Covid 19, tamponi con reagenti non certificati: inchiesta per frode ad Asl toscane colpisce Synlab. Anche in Veneto e Vicentino società del gruppo

Synlab Veneto
Synlab Veneto
- Pubblicità -

Una notizia che lascia sconcertati in un'Italia, di cui si pensa di conoscere il peggio ma che il suo peggio lo abbassa di livello quasi ogni giorno, arrivando sempre più spesso a speculare sulla pandemia Covid 19, è quella che Ok! Mugello, testata come le nostre associata ad Anso, titola "Tamponi con reagenti non certificati'. Inchiesta per frode alle Asl Toscane travolge la Synlab. Due indagati. Misure interdittive per i responsabili di laboratorio".

Ma la notizia oltre che sconcerto desta qualche preoccupazione, non riscontrabile ad oggi in quanto noto delle indagini in corso che potrebbero riguardare solo la realtà toscana, anche nel Vicentino e nel Veneto perché delle società italiane del gruppo SYNLAB, "tutte soggette a direzione e coordinamento di SYNLAB LIMITED", una realtà con oltre 20.000 dipendenti il cui sito descrive una grande realtà internazionale e pubblicizza con rilievo i testi sierologici Covid 19 in Italia, fanno parte ben 17 Centri Synlab in Veneto (anche a Noventa Vicentina).

Sulla sezione Synlab Veneto del gruppo, che in Italia ha la "testa" in Lombardia", appaiono i riferimenti della relativa direzione di laboratorio, che parrebbe (oggi non è stato possibile avere contatti con gli eventuali interessati) avere dislocazioni a PadovaVerona,Cerea, Noventa Vicentina (VI) e Chioggiae della locale Direzione sanitaria, che risulterebbe decentrata presso Poliambulatorio VeronaData Medica, CEMES, Euganea MedicaPoliambulatorio Euganea Medica.

Ribadito che ad oggi non risultano riscontri fuori da quanto premesso e che non è stato possibile rintracciare i referenti delle realtà venete per essere possibilmente da loro tranquillizzati, riportiamo integralmente la notizia di Ok! Mugello.

'Tamponi con reagenti non certificati'. Inchiesta per frode alle Asl Toscane travolge la Synlab. Due indagati. Misure interdittive per i responsabili di laboratorio

I militari del Comando Provinciale della Guardia di finanza di Firenze hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di applicazione di misure interdittive per la durata di 12 mesi, adottata dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Firenze – dottor Angelo Antonio Pezzuti, nei confronti del rappresentante e di un direttore di laboratorio di analisi cliniche di una società attiva nel settore della diagnostica da esami clinici con sedi operative sul territorio regionale (si tratta, si apprende oggi dal quotidiano La Nazione, della Synlab, che ha processato, in convenzione con le Asl regionali, la stragrande maggioranza dei tamponi toscani utilizzando però, secondo le accuse, reagenti non validati).

Nei confronti del primo, l'interdizione opera sulla possibilità di concludere contratti con la Pubblica Amministrazione mentre il secondo è stato interdetto dall’esercizio della professione di direttore del laboratorio.

L'ipotesi di reato è quella di frode nelle pubbliche forniture ex art. 356 c.p. e il provvedimento giudiziario consegue a indagini condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Firenze, sotto il coordinamento del Procuratore Aggiunto Luca Tescaroli e del Sostituto Procuratore Antonino Nastasi della Procura della Repubblica fiorentina, diretta dal dottor Giuseppe Creazzo.

Le indagini, iniziate in pieno periodo di lockdown per l’emergenza sanitaria, hanno portato a rilevare che il laboratorio della società affidataria delle Aziende Sanitarie della Regione Toscana del servizio di analisi per la diagnosi del virus Covid-19 a seguito di tampone, avrebbe proceduto al servizio difformemente da quanto stabilito in sede negoziale. I contratti stipulati a seguito delle procedure negoziali prevedevano l'effettuazione, tra l'aprile e il luglio scorsi, sino a un massimo di circa 3.000 tamponi al giorno, per un valore complessivo dell'affidamento di circa 10 milioni di euro.

In particolare, in difformità dei contratti stipulati con le aziende sanitarie, il laboratorio avrebbe utilizzato in parte un componente del kit diagnostico non previsto contrattualmente ed ad uso di ricerca.

Le indagini delle Fiamme Gialle fiorentine sono state condotte con la collaborazione di alcuni dirigenti della Regione Toscana e la consulenza di personale medico dell’Istituto Superiore di Sanità e dell'Istituto Nazionale di Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani" di Roma.

Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro.  I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere il nostro articolo ed accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Grazie, Giovanni Coviello

Sei già registrato? Clicca qui per accedere

-Pubblicità-
Giovanni Coviello
Ho il piacere e l'onore di dirigere queste testate Dopo un'iniziale esperienza come ricercatore volontario universitario (1976-77)e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (1976-78) ho maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore delle telecomunicazioni e dell'informatica (1978-1993), ho ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi mi sono occupato di marketing e gestione sportiva (volley) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, per poi dal concentrarmi dal 2008 sulle edizioni giornalistiche (VicenzaPiù, VicenzaPiu.com e VicenzaPiu.tv). Ho fondato nel 2019 anche Laltravicenza.it, Parlaveneto.it e Bankileaks e dirigo da luglio 2020 la nuova testata nazionale DeepNews.it