In cinque sedi del Distretto est arriva lo Sportello badanti

- Pubblicità -
Da sinistra, Lorenzi, Marangon e Tosetto

Arriva lo Sportello per le assistenti familiari (badanti), un nuovo servizio del Comitato dei sindaci del Distretto est e dell’Aulss 8 Berica , finanziato dalla Regione Veneto e coordinato dal Comune di Vicenza.

Da oggi lo Sportello badanti apre infatti a rotazione in cinque diverse sedi del Distretto est per offrire servizi qualificati di informazione e orientamento alle famiglie che necessitano di un supporto assistenziale, per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro in questo delicato campo e per aggiornare il registro regionale delle assistenti familiari (badanti) a garanzia del possesso delle competenze e conoscenze necessarie.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina a Villa Lattes, sede dello sportello aperto ogni mercoledì nel capoluogo, dall’assessore alle politiche sociali del Comune di Vicenza Matteo Tosetto, in rappresentanza del Comitato dei sindaci del Distretto est dell’Aulss 8 Berica, per il quale erano presenti anche Elena Lionzo e Loredana Zanella, assessori al sociale dei Comuni di Dueville e Arcugnano.

Per il Distretto est dell’Aulss 8 Berica c’erano il direttore Chiara Francesca Marangon e la responsabile dell’area Disabilità e non autosufficienti Mariuccia Lorenzi.

Erano presenti anche il segretario generale di Cisl Vicenza Raffaele Consiglio, in rappresentanza di Cisl Veneto Servizi, e Andrea Rilievo, presidente della Cooperativa Studio Progetto, le due realtà che gestiscono dal punto di vista operativo gli sportelli con il contributo di Cooperativa Margherita

“Diamo il via su tutto il territorio – ha annunciato l’assessore Matteo Tosetto – a un nuovo servizio informativo e formativo ancora più importante dopo che il Covid ha fatto aumentare in modo esponenziale la richiesta di assistenza domiciliare integrata. Lo Sportello per l’assistenza familiare sarà un punto di riferimento sia per le famiglie che, sempre più numerose, si trovano a gestire un anziano in casa, sia per le badanti, e in particolare coloro che vogliono avvicinarsi a questa nuova professione con la necessaria competenza”.

“La popolazione sta invecchiando – hanno aggiunto le dottoresse Chiara Francesca Marangon e Mariuccia Lorenzi – e non si può pensare di inserire in istituto tutti gli anziani per i quali, peraltro, l’ambiente domestico è molto più favorevole finché le condizioni di salute lo consentono. Bene, quindi sostenere la domiciliarità, investendo anche nella formazione e nel monitoraggio di una figura che deve diventare a tutti gli effetti professionale”

“Fare emergere il lavoro domiciliare – ha commentato Raffaele Consiglio – è un obiettivo sindacale. Altrettanto importante è non far sentire non abbandonate le famiglie che grazie a questa iniziativa saranno inserite in una rete informativa e formativa. Di pari passo le istituzioni dovranno prevedere forme di sostegno fiscale a chi deve ricorrere a una badante

“La cura alla persona – ha aggiunto Andrea Rilievo – è un servizio che sta nel dna della cooperativa sociale che pone grande attenzione verso le famiglie e il lavoratore. Uno dei nostri impegni sarà certamente la formazione”

Oltre che a Villa Lattes, le sedi degli sportelli, aperte ciascuna un giorno alla settimana, si trovano a Sandrigo, Camisano Vicentino, Creazzo e Noventa Vicentina.

La loro apertura è stata possibile grazie a un finanziamento regionale che per l’intera Aulss 8 Berica ammonta per il primo anno a 60 mila euro, di cui 39 mila per il bacino del Distretto est.

Secondo quanto previsto dal progetto coordinato dal Comune di Vicenza, gli sportelli sono molto di più di un punto informativo. Si occupano infatti di orientamento e consulenza sulla normativa di riferimento, sulle procedure di assunzione e sull’eventuale accesso a contributi economici a sostegno delle famiglie per l’assistenza ai non autosufficienti; di ascolto e informazione, con eventuale orientamento verso i servizi del territorio più appropriati; di informazione e consulenza alle badanti per la verifica dei requisiti e l’inserimento registro regionale; sono a supporto nel favorire l’incontro fra domanda e offerta; promuovono occasioni formative rivolte alle assistenti familiari; effettuano il monitoraggio dei casi a tutela dell’adeguatezza degli interventi e della loro continuità nel tempo.

Fin da oggi si può accedere gratuitamente ad ogni sportello, indipendentemente dal Comune di residenza, purché del Distretto est. E’ però necessario chiedere un appuntamento telefonando nei giorni di apertura degli sportelli.

 

Questi i contatti di ciascuna sede 

Sportello di Vicenza, in circoscrizione 6, via Thaon di Revel 44, tel. 0444222764, il mercoledì dalle 14 alle 18; Sportello di Sandrigo all’ex Ospedale, piazza Zanella (2° piano), tel 0444756566, il martedì dalle 14 alle 18; Sportello di Santa Maria di Camisano, alla sede distrettuale, via E. Negrin 90, tel. 0444756831, il lunedì dalle 14 alle 18; Sportello di Creazzo, alla sede AUlss8, viale Italia 14, tel. 0444344570, il venerdì dalle 8.30 alle 12.30; Sportello di Noventa Vicentina ai servizi sociali comunali, piazza IV novembre, cell. 3392910857, il  lunedì dalle 8.30 alle 12.30.

 

L’indirizzo di posta elettronica è lo stesso per tutti gli sportelli: [email protected]

 

Per maggior informazioni:

https://www.comune.vicenza.it/cittadino/scheda.php/42719,270714

-Pubblicità-