Caso Donazzan-Faccetta Nera, raccolte più di 2500 firme per chiederne le dimissioni

Donazzan petizioneJPG
Donazzan petizioneJPG
- Pubblicità -

Si chiama Silvia Enzi e vive a Padova la ricercatrice che ha deciso di lanciare una petizione su Change.org con l’intento di girarla poi al presidente del Veneto Luca Zaia, per chiedere le dimissioni dell’assessore veneto all’Istruzione Elena Donazzan. “Stasera ho deciso di provare a fare, lanciando questa petizione. Partendo dal piccolo, se lo è – scrive su Facebook -.Servirà? Non so, ma tentare non costa nulla, ed è il solo modo che trovo in questo momento per agire. E non mi ha troppo colpito la sua scelta di cantare “Faccetta nera” anziché “Bella ciao “ alla Zanzara. Quella è stata una macchietta penosa”.

La petizione ha raggiunto in poche ore la cifra richiesta inizialmente di 2500 firme. Ora tale cifra è stata superata e si punta a 5 mila. Un gesto sicuramente simbolico e che rimarrà tale, ma sono tanti i commenti indignati dall’ennesimo episodio di apologia del Ventennio. Dal canto suo il presidente Zaia ha già espresso la sua opinione: Donazzan dovrebbe chiedere scusa, ma le richieste di dimissioni o rimozione deleghe sono archiviate.

-Pubblicità-
Tommaso De Beni
Giornalista pubblicista dal 2020 nato nel Basso Vicentino nel 1987, laureato in Teoria e critica letteraria. Ex presidente dell'associazione culturale e redattore della rivista "ConAltriMezzi". Ho pubblicato racconti nelle raccolte "Write not die" ed "Escape" e poesie in siti vari e "Pagine". Ospite della trasmissione televisiva "MattinaInFamiglia" nel 2013. Ex collaboratore di PopcornTv, Notizie.it, BlastingNews e Vvox