Pavesi in Lombardia, PD Alto Vicentino: “dg unico per Ulss7 e 8”

Giacomo Stiffan PD Alto Vicentino
Giacomo Stiffan PD Alto Vicentino
- Pubblicità -

Dopo che Giovanni Pavesi, direttore generale dell’Ulss 8 Berica, è stato chiamato dal neo assessore al wellfare e vicepresidente della Lombardia Letizia Moratti a dirigere la sanità lombarda, e considerando che nell’ulss 7 Pedemontana c’è un commissario in attesa dell’espletamento delle procedure concorsuali, il Partito Democratico Alto Vicentino rilancia in un comunicato l’idea di nominare un direttore generale unico per le Ulss 7 e 8.

“Una regia unica potrebbe aggiungere quell’omogeneità a livello provinciale che finora non c’è stata ma con la peculiarità di mantenere distinte le due ulss – afferma Giacomo Stiffan, Segretario circolo di Santorso e coordinatore di zona dello Scledense – una soluzione che sembra davvero win-win, potenzialmente capace di dare uniformità di gestione a beneficio di tutti i vicentini pur nel rispetto delle diverse specificità territoriali”.

“Con questo non metto le mani avanti, comprendo benissimo che ognuno ha le sue motivazioni per dire sì o per dire no ma è altrettanto vero che se non proviamo a ragionare con originalità rischiamo davvero di perdere un’occasione: “passato il santo passato il miracolo” come si dice da queste parti, pensarci dopo sarà troppo tardi.

“L’Ulss Pedemontana era stata concepita come un progetto sperimentale e alla fin della fiera un bilancio lo dobbiamo pur fare: le cose funzionavano meglio prima o funzionano meglio ora? Questa è la domanda che dobbiamo porci tutti e mi pare di capire che la stragrande maggioranza delle persone risponderebbe che se potesse scegliere tornerebbe indietro volentieri”.

“Purtroppo per ovvie ragioni non si può ed è evidente che dobbiamo cercare una strada alternativa, pensare fuori dagli schemi. Per questo motivo prima di buttare il bambino con l’acqua sporca propongo di mettere un attimo da parte i campanilismi e i simboli di partito per valutare nel merito la proposta a mente fredda – conclude Stiffan – quantomeno prima di scartarla aprioristicamente”.

-Pubblicità-