“No al Natale chiusi in casa”: Salvini e la faccia come il C…ovid. A gennaio criticherà il governo per non aver impedito la terza ondata?

Salvini triste per Babbo Natale
Salvini triste per Babbo Natale
- Pubblicità -

Il segretario della Lega Matteo Salvini ospite della trasmissione di “uno dei pochi giornalisti che non si allinea al pensiero unico” cioè Fuori dal coro di Mario Giordano su Rete4 ha criticato l’idea di un lockdown natalizio del professor Galli, il cui ‘pessimismo della ragione’ lo ha portato a dire che bisognerebbe, data l’emergenza sanitaria, evitare assembramenti, contatti, e quindi rendere questo Natale virtuale (come del resto lo è stata la Pasqua). “No a un Natale chiusi in casa”. “Farsi il Natale su Skype comprare su internet i regali? Se li faccia lui! – ha tuonato il Kapitano -. Tuteliamo i nostri negozi, si può fare a meno di Amazon come chiedono in Francia. Giù le mani dal Natale. A che titolo questo a metà novembre ci dice che non possiamo stare con i figli e con i nonni tra un mese?”. A che titolo? Magari quello di infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano. E poi perché non si potrebbe comprare italiano online? Come se internet fosse solo Amazon e come se su Amazon i prodotti fossero solo stranieri. Su Twitter i fan gli scrivono “guai se ci tolgono la messa”. Salvini cavalca quest’idea di un governo brutto e cattivo calato dall’alto che prende decisioni solo per fare del male alla gente, come se non ci fosse una pandemia in corso. O meglio, la pandemia c’è se fa comodo, come quando, dopo aver passato l’estate a dire che bisognava aprire le discoteche e che non c’era motivo per attendersi una seconda ondata, ha attaccato il governo per non aver previsto e adottato misure preventive contro la seconda ondata e poi a fine ottobre ha detto che il lockdown generale potrebbe anche essere fatto, se serve.

Segnamoci questa data: 17 novembre, in cui Salvini dice che bisogna fare il Natale come se nulla fosse. E poi aspettiamolo, quando a gennaio criticherà il governo per non aver fatto niente contro la terza ondata di Covid.


Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro.  I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere in futuro i nostri articoli e ad accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, al nostro archivio web e cartaceo, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Clicca qui e diventa Partner, Amico o Sostenitore 

Grazie, Giovanni Coviello

Opzioni ViPiù Freedom Club

 

 

-Pubblicità-
Tommaso De Beni
Giornalista pubblicista dal 2020 nato nel Basso Vicentino nel 1987, laureato in Teoria e critica letteraria. Ex presidente dell'associazione culturale e redattore della rivista "ConAltriMezzi". Ho pubblicato racconti nelle raccolte "Write not die" ed "Escape" e poesie in siti vari e "Pagine". Ospite della trasmissione televisiva "MattinaInFamiglia" nel 2013. Ex collaboratore di PopcornTv, Notizie.it, BlastingNews e Vvox