Eutanasia legale, domenica 13 settembre raccolta firme in piazza Matteotti

eutanasia
- Pubblicità -

La sentenza della Corte di Assise di Massa, con cui sono stati assolti Marco Cappato e Mina Welby per l’assistenza al suicidio offerta a Davide Trentini ha ulteriormente ampliato il diritto al ricorso di questa tecnica anche in Italia, già precedentemente riconosciuto dalla Corte
Costituzionale. “Ma siamo di fronte a un paradosso “all’Italiana” – spiega in un comunicato l’associazione Luca Coscioni annunciando una raccolta firme a Vicenza e Verona – in assenza di una legge che stabilisca in modo preciso il dovere dello Stato di rispettare ed aiutare l’esercizio della libertà di scelta da parte dei malati, non c’è certezza sui tempi ed è forte il rischio di finire comunque alla via giudiziaria. Così il diritto non viene né goduto, né garantito: un corto circuito davvero difficilmente replicabile, e incomprensibile nonostante l’impegno di personalità come Fico, D’Incà, l’appoggio del M5S e PD e qualche parlamentare del centro destra, e soprattutto di questi tempi, in cui il Parlamento rivendica la propria centralità, ma su questo tema, nonostante il doppio monito della Corte Costituzionale, non ha mai discusso nemmeno un minuto una questione davvero prioritaria”.

“Quanto conquistato è stato fatto nei tribunali. L’emergenza è tangibile, in quanto mentre continuano senza sosta i “viaggi della speranza” dei malati all’estero, in condizioni assurde ed economicamente possibili solo per una cerchia ristretta di italiani, circa tre persone al giorno ci contattano per chiedere aiuto e informazioni (1000 dal 2015).

Domenica 13 settembre si raccoglieranno le firme per l’eutanasia legale a Vicenza dalle 10 alle 19 in piazza Matteotti.

 

-Pubblicità-