Bocconi avvelenati, a Longare una lezione con Ivan Schmidt e Virginia Ancona per insegnare al proprio cane a evitarli

- Pubblicità -

Alla Scuola Cinofila Lupi di Longare saranno ospiti Ivan Schmidt (Svizzera/Italia) e Virginia Ancona (Italia) istruttori noti nel panorama internazionale della cinofilia, dove venerdì 16 ottobre 2020 terranno un primo Workshop sull’indifferenza e rifiuto alle esche e bocconi avvelenati (Progetto Ireba-19) che darà la possibilità a proprietari di cani, dopo un’introduzione teorica di apprendere le tecniche di indifferenza e rifiuto di esche e bocconi avvelenati, diminuendo il rischio di assunzione e salvando la vita al proprio animale.

Schmidt, preso atto della crescente emergenza sul territorio nazionale dei ferimenti/infortuni e decessi legati all’assunzione di bocconi avvelenati o esche (80.000 avvelenamenti l’anno sul suolo nazionale) insieme a Virginia Ancona, hanno deciso di organizzare e mettere a disposizione della popolazione le competenze professionali per insegnare le tecniche di
prevenzione, indifferenza e rifiuto alle esche e bocconi avvelenati. A livello teorico sarà svolta anche un’ampia parte dedicata alla prevenzione, al senso civico, al decoro. Le tecniche collaudate e in costante aggiornamento basate sul rinforzo positivo, hanno permesso di salvare molte vite di cani.

Nel fine settimana del 17 e 18 ottobre invece, gli istruttori Schmidt e Ancona presenteranno sempre all’interno di un workshop nuove tecniche innovative di ricerca persone scomparse con l’ausilio di Unità Cinofile da Mantrailing (cani molecolari). Dopo una prima e breve parte teorica, nella quale tratteranno argomenti quali l’olfatto del cane, le differenze di ricerca, il ruolo del figurante, e altro ancora si svolgerà una parte pratica dove i binomi provenienti da tutta l’Italia potranno sperimentare di persona queste tecniche di ricerca.

Schmidt afferma “Insieme al referente locale Emanuele Righetto e la Scuola Cinofila Lupi di Longare, abbiamo fortemente voluto questo evento, in quanto svariati casi di cronaca, soprattutto quelli più recenti, ci hanno dimostrato come urge una maggiore e ampliata formazione sulle tecniche di ricerca persone scomparse”.

Ivan Schmidt (Svizzera) – Esperto Internazionale, già in prima linea in alcuni dei più importanti casi di persone scomparse in Italia e all’estero, (Yara Gambirasio, gemelline Shepp Svizzera per citarne alcuni), all’attivo oltre 50 interventi in qualità di consulente tecnico, ausiliario di polizia giudiziaria e membro di unità cinofile, sia nazionali che internazionali, Esperto di Cinofilia biologica Forense, ha presentato queste competenze sia in Università Italiane (Udine) sia all’esterno (Madrid, Ibiza, Svizzera, Francia).

– Pubblicità –

-Pubblicità-