Newsletter di Repubblica di Maurizio Molinari: obiettivo prioritario Governo convincere riluttanti a vaccinarsi contro Covid, alluvione in Germania e…

Le conseguenze dell'alluvione in Germania (Reuters/Wolfgang Rattay per la Repubblica)
Le conseguenze dell'alluvione in Germania (Reuters/Wolfgang Rattay per la Repubblica)
- Pubblicità -

Il governo ha un obiettivo prioritario, convincere i riluttanti a vaccinarsi contro il Covid. Sono oltre 17 milioni i cittadini sopra i 12 anni che non hanno ricevuto neppure la prima dose. È la vera battaglia di Palazzo Chigi, del generale Figliuolo e del ministro Speranza: stanare i perplessi, eliminare i ritardi. Servirà la collaborazione delle Regioni e dei partiti. Oggi vertice anche sul tema giustizia tra Draghi e Conte. Il premier pretende lealtà dal nuovo leader M5S, si dirà disponibile a discutere ma chiederà all’ex premier di garantire l’omogeneità della maggioranza. Sulla riforma della Giustizia è pronto a mettere la fiducia in aula. I commenti sono di Ezio Mauro, Chiara Saraceno, Filippo Ceccarellie Giuseppe Pignatone. In un’intervista a Repubblica, il leader della Lega Matteo Salvini dice: “Via le restrizioni del Green Pass e pressing sui vaccini solo per gli over 60, Ma nessuno può essere obbligato”; poi parla anche di Giustizia e di voto amministrativo.

Negli Esteri, la triste giornata di Angela Merkel, che è andata sui luoghi dell’alluvione in Germania e ha sottolineato l’importanza che i governi europei trovino una posizione comune per arginare il riscaldamento globale. Non arrivano segnali positivi da Est. Dice infatti a Vincenzo Nigro il vicepremier polacco Gowin: “Possiamo discutere un compromesso sui diritti se la Ue smette di ingerire nella politica di Varsavia”.

In Cronaca due storie. La prima è di Elena Stancanelli che è andata a trovare la madre di Sara Di Pietrantonio, uccisa il 29 maggio 2016 dall’ex fidanzato, condannato all’ergastolo per omicidio e stalking. La donna ripercorre l’intera vicenda e sottolinea l’importanza del reato di stalking come aggravante. La seconda storia è scritta da Romina Marceca che entra per la prima volta nella camera di Emanuela Loi, l’agente di scorta di Borsellino morta nella strage di via D’Amelio a Palermo 29 anni fa.

Giochi senza pace in Giappone. Altri positivi nel Villaggio olimpico di Tokyo. Cresce la tensione, gli organizzatori hanno deciso di limitare ogni possibilità di contatto tra gli atleti. Intanto, hanno rinunciato ai Giochi il golfista Molinari e il tennista Matteo Berrettini, quest’ultimo per un infortunio muscolare: sono disperato, dice l’azzurro, non è stata la paura del virus a fermarmi. Ne scrivono i nostri inviati in Giappone. Nel Gran Premio di Formula 1 a Silverstone vittoria di Hamilton sulla Ferrari di Leclerc, beffato nel penultimo giro. Terzo Bottas. Brutto incidente per Verstappen finito in ospedale per accertamenti. Calcio, in casa Juventus potrebbe partire Ronaldo, destinazione Parigi, e arrivare Mauro Icardi come centravanti. Confermati Dybala e Chiellini.

Buona lettura,

Maurizio Molinari

La foto del giorno

Image

Le conseguenze dell’alluvione in Germania (Reuters/Wolfgang Rattay)

Italia

Libero De Rienzo, dal cellulare e dal pc le risposte sulla morte dell’attore. Gli esami che i carabinieri del Ris eseguiranno oggi sulle tracce di polvere biancastra trovata nell’appartamento in via Madonna del Riposo all’Aurelio e l’esito dell’autopsia, che sarà eseguita al Policlinico Gemelli, aiuteranno a chiarire le cause della morte improvvisa di Libero De Rienzo. L’ultimo post dell’attore su Instagram: “Notte africana, tanto vale accendersi un fuoco in bocca”. (Repubblica)

Pornhub racconta il nudo nelle opere d’arte dei musei. Dagli Uffizi parte la diffida. Il sito porno lancia “Classic nudes”, un’ audio guida ai capolavori dell’arte erotica presenti in alcuni dei musei più importanti del mondo: dal Louvre al Prado, dalla National Gallery al Met. Fino, appunto, agli Uffizi. Come testimonial dello spot è stata scelta Ilona Staller, in arte Cicciolina. L’idea non è piaciuta alle Gallerie degli Uffizi che stanno preparando la diffida perché nessuno ha dato l’ok all’operazione. In Italia il codice dei beni culturali spiega che per usare a fini commerciali le immagini di un museo (opere comprese) è necessaria l’autorizzazione del museo stesso. (Repubblica)

Il Papa che ama il neorealismo. Ho visto tutti i film di Aldo Fabrizi e Anna Magnani e amo il neorealismo: Papa Francesco aveva già professato, nelle sue prediche da Santa Marta nel primo lockdown imposto dal covid, la sua ammirazione per il cinema italiano dell’immediato dopoguerra. Oggi torna sull’argomento in una lunga intervista con monsignor Dario Viganò, pubblicata nel suo ultimo libro. (Agi)

I podcast di Repubblica

La giornata

Scopri in pochi minuti le principali notizie del giorno  scelte da Repubblica.

di Laura Pertici

ASCOLTA IL PODCAS

Metropolis

Il centro delle cose. Le interviste a caldo e gli approfondimenti del giorno dal lunedì al venerdì.

di Gerardo Greco

ASCOLTA IL PODCAST

La giornata

Scopri in pochi minuti le principali notizie del giorno  scelte da Repubblica.

di Laura Pertici

ASCOLTA IL PODCAST

Metropolis

Il centro delle cose. Le interviste a caldo e gli approfondimenti del giorno dal lunedì al venerdì.

di Gerardo Greco

ASCOLTA IL PODCAST

Mappamondo

L’inchiesta: da Orbán ai sauditi, gli autocrati spiavano i telefoni dei reporter. Il suo nome evoca il cavallo alato della mitologia greca, ma in questo caso vola negli angoli oscuri del web per rubare informazioni dai telefonini di ignari utenti. Ufficialmente Pegasus, un programma di spionaggio elettronico elaborato dall’azienda israeliana Nso, è stato venduto ad agenzie di intelligence e forze armate di nazioni straniere al solo scopo di combattere terrorismo e criminalità. Ma una fonte anonima rivela i nomi di 50 mila potenziali bersagli, tra cui giornalisti, dissidenti, attivisti. In pratica, un’arma contro la libertà di stampa per i regimi dittatoriali. (Repubblica)

Thailandia, gli errori nella lotta alla pandemia scatenano la rabbia contro il governo. La polizia thailandese ha usato gas lacrimogeni, proiettili di gomma e cannoni ad acqua contro centinaia di dimostranti antigovernativi. La folla è scesa in piazza a Bangkok, nonostante le regole anti Covid, per potestare contro gli errori dell’esecutivo nella lotta alla pandemia. I dimostranti chiedono le dimissioni del premier Chan-ocha, il taglio dei fondi alla monarchia e all’esercito e l’importazione di vaccini mRna, mai arrivati su larga scala nel Paese. Ieri la Thailandia ha registrato il maggior balzo nei contagi: più di 11mila in un giorno. (Aljazeera)

Cina, la falsa normalità dello Xinjiang. Mentre aumenta l’attenzione internazionale sulla condizione dei diritti umani nella regione, Pechino vorrebbe convertire la terra degli uiguri in una meta turistica. Per questo il regime di Xi Jinping sta cercado di far apparire la situazione come normale. Ma gli indizi “sul terreno” raccontano un’altra storia. (El País)

Focus

Spazio sicuro: l’importanza “cosmica” della quarantena. L’esplorazione dello spazio è un’ambizione in crescita continua. Idealmente, le navicelle spaziali e i robot che inviamo a scandagliare il cosmo sarebbero sterili. Nella realtà non lo sono: è impossibile cercare vita aliena in pianeti lontani senza portarsi dietro microrganismi terrestri. È un processo noto come “Forward contamination”. Ridurlo al minimo –  se non evitarlo del tutto – è un compito fondamentale. Alla Nasa esiste una figura apposita, il “planetary protection officer”. (Guardian)

Sport

Tour de France, Parigi incorona ancora Pogacar. Volata capolavoro di van Aert. Tadej Pogacar e Wout van Aert, Parigi ha due re. Il primo compie tre scalate nel tramonto degli Champs-Élysées, salendo e scendendo in continuazione dal gradino più alto del podio. Maglia gialla, ovviamente, ma anche quella a pois dello scalatore più forte e, di ovvia conseguenzialità, la bianca di miglior giovane. (Repubblica)

La prima cosa bella

La prima cosa bella di lunedì 19 luglio 2021 è la voce di Anthony Bourdain, anche se non è la voce di Anthony Bourdain, ma la riproduce, identica, un’intelligenza artificiale. O no? Sta facendo discutere il fatto che nel documentario Roadrunner sulla vita dello chef/scrittore/giramondo, che dura 58 minuti, per 45 secondi si senta questa voce dire cose che Bourdain ha soltanto scritto. Come una e-mail a un amico: “Tu hai successo, io ho successo. E mi chiedo: sei felice?”. Ovviamente lo chiede a se stesso. Ma in silenzio… (continua a leggere)

-Pubblicità-