Tribunale di Palermo ha condannato Intesa Sanpaolo a risarcire società che aveva acquistato azioni BPVi tramite Banca Nuova

Intesa Sanpaolo chiamata a
Intesa Sanpaolo chiamata a "rispondere" dei debiti di BPVi e Veneto Banca?
- Pubblicità -

Egregio direttore di ViPiu.it, augurandomi di fare cosa gradita, porto a Vs conoscenza che il Tribunale di Palermo, con sentenza pubblicata in data 21.6.2021, ha condannato Intesa Sanpaolo a risarcire una società assistita dal nostra studio, con sede a Padova e avente sede legale a Palermo, che aveva acquistato azioni di Banca Popolare di Vicenza (ora in LCA) con l’intermediazione di Banca Nuova.

A seguito di tale sentenza, Intesa Sanpaolo dovrà corrispondere l’importo di circa € 60.000,00, oltre alle spese legali.

L’elemento di maggior interesse di tale decisione è il riconoscimento della legittimazione passiva di Intesa Sanpaolo, quale incorporante di Banca Nuova.

A tale proposito, si segnala che Intesa Sanpaolo solleva sistematicamente tale eccezione in tutte le cause analoghe, richiamando il D.L. 99/2017, a seguito del quale sono state cedute a Intesa Sanpaolo tutte le posizioni attive di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, oggi entrambe in LCA.

Con tale eccezione, Intesa Sanpaolo è sino ad oggi riuscita, in molti casi, a paralizzare le richieste risarcitorie di risparmiatori che avevano acquistato in buona fede azioni/obbligazioni delle due ex banche popolari venete.

Con la decisione de quo si consolida l’orientamento del Tribunale di Palermo che correttamente riconosce la legittimazione passiva di Intesa Sanpaolo, quale incorporante di Banca Nuova, nei casi in cui l’acquisto delle azioni di Banca Popolare di Vicenza sia avvenuto con l’intermediazione di Banca Nuova (la quale è stata incorporata da ISP con atto di fusione successivo al D.L. 99/2017).

Tale decisione, insieme ad altre del medesimo Tribunale, apre finalmente la strada ai risparmiatori di ottenere il risarcimento integrale di quanto ingiustamente perduto.

Resto a disposizione ed invio cordiali saluti,

avv. Virgilio Calabrese

-Pubblicità-