Covid, Teatro Comunale di Vicenza chiude nel 2022? L’allarme di Cirella. Più ottimista Hüllweck

Il segretario generale della Fondazione vede nero, ma il presidente resiste: "non ci penso neanche alla chiusura, speriamo in aiuto di Comune, Regione e privati e nella fine dell'epidemia"

Il presidente della Fondazione teatro Comunale di Vicenza Enico Hüllweck e il segretario generale Pier Giacomo Cirella
Il presidente della Fondazione teatro Comunale di Vicenza Enico Hüllweck e il segretario generale Pier Giacomo Cirella
- Pubblicità -

Si parla spesso in questo periodo di Covid del disagio del mondo della cultura e degli spettacoli, danneggiato economicamente tanto quanto altri settori dal lockdown di marzo e di nuovo oggi dal Dpcm di ottobre. Ma l’allarme di Pier Giacomo Cirella, segretario generale della Fondazione che gestisce il Teatro Comunale di Vicenza, fa tremare i polsi. In un’intervista a Chiara Andreola su VeneziePost infatti a proposito del bilancio il segretario generale si esprime così: “grazie ai minori costi di gestione e attingendo al fondi di riserva, riusciamo a superare quest’anno. Ma nel prossimo, in assenza di aiuti statali e soprattutto di un aumento delle quote dei soci, non sarà così. E il 1 gennaio 2022 il Teatro Comunale di Vicenza chiuderà“.

Abbiamo quindi chiesto al presidente della Fondazione ed ex sindaco di Vicenza dottor Enrico Hüllweck se conferma questa previsione pessimistica, o crudelmente realistica, dovuta ovviamente all’emergenza Coronavirus e non certo a una cattiva gestione. “In questo momento non dobbiamo parlare di chiusura del Teatro, abbiamo bisogno di aiuto da parte del Comune, della Regione, delle banche e dei privati, il bilancio è passivo ma se nel 2021 si esce dall’emergenza Covid non è detto che si chiuda, si riprende a fare spettacoli. Se no che facciamo, distruggiamo il Teatro?“.

Il teatro Comunale non attinge al Fus, cioè a dire non prende soldi dallo Stato, ma non sarebbe il caso di chiedere al ministero un’eccezione data l’eccezionalità appunto dell’emergenza Covid?

Purtroppo il Teatro non prende fondi statali, d’altro canto vediamo che nel governo non c’è un programma per quanto riguarda la cultura. Quando sono stato presidente la prima volta nei primi 3 anni abbiamo chiuso con 500 mila euro in attivo. Adesso sono stato richiamato in un momento assurdo. C’è una perdita economica dovuta al covid, ma è una situazione che colpisce tutti: industrie, bar, è un dramma, come una guerra. E quindi anche mettendomi nei panni del governo capisco che sia difficile star dietro a tutto. Però dobbiamo darci una mano tutti quanti per cercare di risalire e di farcela – conclude – piuttosto che parlare di chiusura“.


Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere in futuro i nostri articoli e ad accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, al nostro archivio web e cartaceo, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Clicca qui e diventa Partner, Amico o Sostenitore

Grazie, Giovanni Coviello

Opzioni ViPiù Freedom Club

-Pubblicità-
Tommaso De Beni
Giornalista pubblicista dal 2020 nato nel Basso Vicentino nel 1987, laureato in Teoria e critica letteraria. Ex presidente dell'associazione culturale e redattore della rivista "ConAltriMezzi". Ho pubblicato racconti nelle raccolte "Write not die" ed "Escape" e poesie in siti vari e "Pagine". Ospite della trasmissione televisiva "MattinaInFamiglia" nel 2013. Ex collaboratore di PopcornTv, Notizie.it, BlastingNews e Vvox