De Bortoli in Commissione banche, magistrato Schiavon a Ruocco & c.: Consoli perseguito per associazione a delinquere solitaria e Bankitalia beata

Procuratore reggente di Treviso Massimo De Bortoli
Procuratore reggente di Treviso Massimo De Bortoli
- Pubblicità -

Ma cosa dovrebbe ancora succedere perché un Pubblico Ministero sia disposto a considerare un’ipotetica responsabilità (magari solo concorrente) di Banca d’Italia nelle sue attività istituzionali di controllo e di indirizzo del sistema bancario?

Durante la presidenza di Ignazio Visco e la vigilanza di Carmelo Barbagallo è capitato di tutto: fallimenti di diverse banche e rovina economica di migliaia di risparmiatori, nei cui confronti non si è avuto alcun riguardo (in barba al disposto dell’art. 47 della  Costituzione, che prevede l’incoraggiamento e la tutela del risparmio e che ne presuppone l’affidamento ad un’Authority imparziale e veramente garante del sistema bancario).

Banca d’Italia ha sponsorizzato il c.d. decreto Renzi, voluto dall’Europa, portatore di sconquassi; ha tollerato manovre speculatorie (come quella ideata e realizzata da Intesa Sanpaolo, che ha finito per distribuire ai propri soci gli utili tratti dai salvadanai delle banche venete); ha  perseguito soluzioni aggregative dissennate (come quella della programmata fusione tra Veneto Banca e BPVi, fondata su dati falsi, che evidenziavano, contrariamente al vero, una maggiore solidità della banca vicentina rispetto a quella montebellunese); ha costantemente assecondato il rigore, l’intransigenza e l’invasività di BCE nella gestione delle aziende di credito (soprattutto quelle italiane) con continue ed assillanti richieste di maggior capitale e di maggiori coperture del credito deteriorato, che hanno finito per ingessarle, con negative conseguenze anche sul credito alle imprese …

Nonostante tutto questo (e molto altro), si è appreso, con non poca sorpresa, che il Reggente della Procura della Repubblica di Treviso, Massimo De Bortoli, nella sua audizione davanti alla commissione parlamentare che tenta di approfondire questo tema, ha quasi beatificato Bankitalia, testimoniandone il corretto, costante,  comportamento, nell’interesse dei cittadini …

Lo stesso Reggente ha anche dimenticato di dire alla presidente Carla Ruocco e ai 40 membri della commissione che la prescrizione penale, da lui paventata e prevista come una sciagura per la giustizia, sarà soprattutto determinata dalle lunghe “vacanze romane” del carteggio, inopinatamente inviato alla Procura della Capitale proprio da quella trevigiana per un’inesistente (come tale, poi, giudizialmente accertata) sua competenza.

Ora il Reggente si prepara al secondo atto caldamente, parrebbe, suggeritogli da Bankitalia: perseguire Vincenzo Consoli quale responsabile esclusivo di tutti i disastri e dei reati ipotizzati, fra cui quello di associazione a delinquere, con lui... unico autore!  Proprio una singolare costruzione giuridica.

Sembra, dunque, che Bankitalia debba essere addirittura ringraziata per il suo operato.

Giovanni Schiavon

Magistrato, già presidente del tribunale di Treviso

Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro.  I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere il nostro articolo ed accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Grazie, Giovanni Coviello

Sei già registrato? Clicca qui per accedere

-Pubblicità-
Giovanni Schiavon
Nato a Treviso nel 1940 è stato magistrato dal 1967, svolgendo funzioni di giudice presso il Tribunale di Venezia , di consigliere presso la Corte di Appello di Venezia, di presidente di sezione del Tribunale di Treviso, di presidente del Tribunale di Belluno, di Capo dell’Ispettorato del Ministero della Giustizia, di Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione, di presidente del Tribunale di Treviso. A partire dall’anno accademico 1989-1990, ha assunto l’incarico di docente presso la Cattedra di Diritto Fallimentare della Facoltà di Scienze Economiche e Bancarie dell’Università di Udine. E’ stato nominato componente della commissione ministeriale per l’elaborazione dei principi di riforma del diritto concorsuale e in seguito, membro della ristrettissima Commissione per la redazione della stessa legge di riforma. E’ stato componente della commissione Disciplinare della Federazione Ciclistica Italiana, componente della Commissione Nazionale Antidoping del CONI, presidente di una società professionistica ciclistica.