Pedemontana, mozione PD Veneto: “sia gratuita per i residenti come Via del mare”

Pedemontana casello Montebelluna Bassano
Pedemontana casello Montebelluna Bassano
- Pubblicità -

“Bene l’annunciata gratuità della Via del Mare per i residenti, sperando che poi la promessa non resti disattesa come accaduto per la Pedemontana, dove erano state garantite esenzioni, previste poi nella prima convenzione, ma successivamente scomparse. Per un semplice principio di coerenza, quindi, nei prossimi giorni presenteremo una mozione per chiedere alla Regione di agire in tal senso, togliendo il pedaggio sulla Pedemontana per i residenti”. L’annuncio arriva da un comunicato del capogruppo del Partito Democratico Giacomo Possamai dopo le rassicurazioni dell’assessore ai Trasporti De Berti e del presidente Zaia sulle esenzioni totali per gli abitanti degli otto Comuni interessati dalla superstrada. Già una volta sono state cambiate le carte in tavola, evitiamo di vedere il bis.

“In fase di progettazione della Superstrada Pedemontana Veneta, – spiega il consigliere – era stata prevista un’esenzione dal pedaggio, a partire dal casello più vicino al Comune di residenza, per 21 chilometri in entrambe le direzioni. Un’esenzione ‘a scalare’: 100 per cento per i primi 12 anni, 50 per cento dal tredicesimo, 25 per cento dal diciassettesimo e pagamento integrale soltanto dal ventunesimo anno dall’entrata in servizio. Agevolazioni – ricorda il capogruppo dem – che interessavano ben 70 Comuni, 47 della provincia di Vicenza e 23 di quella trevigiana e cancellate completamente dalla convenzione del 2017. Oltretutto, la Pedemontana risulta essere uno dei tratti più cari d’Italia, con un pedaggio di quasi 16 centesimi a chilometro: un salasso per chi la percorre quotidianamente per recarsi sul luogo di lavoro o per i mezzi di trasporto aziendali. Credo – conclude Giacomo Possamai – sia doveroso un impegno a rivedere i piani, garantendo le stesse condizioni promesse per la Via del Mare”.

-Pubblicità-