Processo BPVi verso le arringhe, Renato Bertelle: “chiaramente responsabili gli imputati, anche quegli assenti tra cui… Banca d’Italia!”

- Pubblicità -

Renato Bertelle, un ostico avvocato di Malo, che alle udienze del processo BPVi , tutte da noi seguite, rappresenta caparbiamente una serie di risparmiatori azzerati, da anni, prima ancora che il suo cancro andasse in metastasi, ha urlato al mondo e nelle assemblee della Banca Popolare di Vicenza le evidenze dei sintomi del male che incurabile allora non era se…

Se il presidente del CdA, Gianni Zonin, i membri della sua “Corte di Amministrazione“, non solo l’unico attuale co-imputato Giuseppe Zigliotto, i dirigenti operativi, non solo quelli oggi alla sbarra, i revisori e gli organi di controllo, Banca d’Italia e Consob, quindi, in primis ma anche gli “accondiscendenti” organi giudiziari locali si fossero guardati nello specchio e avessero valutato correttamente le sue denunce.

Poiché questo non stato fatto, ci dice Renato Bertelle nell’intervista raccolta nel suo studio venerdì scorso per fotografare il lancio del rush finale del processo BPVi, che dal 3 dicembre, Covid permettendo, prevede le arringhe dell’accusa, delle parti civili pubbliche e private e delle difese, era inevitabile il crac in cui si sono bruciati i risparmi di 118.000 soci e i progetti di un territorio intero, per la verità corresponsabile dei suoi mali con la sua attitudine a mettersi prono davanti ai potenti di turno in cambio del favore di giornata, questo lo aggiungiamo noi esplicitando il non detto di venerdì ma chiaro in tanti altri scambi di idee col legale maladense.

E allora?

Il processo BPVi – sintetizza Bertelle – ha rese chiare a tutti, collegio giudicante in primis, le responsabilità di tutti gli imputati presenti ma anche di quelli non chiamati a rispondere del disastro tra cui tutti gli altri amministratori, tutti i revisori e… Banca d’Italia il cui ruolo mi auguro che la presidente del collegio Deborah De Stefano, con le sue colleghe Camilla Amedoro ed Elena Garbo voglia valutare di portare a un successivo esame giudiziario“.

E poi..

Poi vedete e soppesa iil video.


Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro.  I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere in futuro i nostri articoli e ad accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, al nostro archivio web e cartaceo, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Clicca qui e diventa Partner, Amico o Sostenitore 

Grazie, Giovanni Coviello

Opzioni ViPiù Freedom Club
Opzioni ViPiù Freedom Club
-Pubblicità-
Giovanni Coviello
Ho il piacere e l'onore di dirigere queste testate Dopo un'iniziale esperienza come ricercatore volontario universitario (1976-77)e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (1976-78) ho maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore delle telecomunicazioni e dell'informatica (1978-1993), ho ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi mi sono occupato di marketing e gestione sportiva (volley) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, per poi dal concentrarmi dal 2008 sulle edizioni giornalistiche (VicenzaPiù, VicenzaPiu.com e VicenzaPiu.tv). Ho fondato nel 2019 anche Laltravicenza.it, Parlaveneto.it e Bankileaks e dirigo da luglio 2020 la nuova testata nazionale DeepNews.it