L’azienda Alì installa 118 defibrillatori per la sicurezza di collaboratori e clienti

- Pubblicità -

Dopo aver installato i defibrillatori nella sede centrale di Via Olanda n. 2 a Padova e nel magazzino adiacente, oltre al recente magazzino situato in Via Svezia, il Gruppo Alì completa la dotazione, l’importante mezzo salvavita, in tutta la rete dei punti vendita per un totale di 118 presidi DAE (defibrillatori semiautomatici). Sono 362 i collaboratori che hanno conseguito l’abilitazione del DAE, attraverso un percorso formativo, tenuto da Croce Rossa Italiana. Il corso ha allineato tutti i collaboratori sulle linee guida emanate da ERC2020 in tempo di COVID-19 che puntualizzano l’importanza dei dispositivi di auto protezione, (quali mascherine, visiera o occhiali auto protettivi e guanti);l’adeguamento della manovra a GAS (Guardo Ascolto Sento) nel rispetto delle distanze di sicurezza;

“Abbiamo deciso di acquistare i defibrillatori per un motivo semplice, vogliamo salvaguardare la vita dei nostri collaboratori e dei nostri clienti – afferma Gianni Canella, Vice Presidente di Ali SpA – Il defibrillatore è uno strumento salvavita importantissimo e crediamo giusto che sia presente nei nostri negozi come nei magazzini e negli uffici. Proprio perché è statisticamente provato che l’arresto cardiaco è una delle più frequenti cause di morte, abbiamo deciso di dotarci, in modo capillare, di questi strumenti salvavita, semplici da utilizzare e di fondamentale importanza per ripristinare il ritmo cardiaco in caso di necessità. Questo è anche un modo per estendere e divulgare la cultura del primo soccorso promossa da Croce Rossa.

Nel 2015 i due punti vendita pilota ed essere dotati del presidio salvavita DAE sono stati l’Alìper di Abano e l’Alìper di Maserà, formando 4 collaboratori ciascuno e aggiornando annualmente il corso per poterlo utilizzare in caso di emergenza.

Ora il Gruppo Alì ha completato l’installazione dei defibrillatori nell’intera rete di vendita, portando al box informazioni di ogni supermercato il presidio salvavita. E ‘stato individuato per l’installazione di un punto visibile per ogni punto vendita e facilmente accessibile in caso di necessità.

Ogni anno in Italia le vittime dell’arresto cardiaco sono 60.000. La letteratura scientifica internazionale ha ampiamente dimostrato che in caso di arresto cardiaco improvvisato un intervento di primo soccorso, tempestivo e adeguato, assistito, in modo statisticamente significativo, a salvare fino al 30 per cento in più delle persone colpite. L’arresto cardiaco avviene quasi sempre senza preavviso e può colpire chiunque. Se non si riesce a ripristinare velocemente il ritmo cardiaco, la morte sopraggiunge in pochi minuti e dopo appena 8 minuti possono subentrare danni cerebrali irreversibili. Quindi, nel caso in cui si manifesta un arresto cardiaco, è vitale intervenire nell’immediato, utilizzando un defibrillatore, che può consentire al cuore di riprendere un ritmo cardiaco regolare.

Grazie alla Legge n ° 120 del 3 aprile 2001, oggi chiunque può intervenire tempestivamente, in attesa dell’arrivo dei soccorsi: è necessario conoscere poche e semplici manovre e avere a disposizione un defibrillatore semiautomatico esterno (AED o DAE). Per questo i collaboratori dei supermercati Alì hanno seguito un corso formativo di abilitazione buono del DAE, organizzato dalla Croce Rossa e aggiornato alle ultime linee guida emanate durante l’emergenza sanitaria COVID-19.

Alì Supermercati, azienda padovana della grande distribuzione fondata nel 1971, con un fatturato che ha superato il miliardo di euro, conta 114 punti vendita in Veneto ed Emilia Romagna, tra negozi di quartiere Alì Supermercati e superstore Alìper, dando lavoro ad oltre 4.000 collaboratori. Nel 2018/2019/2020 ha ricevuto il premio per il miglior reparto Ortofrutta d’Italia. Sul piano della sostenibilità ambientale, grazie agli interventi per limitare l’impatto delle attività, nell’anno 2019 sono state risparmiate all’ambiente 710 tonnellate di emissioni di CO2 e ad oggi sono stati messi a dimora dall’azienda, in collaborazione con i clienti , quasi 23.000 alberi nell’ambito del progetto We Love Nature.

-Pubblicità-