Il trasloco step by step: come organizzarlo in modo perfetto con le tempistiche giuste

Trasloco fai da te
Trasloco fai da te
- Pubblicità -

Traslocare, si sa, non è proprio una passeggiata, ma è certo che le cose possono svolgersi più o meno bene in base a molteplici fattori. Per riuscire a cavarsela quello che occorre è organizzarsi bene e poter usufruire degli strumenti e dell’aiuto migliori. Solo con un buon piano d’azione, calcolato nei dettagli, nelle giuste tempistiche è possibile trasformare un trasloco complesso in un trasloco con i fiocchi.

Certo è vero che c’è trasloco e trasloco: se si passa da un quartiere all’altro sarà più facile rispetto a cambiare totalmente città. In ogni caso quello che ci vuole è il poter contare su una ditta di traslochi affidabile e seria.

Se pensavi di far da te, probabilmente è perché non hai mai traslocato. Chi infatti ha già affrontato questo tipo di operazioni di solito, evita di arrangiarsi (almeno non in modo totale) perché sa bene che basta poco per poter rendere le cose più facili.

Se si ha l’aiuto di un team di braccia forti di parenti e amici, magari si può prendere a noleggio solo il furgone, ma se si è in pochi o ci sono arredi molto pesanti o delicati, è meglio chiamare professionisti del settore. In tutti i casi le aziende di solito forniscono diverse formule cosicché ognuno possa poi scegliere quella che meglio si adatta alle sue esigenze.

Le ditte di traslochi più organizzate e moderne (già un buon segno per il cliente) di solito danno la possibilità di fare il preventivo trasloco online, in modo da dare già un’idea a chi ne ha bisogno di un prezzo sommario.

Come muoversi per un trasloco perfetto: le tempistiche

Cosa fare mesi prima

Ci sono delle cose che non si possono fare che mesi prima per assicurarsi siano a posto e puntuali. In primis c’è proprio lo stabilire l’appuntamento con la ditta di traslochi per il giorno dello stesso. Stabilito il giorno X, tutto inizierà a ruotare intorno ad esso: si svolgeranno le pratiche burocratiche per eventuali soste e passaggi in ZTL e si organizzeranno le questioni delle forniture di servizi per le case. Bisognerà disdire le utenze per le quali ci vogliono mesi di preavviso e di conseguenza chiedere le nuove per la casa di destinazione così da essere a posto una volta entrati.

Le cose da fare 3-4 settimane prima

Ci saranno mobili che riutilizzerai tali e quali, altri che necessiteranno di modifiche, altri che invece saranno da eliminare. Lo stesso vale per gli oggetti in casa. Il trasloco è di solito anche l’occasione per selezionare quello che va tenuto e ciò che invece è da eliminare: quando lo si fa bisogna essere oggettivi, valutando in modo serio quello che non farà che accumulare polvere anche nella nuova casa, liberandosene in ragione di un cambiamento in positivo. Per fare tale cernita si parte dalle zone critiche della casa di solito, quelle dove c’è maggior disordine e caos, dove di solito ci sono le cose vecchie ed inutili. Garage e cantine sono le più gettonate in questo senso, ma anche armadi e seconde stanze.

A pochi giorni dal trasloco ufficiale

Stai facendo ormai il conto alla rovescia, sei teso e agitato? Se fino ad ora hai lavorato bene magari no. La cosa migliore quando ci si sposta è che la casa nuova sia pulita. Certo sporcherai di certo un po’ nel portarci i nuovi mobili, ma è meglio che non si accumuli sporco su sporco, quindi sarebbe bene che qualche giorno prima ti occupassi di pulire la nuova casa o di affidare questo compito ad una ditta specializzata. Questa operazione, troppo spesso sottovalutata, ti consentirà di limitare lo sporco e non montare un armadio, per esempio, su cumuli di polvere.

-Pubblicità-