Piano Estate del Ministro Patrizio Bianchi per la Scuola. “Agorà. La Filosofia in Piazza”: il vuoto di impegni come horror vacui

Piano Scuola Estata 2021
Piano Scuola Estata 2021
- Pubblicità -

Diceva Pascal in un celebre pensiero dedicato alla noia che «niente è insopportabile all’uomo quanto l’essere in pieno riposo, senza passioni, senza occupazioni, senza divertimenti, senza faccende. Sente allora la sua nullità, il suo abbandono, la sua insufficienza, la sua dipendenza, la sua impotenza, il suo vuoto»[1].

A quanto pare questa condizione affligge anche i Ministri, in particolare quello attuale dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che ha pensato di proporre al termine delle lezioni curricolari un “piano Estate” per impegnare studenti e docenti durante il periodo estivo.

Coerentemente ad un’impostazione aziendale della scuola, si vede emergere il bisogno del Ministero di ottimizzare dei tempi liberi che appaiono improduttivi, cosa che per la verità non sembra dispiacere alle famiglie. Le famiglie, infatti, nell’ultimo anno di pandemia da Covid-19 sono state costrette ad avere per troppo tempo i figli in casa, a seguirne i collegamenti per la Didattica a Distanza, oltre che ad aiutarli con i compiti e magari anche nelle interrogazioni fatte online con i professori. L’occasione di delegare ad altri la gestione dei figli viene vissuta, quindi, come un momento di riposo per i genitori.

Per molti docenti, invece, la scuola d’estate è come il mare d’inverno che cantava la Bertè, “un concetto che il pensiero non considera” oltre che “qualcosa che nessuno mai desidera”: perché loro sono stanchi e sfibrati da un anno scolastico vissuto all’insegna della precarietà organizzativa e logistica, in cui non è stato possibile programmare nulla che andasse oltre la settimana, con continui stravolgimenti orari e la moltiplicazione di collegi straordinari e ore passate ad inventarsi lezioni quanto più coinvolgenti per una pletora di alunni demotivati e stralunati dall’assenza di relazioni con i propri compagni e coetanei.

Ma il ministero pensa di recuperare tutto questo in estate, nel tempo del riposo, nel tempo dedicato proprio alla frequentazione di luoghi non scolastici e di diversa socializzazione, con il fine di trasformare la scuola in un oratorio laico con le annesse attività ludico/ricreative.

Il vuoto di impegni, quindi, fa paura a tutti: come i vecchi fisici aristotelici siamo animati da un postmoderno horror vacui, che ci porta a cercare di riempire ogni spazio esistenziale e sociale, con l’intima convinzione – alla fine – di diventare un pochino più felici e meno ansiosi in questi tempi difficili.

E se, invece, il segreto per essere felici fosse quello di abbracciare questo vuoto e scoprire che in fondo ciò che temiamo di più è incontrare al suo interno noi stessi, con le nostre fragilità e i nostri limiti?

Adesso, però, smetto di scrivere, altrimenti non avrò più tempo per correggere i compiti.

[1] B. Pascal, Pensieri, 79, traduzione di F. De Poli, Bur, Milano 2003, ebook.

Qui troverai tutti i contributi a Agorà, la Filosofia in Piazza

a cura di Michele Lucivero

Qui la pagina Facebook Agorà. Filosofia in piazza e Oikonomia. Dall’etica alla città

-Pubblicità-
Teodoro Custodero (Locorotondo 1980) insegna Filosofia e Storia nella provincia di Padova. Laureatosi nel 2006 all’Università di Bari con una tesi sui “Pensieri” di Pascal, relatore il prof. Roberto Finelli, si è poi abilitato all’insegnamento di Storia e Filosofia (A19) e sostegno presso la SSIS di Bari. Cultore e appassionato della materia fa parte dal 2016 della SFI vicentina e dal 2017 del comitato scientifico della Societas Spinozana. Tiene stabilmente seminari filosofici per la formazione dei docenti e ha al suo attivo 2 pubblicazioni: “Pensieri superflui sullo spirito ai tempi di Facebook”(prefazione di R. Finelli, Pietre Vive Editore, Bari 2015) e “Sul corpo. Con Schopenhauer sull’orlo del nulla”, (Diogene Filosofia, Bologna 2017). I suoi temi di ricerca sono il rapporto mente-corpo nella storia della filosofia, lo studio della filosofia di Spinoza e gli influssi del pensiero di Schopenhauer e Nietzsche sulla psicoanalisi freudiana e junghiana.