AstraZeneca, Crisanti: “è tra i vaccini più sicuri. Molto più rischioso prendere l’aereo”

Prof Crisanti
Prof Crisanti, virologo dell'Università di Padova
- Pubblicità -

“Penso che AstraZeneca sia un vaccino sicuro, anzi tra i più sicuri. Su 35 milioni di persone immunizzate abbiamo una sessantina di casi di reazioni avverse, di cui forse dieci con decessi. È un vaccino che ha una complicazione grave ogni 2 milioni e mezzo di casi, difficilmente si raggiungono livelli di sicurezza come questo”. Ad affermarlo il virologo dell’università di Padova ed ex tecnico della task force anti-Covid della Regione Veneto Andrea Crisanti alla trasmissione Buongiorno di SkyTg24. “Ci preoccupiamo tanto – ha aggiunto Crisanti – di un caso ogni 2 milioni e mezzo di eventi trombotici, ma prima di questa pandemia in Italia c’erano 200 milioni di persone che prendevano l’aereo, con una probabilità di 100 su un milione di sviluppare complicazioni trombotiche, non mi pare che ci siamo stracciati le vesti. Prendere l’aereo ha un rischio cento volte superiore di fare il vaccino, non lo dico io, lo dicono le statistiche”.

“Germania, Paesi Bassi e Usa hanno una percentuale di persone contrarie ai vaccini estremamente elevata” ha detto ancora Crisanti “in questi Paesi c’è anche tutta una storia di contenziosi sui vaccini, molto probabilmente non vogliono correre nessun rischio su questo. È una decisone politica, non ancora suffragata da dati scientifici” ha aggiunto il professore riferendosi ai Paesi che hanno sospeso AstraZeneca. Oggi 7 aprile è atteso un nuovo parere dell’Ema sull’affidabilità del vaccino.

-Pubblicità-
Tommaso De Beni
Giornalista pubblicista dal 2020 nato nel Basso Vicentino nel 1987, laureato in Teoria e critica letteraria. Ex presidente dell'associazione culturale e redattore della rivista "ConAltriMezzi". Ho pubblicato racconti nelle raccolte "Write not die" ed "Escape" e poesie in siti vari e "Pagine". Ospite della trasmissione televisiva "MattinaInFamiglia" nel 2013. Ex collaboratore di PopcornTv, Notizie.it, BlastingNews e Vvox