Antifascismo, parla il sindaco Rucco: “clausola non aveva nessun senso, ma sono a favore della mozione Segre”

Rucco e antifascismo
Rucco e antifascismo
- Pubblicità -

La mattina dopo l’abolizione della clausola che toglie la parola antifascismo dal regolamento Cosap su proposta dall’assessore Silvio Giovine durante un infuocato Consiglio Comunale, durante il quale si è approvato anche il bilancio e c’era in programma la mozione presentata dal centrosinistra per la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, poi non votata per mancanza di tempo, il sindaco di Vicenza Francesco Rucco ci ha rilasciato queste dichiarazioni:

La clausola era stata inserita da Variati per scopi elettorali e in un regolamento tecnico non ha nessun senso. Le nostre politiche contro il nazifascismo puntano su azioni concrete, come ad esempio le pietre d’inciampo, le lapidi ricordo e altre iniziative che abbiamo già messo in pratica“.

Poi sulla mozione Segre aggiunge: “io personalmente sono a favore e anche una larga parte della mia maggioranza, si tratta di un atto simbolico anche per un dimostrare che non ci sono preclusioni da parte nostra sulla questione antifascismo“.


Clicca qui se apprezzi e vuoi supportare il network VicenzaPiù

-Pubblicità-
Edoardo Andrein
Dal 2013 redattore web, inviato e articolista di cronaca, politica e sport per VicenzaPiu.com e VicenzaPiu.Tv ora è anche direttore responsabile di LaltraVicenza.it. Nato a Sandrigo (Vi) 12-01-1983 ma da sempre residente a Vicenza ha iniziato la sua carriera nel giornalino scolastico Rossi Life per poi collaborare una decina d'anni con Il Giornale di Vicenza e come addetto stampa di alcune società sportive, tra cui la As Vicenza basket. Ha fondato la testata giornalistica LaBaskettara.com di cui è anche direttore.