Hayato Nakashima, dal Giappone a Vicenza per studiare l’italiano al liceo Lioy

Hayato
- Pubblicità -

Hayato Nakashima, 17enne giapponese, da circa un mese si trova a Vicenza con il programma Ospitalità di ‘WEP‘, un”organizzazione internazionale che si occupa di scambi culturali e linguistici nel mondo. Il giovane vivrà in Italia per quasi un anno, ospite di una famiglia vicentina. Il progetto ospitalità di WEP prevede la possibilità, per uno studente straniero, di soggiornare nel nostro paese sino ad un anno, allo scopo di imparare, frequentando regolarmente un istituto superiore, la lingua italiana.

È iniziata da poco l’avventura di Hayato, che ha deciso di studiare la nostra lingua presso il Liceo Scientifico Paolo Lioy di Vicenza, vivendo con una famiglia italiana. Hayato, che ha scelto l’Italia per vivere un’esperienza di formazione all’estero, racconta in una nota: “voglio studiare la cultura, la religione e la vita quotidiana italiana. Inoltre, mi piace il cibo italiano e la nazionalità. Spero di poter parlare italiano naturalmente. Voglio diventare come una persona italiana. In Giappone la mia scuola è chiusa. Tutti i tornei, gli eventi sono stati cancellati. Le vacanze estive si sono accorciate per compensare il ritardo”.

Il progetto ospitalità di WEP prevede la possibilità, per uno studente straniero, di soggiornare nel nostro paese sino ad un anno, allo scopo di imparare, frequentando regolarmente un istituto superiore, la lingua italiana e vivendo a stretto contatto con una famiglia del posto. Accogliere uno studente straniero nella propria famiglia significa, oltre ad offrire a lui o a lei un’opportunità di crescita, regalare a tutti i membri della casa la possibilità di fare un viaggio alla riscoperta del proprio quotidiano, delle tradizioni italiane e del proprio modo di vita.

-Pubblicità-