Corte di Giustizia UE boccia Vestager sul caso Tercas antesignano di vari crac bancari, magistrato Schiavon: “si muova Stato per indennizzo globale”

Margrethe Vestager, la commissaria UE alla concorrenza
Margrethe Vestager, la commissaria UE alla concorrenza
- Pubblicità -

Ha fatto scalpore, pur non destando particolare sorpresa, la notizia che la Corte di Giustizia europea ha respinto il ricorso della Commissione UE (qui la sentenza sullaa nostra testata Bankileaks) contro la sentenza del 19 marzo 2019 con la quale il Tribunale UE aveva escluso che l’utilizzo del FITD (fondo interbancario per la tutela dei depositi) per il salvataggio di banca TERCAS (Cassa Risparmio di Teramo) fosse un cosiddetto aiuto di Stato. Quel Tribunale aveva affermato che il FITD è un consorzio di banche, cioè un ente privato, che opera con risorse proprie e non riconducibili allo Stato e, quindi, il suo intervento non era imputabile ad un organismo statale o ad un’impresa pubblica e, di conseguenza, era legittimo. Ma una tale decisione era stata inopinatamente impugnata dalla Commissione UE, che aveva insistito per la tesi dell’aiuto di Stato.

Ora, finalmente, è stato stabilito che la proibizione europea, nel caso TERCAS, si basava su un presupposto giuridico errato.

Giudice Giovanni Schiavon, ex presidente tribunali di Treviso e di Belluno, ex vice presidente di Veneto Banca "post Consoli"
Giudice Giovanni Schiavon, ex presidente tribunali di Treviso e di Belluno

Ma, nel frattempo, quell’ostinata decisione negativa della Commissione UE (pur in presenza di precedenti plurimi salvataggi bancari proprio attraverso il FITD)  ha creato un’infinità di danni. E adesso ci si chiede se sia praticabile (e quale possa essere) un percorso risarcitorio.

Certo è che questo errore impone all’Europa, quantomeno, un urgente ripensamento delle sue direttive in materia bancaria, a cominciare dal bail in, ed una conseguente più rigorosa loro coerenza applicativa. Ma quel che più conta è trovare il modo per costringere la stessa Europa a pagare il conto a tutti. Deve, infatti, essere ricordato che quella decisione, pur se riferita ad un caso specifico di istituto bancario (TERCAS), ha comportato un tale improvviso scompiglio nell’intero sistema bancario, da avere, poi, anche impedito il preventivo intervento del FITD a sostegno di altre banche italiane in crisi: Banca Etruria, Banca Marche, Carichieti, Cariferrara,  che avrebbero così evitato la loro sottoposizione alla procedura di liquidazione coatta amministrativa e la loro “risoluzione”. Inoltre, il diffuso disorientamento conseguito al cambiamento di decisione sull’operatività del Fondo, in tema di salvataggi, ha significativamente creato gravi perdite sul mercato per l’intero comparto bancario. E, per di più, è stato una delle cause che, impedendo l’intervento preventivo del FIDT nelle incipienti crisi delle due banche popolari venete, hanno contribuito al loro default, dopo la verifica dell’inutilità dello sforzo del Fondo Atlante, costituito ad hoc.

In tale contesto, generato dall’ostile atteggiamento europeo, si è, poi, anche  inserita la riforma italiana delle banche popolari del 2015, che le ha forzatamente avviate alla quotazione in borsa  nel momento più disastroso e di massima incertezza del mercato. La riforma (attuata – lo si ricorda ancora – con un provvedimento normativo di urgenza, dopo oltre 130 anni di vigenza del modello delle banche popolari ed approvato, in sede di conversione, con il voto di fiducia al Senato) è stata criticata aspramente non solo per il suo contenuto, ma anche (e soprattutto) per la sua scellerata tempistica applicativa. E tutto questo ha fatto pensare a molti che la fine dei due istituti veneti (Veneto Banca, in particolare) sia stato il coerente e logico risultato delle tante opacità delle manovre di sistema, riconducibili alla politica europea e generate dall’illegittima decisione della sua commissione sulla concorrenza qui menzionata.

Quello commesso dall’Europa è stato, dunque, un errore di diritto talmente grave ed evidente da far sospettare che sia stato l’espressione di una deliberata scelta europea di cambiare decisione sull’estensione applicativa del FITD proprio per dare inizio a qualche prova generale di bail in e di cominciare, così, l’attuazione della programmata (dall’Europa) riduzione del numero delle banche.

Ora si apre una possibile fase risarcitoria che, tuttavia, per i singoli danneggiati, non è né scontata né agevole, come, superficialmente, qualcuno sembra far credere. Esistono, infatti, non poche incertezze interpretative anche sulla disciplina giuridica di riferimento e sulle condizioni fattuali di riconoscibilità di risarcimenti. Ma è, soprattutto, auspicabile che su queste tematiche si impegni, ora più che mai, la Politica ricercando, proprio in Europa, i termini per un’equa riparazione economica a favore delle tante vittime del Sistema.

Sorprende, a tale proposito, che proprio la Vestager (la quale presiedeva la Commissione europea che ha bloccato l’intervento del Fondo nei salvataggi bancari) abbia ricevuto a Bruxelles, nella primavera del 2019, i rappresentanti delle associazioni degli ex soci delle due banche popolari venete ed abbia loro espresso solidarietà per il disastro economico conseguente al loro default (che, senza quella errata decisione, riconducibile anche al suo operato, non ci sarebbe stato). Quell’incontro assume ora il sapore di una beffa…

Adesso si deve muovere (e immediatamente) solo lo Stato, anche perché è bene evitare possibili inquinamenti interpretativi e impedire ad eventuali  opportunisti di depistare, ancora una volta, i risparmiatori traditi,  promettendo loro soluzioni apparentemente facili, ma prive di concretezza, così da renderli, ulteriormente, destinatari di mere illusioni.

Credo, infine, che sia giunta un’ulteriore occasione per convincerci che i numerosi sforzi, provenienti anche da soggetti istituzionali, per attribuire ai soli amministratori tutte le colpe dei disastri bancari debbano sembrarci sempre più strumentali  e depistanti.

Giovanni Schiavon

Magistrato

già presidente dei tribunali di Belluno e Treviso


Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro.  I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere in futuro i nostri articoli e ad accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, al nostro archivio web e cartaceo, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Clicca qui e diventa Partner, Amico, Sostenitore o Sponsor

Grazie, Giovanni Coviello

Opzioni nuove ViPiù Freedom club
Opzioni nuove ViPiù Freedom club
-Pubblicità-
Giovanni Schiavon
Nato a Treviso nel 1940 è stato magistrato dal 1967, svolgendo funzioni di giudice presso il Tribunale di Venezia , di consigliere presso la Corte di Appello di Venezia, di presidente di sezione del Tribunale di Treviso, di presidente del Tribunale di Belluno, di Capo dell’Ispettorato del Ministero della Giustizia, di Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione, di presidente del Tribunale di Treviso. A partire dall’anno accademico 1989-1990, ha assunto l’incarico di docente presso la Cattedra di Diritto Fallimentare della Facoltà di Scienze Economiche e Bancarie dell’Università di Udine. E’ stato nominato componente della commissione ministeriale per l’elaborazione dei principi di riforma del diritto concorsuale e in seguito, membro della ristrettissima Commissione per la redazione della stessa legge di riforma. E’ stato componente della commissione Disciplinare della Federazione Ciclistica Italiana, componente della Commissione Nazionale Antidoping del CONI, presidente di una società professionistica ciclistica.