I vantaggi del mercato libero dell’energia

Energia
Energia
- Pubblicità -

L’Italia, dopo anni di rinvii, si appresta finalmente a terminare il cosiddetto regime di maggior tutela dell’energia, lasciando il solo mercato libero dove gli utenti scelgono in autonomia le offerte di energia tra quelle proposte sul mercato dagli operatori del settore.

Il mercato dell’energia in Italia oggi infatti si divide ancora in questi due segmenti: nella maggior tutela, le condizioni contrattuali ed economiche sono definite da ARERA, l’Autorità che regola il mercato energetico; i prezzi si riferiscono solo alla fornitura della componente materia prima perché questo tipo di regime non include servizi aggiuntivi. Nel secondo, il consumatore può scegliere liberamente tra le migliori offerte luce e gas proposte dagli operatori sul mercato.

Il regime di maggior tutela è destinato a finire nel 2022. Per i cittadini, è una buona occasione per trovare l’offerta più adatta al proprio profilo di consumo e risparmiare così sulla spesa energetica, soprattutto nel momento attuale di crisi economica determinata dalla pandemia. Lo stesso discorso vale per le piccole e medie imprese: da gennaio del prossimo anno infatti terminerà il regime di maggior tutela per le PMI connesse in bassa tensione e dal 2022 anche per le microimprese e le utenze civili.

Naturalmente, nessun utente ancora in regime di maggior tutela subirà l’interruzione della fornitura al momento del passaggio: sarà infatti garantita la fornitura per tutto il tempo necessario a scegliere, e non si dovranno pagare oneri per il passaggio al nuovo fornitore. Ci sono però buoni motivi economici per anticipare il cambiamento: il mercato libero infatti consente già agli utenti che aderiscono liberamente di ottenere significativi risparmi in bolletta. La stessa ARERA ha valutato che col passaggio al mercato libero, una famiglia media, con un consumo annuale stimato a 2.700 KWh di elettricità e 1.400 Smc di gas, potrebbe risparmiare rispettivamente 75 e 80 euro all’anno su queste due voci di spesa.

Tra gli operatori già attivi sul mercato libero c’è E.ON, uno dei principali in Italia, che propone sia ai consumatori sia alle imprese una gamma di offerte energia che offrono diversi vantaggi, tra cui una formula di compensazione ambientale, lo sconto sulla componente Energia alla sottoscrizione di luce e gas insieme e una formula scontata per i piccoli consumi.

-Pubblicità-