Filobus a Vicenza, Sala e Tonello (PD): “Recovery Fund è occasione, Rucco promuova studio prefattibilità”

Stazione di ricarica di filobus senza fili
Stazione di ricarica di filobus senza fili
- Pubblicità -

La settimana scorsa veniva pubblicato uno studio scientifico sulla rivista The Lancet di cui ha parlato anche ViPiu (Anche lo smog uccide: studio ‘The Lancet’ su mortalità prematura per PM 2.5, Vicenza quarta in Europa) in cui Vicenza risultava la quarta città in Europa per mortalità prematura legata all’inquinamento da polveri sottili. Anche alla luce di questo e della grande immissione di denaro che sta avvenendo con il Recovery Fund, il Partito Democratico di Vicenza chiede al sindaco Francesco Rucco di studiare sistemi di trasporto urbano meno inquinanti, come ad esempio il filobus. L’anno scorso l’assessore alla mobilità Matteo Celebron aveva presentato il ‘filobus senza fili’, un progetto finanziato con 19 milioni legati alla realizzazione dell’Alta Velocità, la Tav.  “Quella è la cosiddetta linea rossa – ci spiega Isabella Sala, capogruppo del PD in consiglio comunale, che abbiamo sentito a tal proposito -.  Ma ci sono altre due linee non finanziate dalla Tav, quella verde, da Ospedaletto a Vilaggio del Sole e quella blu, da  Pomari a Laghetto. I soldi ci sono grazie alla Recovery Fund, tanto criticato dai leghisti, per la cosiddetta mobilità di nuova generazione – ci spiega ancora Sala – ma bisogna aver pronto il progetto per il bando che arriverà in primavera. Sulla carta c’è, perché era stato presentato dall’amministrazione precedente, ora si tratta di dargli sostanza”.

Angelo Tonello PD
Angelo Tonello PD

“Il filobus potrà finalmente cambiare la mobilità a Vicenza. Eppure Rucco sembra ostinatamente ignorare i fondi che potrebbero arrivare con il Recovery Fund. l governo infatti ha deciso di destinare al Trasporto Pubblico Locale 4,6 miliardi di euro, fra cui il finanziamento di un bando per la realizzazione di sistemi di trasporto rapido di massa che saranno individuati tramite una nuova manifestazione di interesse nei primi mesi del 2021” aggiungono in una nota che pubblichiamo Isabella Sala e Angelo Tonello, coordinatore del circolo 7 Ferrovieri e membro della commissione territorio del PD.

Isabella Sala capogruppo PD in consiglio comunale Vicenza
Isabella Sala capogruppo PD in consiglio comunale Vicenza

“Il mancato accesso a questi finanziamenti per la realizzazione delle due linee Lam, il cui tracciato è già definito nel vigente Piano Urbano della Mobilità, penalizzerebbe pesantemente la città che necessita di un sistema di trasporto rapido di massa anche alla luce dei dati che la vedono al quarto posto nella classifica europea dei morti per inquinamento atmosferico”.

“Pertanto – concludono gli esponenti dem vicentini – invitiamo il Sindaco a promuovere rapidamente uno studio di prefattibilità delle Lam per essere pronti a partecipare alla manifestazione d’interesse promossa dal Ministero. Altrimenti Vicenza rischia di perdere un’occasione unica per sola responsabilità dell’immobilismo e dell’attendismo di questa amministrazione. Da parte nostra siamo pronti a mettere a disposizione tutte le nostre competenze per dare prospettive alla nostra città”.

 

 

 

 

-Pubblicità-
Tommaso De Beni
Giornalista pubblicista dal 2020 nato nel Basso Vicentino nel 1987, laureato in Teoria e critica letteraria. Ex presidente dell'associazione culturale e redattore della rivista "ConAltriMezzi". Ho pubblicato racconti nelle raccolte "Write not die" ed "Escape" e poesie in siti vari e "Pagine". Ospite della trasmissione televisiva "MattinaInFamiglia" nel 2013. Ex collaboratore di PopcornTv, Notizie.it, BlastingNews e Vvox