Sospensione brevetti vaccini, Cristina Guarda (consigliera regione Veneto EV): “dal Parlamento Europeo un passo avanti su proposta Verdi”

Sospensione brevetti vaccini
- Pubblicità -

Si esce dalla pandemia solo con una azione globale, non possiamo immunizzare solo i Paesi più ricchi illudendoci che così il virus scompaia”. Così la consigliera regionale di Europa Verde, Cristina Guarda, interviene sulla questione vaccini e brevetti e aggiunge: “Su proposta dei Verdi europei il Parlamento europeo ha approvato un emendamento sulla sospensione temporanea dei brevetti dei vaccini. Nello specifico si tratta di un emendamento che chiede una revoca temporanea dei diritti di proprietà intellettuale per i vaccini contro il Covid-19”.

Cristina Guarda, consigliera Regionale Europa Verde
Cristina Guarda, consigliera Regionale Europa Verde

Un segnale politico importante – spiega la consigliera – perché i vaccini devono essere un bene comune, uno strumento utile a guidarci fuori da una emergenza sanitaria a livello globale senza precedenti. Ci attendiamo ora scelte coraggiose, ma capaci di guardare alla comunità, anche da parte del Governo italiano e di quello degli altri Paesi. Ma attenzione: non si cada nell’errore di svendere quei vaccini di ‘serie B’ che l’Europa non vuole più, come fosse un gesto di beneficenza”.

Serve un serio piano globale/mondiale che metta in sicurezza almeno la popolazione più fragile. Ai tempi della globalizzazione non si raggiungerà mai l’immunità di gregge se questo virus, che è entrato a far parte delle nostre vite, continuerà a viaggiare indisturbato di paese in paese. Anche il Veneto faccia la sua parte!”, conclude Cristina Guarda.

-Pubblicità-