bavaglio “covid” di Pavesi a dipendenti Ulss 8: ViPiù è solidale ma al nostro funerale non vengano gli “indifferenti”

Lacrime di coccodrillo
Lacrime di coccodrillo
- Pubblicità -

Da sempre pubblichiamo le prese di posizione di chi (a destra, a sinistra, al centro, di lato, di sotto, di sopra…)  condanna ogni tipo di censura dell’informazione. La nota a firma Maria Teresa Turetta (CUB Pubblico Impiego Vicenza) affronta il problema per un grave, se ribadito, “invito” con cui il dg della Ulss Berica vuole tappare la bocca a chi, tra i suoi dipendenti, osasse ancora riferire di eventuali malfunzionamenti della venerata sanità veneta e, nel caso, vicentina.

Pubblichiamo, ovviamente, subito e con la nostra adesione l’appello di Maria Teresa Turetta, ma peccato che lei e Cub, con cui in particolare siamo da sempre e così convintamente solidali da esserci guadagnati la, a questo punto, “gradita” antipatia delle sigle “padronali” Cgil, Cisl e Uil,  mai alzino un dito, a differenza del, sia pur solo accennato, ditino dei cugini di Usb con cui dovrebbero unirsi invece che lottare, per denunciare le censure che questo mezzo subisce, con attacchi legali, dai potenti di turno e di vari settori, tra cui il capo dei capi della sanità veneta, lo zar anti covid ora vacillante senza il puntello dello scomodo Crisanti (da qui gli inviti alla quarantena dell’informazione interna da cui, ovviamente, nasce in parte quella, sgradita, esterna?)

Il bavaglio per Giovanni Coviello al tribunale di Vicenza
Il bavaglio per Giovanni Coviello al tribunale di Vicenza

Cara sindacalista e cari iscritti a Cub e a sindacati e movimenti che a parole difendono la libertà di stampa, VicenzaPiu.com  e il sottoscritto, suo umile direttore, hanno in corso ben dieci procedimenti, tra civili e penali, perché osano denunciare, supportando le denunce con documenti e testimonianze, situazioni su cui la magistratura e le autorità preposte dovrebbero porre la dovuta attenzione, invece che utilizzare le loro armi a difesa del “zitti e ciechi tutti, tutto va ben madama la marchesa”.

Eppure in questo quadro da tempo immemorabile non sentiamo né la voce né anche solo flebili lamenti da parte di Cub, che praticamente solo su ViPiù.it (il vecchio, a noi caro VicenzaPiu.com) trova spazio o maggiore attenzione per le sue denunce mediatiche, come quella odierna della presunta censura della Ulss 8.

Nonostante tutto e nonostante l’ipocrisia della pacca sulle spalle, ma di nascosto perché nessuno veda il gesto amichevole, noi continuiamo a aver il nostro dovere per informare Vicenza, il Veneto. l’Italia.

Se, poi, questo mezzo dovete soccombere alle minacce crescenti, di cui sono pieni il tribunale di Vicenza e di Venezia per il penale e per il civile, per cortesia Turetta & c. non venite al nostro funerale a versare lacrime di coccodrillo.

Nessuno scriverebbe della vostra… esistenza.

Con reale affetto per chi lotta veramente per un mondo migliore

Il direttore

Ecco la nota che, ripeto, condividiamo

Ulss 8 Berica – Per affrontare la pandemia serve personale sanitario e medico. CUB: basta affrontare le emergenze azzerando i diritti dei lavoratori

Pavesi e Zaia
Pavesi e Zaia

Il direttore generale Giovanni Pavesi dell’Ulss 8 Berica, con una circolare interna del 16 ottobre ha “invitato” i dipendenti a non far uscire notizie su quello che sta accadendo nelle varie strutture ospedaliere di Vicenza. Evidentemente il direttore generale ha la coda di paglia e, per paura di creare allarmismo tra la cittadinanza, impone ai lavoratori di tenere le bocche cucite. Già, ma cosa sta succedendo in questi giorni nelle strutture sanitarie vicentine?

La guerra Covid
La guerra Covid

Il personale da anni oramai lavora in emergenza ed in questa seconda ondata di pandemia è allo stremo; stiamo assistendo all’azzeramento d’imperio dei diritti dei lavoratori che si traducono in mancati riposi, turni programmati di giorno in giorno, trasferimenti di massa da una struttura all’altra senza alcuna spiegazione, chiusura di importanti reparti come la lungodegenza di Lonigo, trasferimenti illegittimi di personale sanitario nelle case di riposo di Montebello Vicentino e di Montecchio Maggiore dove si sono registrati focolai importanti grazie all’improvvisazione di qualche alto dirigente/presidente che punta al risparmio evidentemente anche nella formazione del personale interno.

Inoltre i concorsi di personale infermieristico sono ancora in alto mare, quando invece avrebbero potuto essere tranquillamente essere conclusi nel corso dell’estate.

Maria Teresa Turetta (Cub Vicenza e segretario nazionale pubblico impiego)
Maria Teresa Turetta (Cub Vicenza e segretario nazionale pubblico impiego)

Va tutto bene dunque? No, non va assolutamente bene nulla e non si tratta di creare allarmismo, qui qualcuno deve rispondere delle vite umane di chi opera nelle nostre strutture sanitarie senza alcun rispetto dei diritti sanciti dai contratti di lavoro e dalle leggi sulla sicurezza nei posti di lavoro. La Regione Veneto deve investire in assunzioni di personale: il Covid-19 lo si combatte con assunzioni massicce di personale medico e sanitario più che con le chiusure indiscriminate e i coprifuoco.

La CUB ha dato mandato ai propri legali di presentare un esposto alla magistratura sulla situazione al limite che si vive nei reparti vicentini.

La CUB si riserva di proclamare lo stato di agitazione del personale: ai cittadini non servono eroi sottopagati, sfruttati e calpestati nei loro diritti.

Maria Teresa Turetta

CUB Pubblico Impiego Vicenza


Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro.  I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere in futuro i nostri articoli e ad accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, al nostro archivio web e cartaceo, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Clicca qui e diventa Partner, Amico o Sostenitore 

Grazie, Giovanni Coviello

Opzioni ViPiù Freedom Club
Opzioni ViPiù Freedom Club
-Pubblicità-
Giovanni Coviello
Ho il piacere e l'onore di dirigere queste testate Dopo un'iniziale esperienza come ricercatore volontario universitario (1976-77)e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (1976-78) ho maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore delle telecomunicazioni e dell'informatica (1978-1993), ho ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi mi sono occupato di marketing e gestione sportiva (volley) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, per poi dal concentrarmi dal 2008 sulle edizioni giornalistiche (VicenzaPiù, VicenzaPiu.com e VicenzaPiu.tv). Ho fondato nel 2019 anche Laltravicenza.it, Parlaveneto.it e Bankileaks e dirigo da luglio 2020 la nuova testata nazionale DeepNews.it