Covid, elezioni e scuole: all’Ulss 8 Berica screening per operatori dei seggi elettorali e triplicati i posti per i tamponi dei minori

ospedale San Bortolo
ospedale San Bortolo
- Pubblicità -

Prende il via oggi e proseguirà fino a venerdì 18 settembre lo screening per il Covid-19 dedicato a quanti saranno impegnati nel garantire il regolare svolgimento delle elezioni, in programma domenica 20 e lunedì 21 settembre.

Presidenti e vicepresidenti di seggio, scrutatori e membri delle forze dell’ordine potranno quindi effettuare gratuitamente, su base volontaria, il tampone, senza necessità di prenotazione. Sarà sufficiente infatti presentarsi agli ambulatori ad accesso diretto già attivi presso gli ospedali di Vicenza, Arzignano, Noventa Vicentina (per tutti l’orario è dalle 7.00 alle 13.00), presso l’ospedale di Valdagno (il martedì, mercoledì e venerdì dalle 7.00 alle 12.00) e presso la sede di Distretto in Strada Marosticana (a civico 87, quest’ultimo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 7.00 alle 11.00)

Per effettuare il tampone gli utenti dovranno presentarsi con tessera sanitaria e lettera di nomina a componenti di seggio.

Il referto del tampone sarà reso disponibile tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico che – per chi non lo avesse già fatto – può essere attivato rapidamente seguendo la procedura sul sito Internet dell’ULSS 8 Berica.


Da 36 a 126: in coincidenza con la riapertura delle scuole l’ULSS 8 Berica più che triplica le sessioni dedicate ai tamponi per i minori e attiva nuovi ambulatori nel territorio.

Più in dettaglio, gli ambulatori che erano già attivi dal lunedì al venerdì presso gli ospedali di Vicenza (dalle 8.00 alle 9.00 e dalle 15 alle 16.00) e Arzignano (dalle 7.30 alle 8.30 e dalle 16.30 alle 19.00) sono stati raddoppiati e accanto a questi sono stati creati nuovi ambulatori dedicati ai tamponi pediatrici anche a Noventa Vicentina (11.00-13-00) e Valdagno (11.00-12.00).

Per tutti, l’accesso è esclusivamente su prenotazione, che sarà effettuata tramite una piattaforma online direttamente dai Pediatri di Libera Scelta, per i casi che essi valuteranno come sospetti Covid-19 sulla base dei sintomi manifestati. In caso di esito negativo, la comunicazione ai genitori arriverà direttamente dal Pediatra di Libera Scelta, mentre in caso di esito di positività saranno direttamente gli operatori del Nucleo Covid del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica a contattare la famiglia, avviando subito il protocollo per l’isolamento e le indagini epidemiologiche sugli eventuali contatti stretti.

Va ricordato inoltre che in caso di esito negativo del tampone sarà il Pediatria di Libera Scelta a rilasciare il certificato medico per la riammissione, mentre in caso di altre patologie non collegate al Covid-19 rimane confermato che per la riammissione in classe non è necessario il certificato medico.

«Come azienda socio-sanitaria – sottolinea il Direttore Generale dell’ULSS 8 Berica Giovanni Pavesi – abbiamo messo in campo tutte le risorse necessarie a intervenire in modo tempestivo ed efficace in caso di sospetta positività al Covid in una scuola».

Il tutto in stretta collaborazione con i Pediatri di Libera Scelta: «Il loro ruolo sarà fondamentale – sottolinea il dott. Salvatore Barra, Direttore Sanitario dell’ULSS 8 Berica – non solo perché saranno loro a prenotare direttamente per i propri assisti il tampone, ma perché hanno, e a maggior ragione lo avranno nella stagione invernale, il difficile compito di effettuare una diagnosi differenziale, valutando quali sono i casi realmente sospetti per i quali è necessario il tampone e per quali pazienti invece non vi è motivo di preoccupazione, e quindi di richiedere il tampone».

-Pubblicità-