Quando cambiare le gomme del tuo scooter e quali sono i valori di pressione ideali

Quando cambiare le gomme del tuo scooter e quali sono i valori di pressione ideali
Quando cambiare le gomme del tuo scooter e quali sono i valori di pressione ideali
- Pubblicità -

Siamo abituati a pensare a cambiare le gomme quando si tratta di mezzi a quattro ruote, che si tratti di auto o furgoni. Nel caso del mezzo a due ruote, ancora di più nel caso dello scooter, è come se il pensiero dei pneumatici (e la loro manutenzione) passasse in secondo piano; ci si sofferma di più sull’agilità del mezzo, sul motore, e soprattutto sul fatto che abbia sempre il serbatoio pieno. Invece, le gomme (e la loro usura) sono un fattore determinante a garantire non solo le prestazioni del nostro scooter, ma soprattutto la sua sicurezza. Perché funzionalità e sicurezza vanno di pari passo.

Oggi è possibile avere un quadro chiaro della situazione non solo confrontandosi con un meccanico di fiducia, ma anche online: ad esempio si possono trovare proposte e offerte riguardo ai pneumatici per scooter su gommeplanet.it. Un ordine online delle gomme porterà, inoltre, ad avere la stessa garanzia sul prodotto a prezzi inferiori. Vediamo come sceglierle!

Come scegliere il pneumatico per scooter

Le gomme della moto, esattamente come quelle di tutti gli altri mezzi, necessitano di controlli periodici e manutenzione. Quando vanno cambiate? Sicuramente non quando sono ormai arrivate al limite. Sarà utile dare uno sguardo al manuale d’istruzioni del mezzo, valutare il tipo di strada su cui si è soliti adoperarlo e, quindi, il tipo di guida abituale. Da notare inoltre che:

  • Il chilometraggio è un valore considerato da molti (la media è di 6 mila km) ma non è attendibile di suo data l’incidenza del tipo di strada e di guida.
  • La gomma posteriore tende ad avere un’usura maggiore: la tendenza è quella di cambiarle comunque insieme per avere pneumatici con strutture identiche (e prestazione ottimale).
  • Le strade presentano buche, lo scooter sale su marciapiedi: è più soggetto a oggetti contundenti.

Da qui si capisce quanto sia semplice poter forare o danneggiare la gomma. Inoltre, sarà pertinente valutare la possibilità di avere pneumatici specifici d’inverno e d’estate: se siete soliti percorrere nei mesi invernali strade con ghiaccio o condizioni meteo con basse temperature o precipitazioni frequenti, sarà importante avere dei pneumatici invernali sul vostro scooter; che però non andranno bene per la stagione estiva, per la quale sono inadatti e meno sicuri.

L’importanza della giusta pressione

Questo fattore andrebbe verificato almeno due volte al mese, su gomme ferme da almeno due ore o con percorrenza inferiore ai 3 km a bassa velocità. I centimetri (pochi) di contatto tra il pneumatico e la strada fanno la differenza per la sicurezza del mezzo (e anche per limitare i costi economici).

Qual è la pressione giusta delle gomme? Vediamolo:

  • L’indicatore lo si trova sul libretto d’uso del motociclo ed è dato dalla casa di costruzione. Sarà diverso per modello e soprattutto a seconda della cilindrata (50, 125, 150); la gomma anteriore risulterà lievemente più bassa rispetto a quella posteriore.
  • Un pneumatico gonfiato troppo darà una minore aderenza all’asfalto.
  • Un pneumatico gonfiato troppo poco causerà una moto più pesante e un consumo maggiore non solo del pneumatico stesso ma anche del carburante.

Abbiamo visto l’importanza di non sottovalutare le gomme della propria moto. Perché monitorarle è un atto di responsabilità, verso sé stessi e verso gli altri.

-Pubblicità-