Green pass: rinviato a settembre per treni, aerei e autobus. Sì obbligo per teatri, palestre, musei e cinema. Lega: aprire subito discoteche

Green Pass
Green Pass
- Pubblicità -

L’obbligo del Green pass per viaggiare su treni, aerei e autobus a lunga percorrenza potrebbe non essere introdotto con il nuovo dl Covid. È quanto emerge a margine della cabina di regia convocata a Palazzo Chigi. Mentre dovrebbe essere introdotto l’obbligo per accedere a teatri, palestre, musei e cinema.”Soddisfatti per alcune nostre richieste accolte: nessun divieto per i viaggi su treni, aerei e autobus, nessun obbligo per lavoratori, giovani e studenti, rinvio a settembre di eventuali restrizioni”. Lo riferiscono fonti della Lega in merito a quanto emerso nel corso della cabina di regia riunita a palazzo Chigi sul nuovo dl Covid e il green pass. In Cdm – aggiungono – “i ministri della Lega chiederanno (come chiesto dalle Regioni) di tenere al 20% il tetto delle terapie intensive (che oggi sono occupate in media al 2%) per il cambio di fascia, l’esclusione dei ristoranti e dei bar dall’obbligo di utilizzo del lasciapassare, la riapertura immediata (anche col pass) delle discoteche e la gratuità dei tamponi per chiunque sia sprovvisto del pass. Salvare vite e posti di lavoro allo stesso tempo, senza multe e costrizioni, è il nostro obiettivo”. Lo stato di emergenza per la pandemia da Covid-19 sarà prolungato fino al 31 dicembre 2021. È quanto emerge a margine della cabina di regia tra Regioni ed enti locali sul prossimo dl Covid in programma a Palazzo Chigi.

Fonte Public Policy

-Pubblicità-