Caso Donazzan, consiglieri regionali PD: “quale messaggio diamo ai giovani? Zaia ritiri deleghe”

- Pubblicità -

“Chi canta inni fascisti non può stare in un’istituzione e, peggio, fare l’assessore all’Istruzione. Abbiamo assistito sconcertati alla ‘performance’ di Elena Donazzan e presenteremo un’interrogazione a Zaia non solo per chiedergli di dissociarsi ufficialmente, ma per sapere se intende toglierle le deleghe, visto che lei non darà autonomamente le dimissioni”. Lo affermano in un comunicato i consiglieri regionali del PD Francesca Zottis, il capogruppo Giacomo Possamai e i colleghi Anna Maria Bigon, Vanessa Camani, Jonatan Montanariello e Andrea Zanoni. “È un episodio gravissimo, purtroppo non il primo, che non può essere ancora derubricato a ricordo di infanzia o goliardata”.

“È assolutamente fuorviante parlare di libertà di pensiero e libertà delle persone come ha fatto la Donazzan per difendersi dalle accuse, perché il fascismo fu esattamente l’opposto: odio, razzismo e sopraffazione, il periodo più buio della storia d’Italia. La Giunta prenda le distanze, ma lo faccia sul serio, non a parole. Come può ricoprire il ruolo di assessore all’Istruzione chi rivendica le proprie simpatie per il regime fascista? Che messaggio mandiamo – concludono i consiglieri – alle nostre ragazze e ai nostri ragazzi?”.

L’articolo Caso Donazzan, consiglieri regionali PD: “quale messaggio diamo ai giovani? Zaia ritiri deleghe” proviene da Parlaveneto.

-Pubblicità-