L’auto sanificata garanzia di sicurezza per la famiglia

Sanificazione dell'auto
Sanificazione dell'auto
- Pubblicità -

Il Coronavirus ha rivoluzionato anche l’atteggiamento con cui ci si prende cura dell’auto. Ed infatti moltissime sono le persone che hanno preso l’abitudine di igienizzare con cura le parti che più spesso vengono toccate come volante e leva del cambio, ma anche cruscotto e tappetini auto. 

Il tutto per arrivare ad una maggiore igiene nel posto, dopo casa e ufficio, dove si passa più tempo insieme ai familiari, ma spesso anche in compagnia di estranei. Ed allora l’accortezza di portare la mascherina può non bastare. 

Gli esperti di sanificazione propongono varie soluzioni, in cui la più rapida è quella di usare l’ozono e altri composti solubili nell’aria che distruggono i virus ed i batteri. Si raccomanda da parte dei principali protocolli, un disinfettante multisuperficie a base di alcol che deve essere poi rimosso usando un panno in microfibra in maniera da non danneggiare parti sensibili quali lo schermo del computer di bordo o il vetro del pannello comandi. 

Un’altra occasione molto utile per aumentare l’igiene dell’abitacolo è inoltre il  tagliando periodico,  durante il quale è consigliabile sostituire i filtri dell’aria abitacolo e sanificarli con appositi spray, anche per eliminare l’eventuale presenza di batteri che potrebbero diffondersi tramite il sistema di aerazione.

Da non sottovalutare inoltre le parti esterne della carrozzeria in particolare in corrispondenza delle maniglie di apertura delle porte e dell’eventuale portellone posteriore. Anche qui l’uso di un disinfettante multisuperficie è altamente consigliato. 

Ed infine un ultimo consiglio: prendetevi cura anche di due oggetti che spesso non conoscono mai il tocco di una salvietta igienizzante: l’apri portone del garage e le chiavi dell’auto. Se ci pensate sono due strumenti che si toccano all’inizio ed alla fine di ogni tragitto. Occorrerà quindi che anche questi siano il più possibile puliti.
Durante il periodo invernale, durante il quale su molte auto non si utilizza il condizionatore se non per la funzione di disappannamento rapido, l’umidità depositata può generare muffe e funghi, che possono essere causa di cattivi odori ma anche di disturbi respiratori.
Esistono poi in commercio delle bombolette igienizzanti che replicano il funzionamento del trattamento all’ozono. L’impiego della bomboletta igienizzante è molto semplice: è necessario chiudere i finestrini e accendere il condizionatore con la funzione di ricircolo dell’aria, posizionare la bomboletta sul tappetino posto di fronte al sedile del passeggero, premere la valvola, e quindi chiudere anche tutte le portiere fino al completo esaurimento dello spray igienizzante. Una volta pulito a fondo l’auto prima di metterci alla guida ricordiamo di igienizzare e pulire bene le mani portando sempre con noi un flaconcino di gel disinfettante: lavandoci le mani prima di metterci alla guida elimineremo ogni eventuale traccia di batteri, virus e contaminazioni e con essa la possibilità di infettare l’abitacolo della nostra vettura.

Oltre ai detergenti per auto, infatti è consigliabile non portare dentro l’auto germi, virus e batteri. E quindi prima di mettersi alla guida una bella spalmata sulle mani di una soluzione idroalcolica al 65% con aloe vera, adatta all’uso frequente è l’ideale. E poi chiaramente prudenza, sempre, e cintura allacciata anche per percorsi brevissimi. 

-Pubblicità-