Processo BPVi, l’11 luglio tocca alll’imprenditore Luca Ferrarini (in video): “giornali invitavano a comprare azioni ma ora il problema è Intesa Sanpaolo”

- Pubblicità -

Nel processo BPVi, davanti al collegio con presidente Deborah De Stefano, giudici a latere Elena Garbo e Camilla Amedoro, e con l’accusa rappresentata dai pm Luigi Salvadori e Gianni Pipeschi, l’11 luglio il noto imprenditore di alimentari Luca Ferrarini (articolo pubblicato l’11 luglio, aggiornato col video della deposizione il 22 luglio, ndr) a causa delle difficoltà bancarie avute con le Popolari venete è stato costretto a chiedere il concordato delle sue società. Ci hanno rimesso anche personalmente i suoi cinque fratelli e sorelle a partire da quel 2012 quando fece il primo acquisto di azioni della Banca Popolare di Vicenza.

Con un impegno verbale di riacquisto“, ha dichiarato durante la sua deposizione al processo BPVi, per il secondo giorno consecutivo in corso al tribunale di Vicenza.

C’erano giornali e incontri pubblici – ha ricordato Ferrarini – che invitavano a comprare le azioni, uno dei punti di forza a differenza delle altre banche quotate erano dei prezzi vantaggiosi”.

Il concetto di “parcheggio”  – aggiunge Ferrarini – mi è stato ripetuto più volte, era una prassi diffusa all’interno di tutta la banca“.

Poi un accenno all’ex presidente Gianni Zonin:

Mi hanno presentato a una cena Zonin e altri membri del cda, ci scambiavano delle idee sulla banca“.

Infine l’amara conclusione con la beffa oltre al danno e uno sfogo in aula:

Per l’indebitamento attualmente siamo sotto un vero e proprio attacco da parte di Banca Intesa“.

«Abbiamo subito un vero e proprio attacco, devo dirlo anche se questa non è la sede. Quando le banche venete sono finite in liquidazione coatta, Intesa (che ne ha rilevato la parte attiva, ndr) dapprima ci ha chiesto il rientro dei finanziamenti, poi ci ha offerto di vendere tutto al fondo Italmobiliare di Carlo Pesenti. Alla fine, non abbiamo avuto altra scelta che andare al concordato in bianco».

N.B. Proponiamo i video integrali in esclusiva del processo BPVi dall’udienza del 13 giugno su questo mezzo, sul nostro canale YouTube e sul canale streaming VicenzaPiu.tv e LaPiu.Tv (qui il nostro palinsesto) visibili su Pc e tramite l’omonima App disponibile gratuitamente per l’ambiente iOs e Android.

-Pubblicità-