Recovery Plan, ANCI Giovani Veneto: “poche risorse per i giovani”

Roberto Bazzarello
Roberto Bazzarello
- Pubblicità -

Poche risorse per i giovani e per le politiche giovanili nel Recovery Plan: questa la denuncia dei rappresentanti di ANCI Giovani Veneto che nel primo pomeriggio di oggi si sono confrontati in videoconferenza con il loro Coordinatore Nazionale Luca Baroncini, Sindaco di Montecatini Terme.

Il Coordinatore veneto, Roberto Bazzarello (in foto), e la vicecoordinatrice Yuki d’Emilia, Assessora al Turismo del Comune di Belluno, hanno portato sul tavolo tematiche condivise dai giovani tra le quali, la possibilità di incentivi alle assunzioni a tempo indeterminato degli Under-35, un bonus per le aziende che assumano laureandi; incentivi ed esenzioni fiscali per start up e imprese fondate da giovani; sostegno all’emancipazione giovanile, attraverso il social housing e operazioni di rigenerazione urbana per il recupero di immobili dismessi da destinare ad abitazioni con affitti ridotti per i giovani; strumenti per conciliare al meglio i tempi di lavoro e famiglia, con indennità di maternità e paternità anche per i lavoratori autonomi e asili nido gratuiti; il finanziamento, attraverso i comuni, di iniziative territoriali per le politiche giovanili, come il sostegno alle consulte giovanili o la realizzazione di luoghi di aggregazione e di cultura, anche per contrastare fenomeni come l’abbandono scolastico che nell’ultimo anno ha visto una pericolosa crescita.

«In questo delicato e drammatico momento, riteniamo sia fondamentale investire sui e per i giovani – spiegano in un comunicato Bazzarello e d’Emilia – lavoro, istruzione, sviluppo, nuove tecnologie, socialità sono le grandi tematiche che nel corso di quest’anno di emergenza sanitaria hanno subìto i colpi più duri, ed è quindi fondamentale prevedere interventi importanti così da essere pronti con efficacia al momento della ripartenza. È importante per noi in questo momento avere un canale di confronto aperto con il Governo”.

Il pacchetto delle proposte raccolte dal coordinamento nazionale di ANCI Giovani verrà infatti discusso con il Ministro per le politiche giovanili Vincenzo Spadafora, al quale i giovani amministratori avevano chiesto un incontro.

-Pubblicità-