Elon Musk è l’uomo più “patrimonializzato del mondo”, Il Fatto: la finanziarizzazione dell’economia

- Pubblicità -

Forse vi sarà capitato di leggere che, secondo il “Billionaire Index” di Bloomberg, l’imprenditore sudafricano Elon Musk è ormai l’uomo più ricco al mondo: con l’ultima impennata in Borsa della sua Tesla (auto elettriche) ha superato pure Jeff Bezos di Amazon, primo da oltre tre anni, ma recentemente impoverito da un divorzio da 60 miliardi di dollari o giù di lì. Problemi di eccessiva accumulazione non ce ne sono visto che metà dei soldi di Musk, dice lui, è destinata a risolvere i problemi della Terra e l’altra metà “a costruire una città auto-sufficiente su Marte per assicurare la continuità della vita, di tutte le specie, nel caso in cui la Terra venga colpita da una meteorite”.

Riassumiamo la notizia grazie al Sole 24 Ore: “Elon Musk è diventato l’uomo più ricco del mondo con un patrimonio di 188,5 miliardi di dollari (…) La ciliegina sulla torta per Musk arriva dopo un anno in cui la sua ricchezza è aumentata di 150 miliardi di dollari grazie al rally di Tesla in Borsa nel 2020 (+743%), sostenuto dagli utili della società segnati in diversi trimestri dell’anno scorso”. Nel dettaglio, gran parte del patrimonio di Musk è rappresentato da azioni e stock option Tesla, qualche miliarduccio da SpaceX (viaggi spaziali e, prima di arrivare su Marte, magari qualche commessa della Difesa statunitense) e gli spiccioli da case e altri beni.

Torniamo al Sole: l’enorme aumento di valore di Tesla è avvenuto “nonostante nello stesso anno del Covid abbia prodotto solo mezzo milione di auto elettriche rispetto ai milioni di veicoli usciti dalle fabbriche di Ford e General Motors”. Ecco Tesla – in leggero utile per la prima volta nella sua storia – capitalizza in Borsa oltre 27 volte i suoi ricavi e oltre sette volte Volkswagen che ha dieci volte i suoi ricavi e 25 volte i suoi utili. Quella quotazione, che è la celebrata ricchezza di Elon Musk, non esiste neanche come futura speranza di remunerazione per gli attuali azionisti: multipli che giustifichino quel prezzo sono impossibili. Ecco di cosa si parla quando si dice “finanziarizzazione dell’economia”, mentre se qualcuno se ne esce con “razionalità dei mercati” vi basterà salutare accampando un impegno urgente.

di  

-Pubblicità-