La ciurma Vicenza abbandona l’ammiraglio Rosso? L’ex ds Werner Seeber: “fatidica crisi del settimo anno”. E Coviello…

Rosso e Seeber
Rosso e Seeber
- Pubblicità -

Chi si aspettava un “modello” diverso nel mondo del calcio, con un progetto sportivo a lungo termine in “stile Ferguson” per far tornare nel gotha del calcio italiano una società prestigiosa come il Lanerossi Vicenza, per ora almeno sarà rimasto deluso.

La LR Vicenza Virtus di Renzo Rosso prima ha esonerato durante la stagione l’allenatore Giovanni Colella alle prime difficoltà mentre ora si è separata dal direttore sportivo Werner Seeber. “È stato un divorzio consensuale, la fatidica crisi del settimo anno…”, ci ha detto con un sorriso l’ex ds dopo l’annuncio ufficiale della fine del “matrimonio”. Un lungo percorso nel calcio con la famiglia Rosso interrotto dopo il primo anno in una realtà completamente diversa da Bassano.

Ora anche la rosa biancorossa è in procinto di veder saltare diversi petali. Dopo quella che doveva essere una prima stagione da “anno zero”, si ripartirà da zero insomma.

Un parere lo abbiamo chiesto anche a Giovanni Coviello, ex presidente del volley rosa a Vicenza e oggi direttore di VicenzaPiù, che ha preso il club in A2 nel ’94, portandolo dal “profondo rosso” ai livelli europei, nonostante gli “sgambetti” del territorio. Per di più senza avere un’azienda alle spalle, ma solo grazie alla competenza e a una passione così grande da compromettere alla fine i suoi interessi personali. De Laurentis – afferma Coviello, tifoso del Napoli – per la sua attività primaria, i film, fattura 25 milioni e ha preso il Napoli in C, lo ha portato subito in B e poi in A, pur senza avere esperienza nel calcio, e ora sta stabilmente in Europa. L’anno scorso ha preso il Bari e l’ha subito portato in C con un salto ulteriore già programmato. Invece una potenza economica come Rosso, che fattura più di un miliardo e mezzo di euro e ha un patrimonio personale valutato in tre miliardi di euro, cosa fa? Prende Il Lane a… due euro e lo lascia in C pur dopo aver avuto una lunga esperienza nel calcio col Bassano e poi cerca soci che aprano i cordoni delle loro borse. Mah…

Seeber, durante la nostra telefonata, un pensiero lo rivolge proprio anche a Coviello, sotto attacco e in difficoltà per la sentenza Donazzan contro il suo giornale: “spero stia bene, coraggio, non bisogna mai mollare”.

Dopo le dimissioni improvvise di mister Serena, “i conti” che farà Colella come dichiarato subito dopo il termine della stagione, e alcuni giocatori che spesso in campo davano l’idea di aver voglia di cambiare al più presto “aria”, l’augurio è che per il Lane non arrivi, in assenza di risultati a breve, anche un ben peggiore ammutinamento contro l’ammiraglio Rosso: quello dei tifosi.

-Pubblicità-