Amalo Festival, a Malo lo spettacolo per ragazzi “Bodo. Avventura di un drago scacciapaura”

- Pubblicità -

Sabato 24 luglio alle ore 20:30 Amalo Festival apre i cancelli al teatro ragazzi con “BODO Avventura di un drago scacciapaura” di Molino Rosenkranz, compagnia friulana che grazie alla costante ricerca del confronto tra arte e teatro ha guadagnato il terzo posto al Festival nazionale del Teatro per ragazzi 2015. A Malo arriva quindi BODO, spettacolo liberamente ispirato a “Dormi tranquillo piccolo coniglio” di Stefan Gemmel che narra la storia di un drago gentile che aiuta il piccolo amico coniglio a scacciare la temuta Paura. I pupazzi, realizzati dalle sapienti mani di Roberto Pagura che cura anche la regia e la scenografia, saranno animati dagli attori Anna Valerio e Luca Maronese, mentre le musiche originali sono affidate a Michele Pucci.

Uno spettacolo divertente e delicato adatto a tutti i bambini dai 4 ai 99 anni, che saprà trasformare la Paura in una bolla di sapone, grazie alla poetica della Compagnia che da sempre combina la forza delle immagini e la delicatezza delle azioni sceniche per un pubblico pienamente coinvolto.

In caso di maltempo lo spettacolo si terrà presso l’Auditorium Rigotti (via Martiri della Libertà 12)

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria.

Prenotazioni sul sito www.amalofestival.it o presso il Comune di Malo – Ufficio Cultura (via Cardinal De Lai 61 – tel. 0445 585293). L’accesso agli spettacoli è consentito a partire da 45 minuti prima dell’orario di inizio, previa misurazione della temperatura corporea che non deve superare i 37,5°. Tutti gli spettatori devono indossare la mascherina in ogni momento e rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro. Il programma può subire variazioni per cause non dipendenti dalla volontà dell’organizzazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Note sullo spettacolo

Regia, scenografia, pupazzi: Roberto Pagura

Con: Anna Valerio e Luca Maronese

Musiche: Michele Pucci

 

In una terra lontana, dentro una foresta sconosciuta, vive Bodo, un drago, l’ultimo della sua specie.

Bodo non è un drago qualsiasi; in vita sua non ha mai urlato con rabbia o soffiato fuoco: lui ama guardare le farfalle in volo, danzare e giocare con i pesci. Un giorno incontra un coniglio che non riesce a dormire per colpa della “Paura”. Quando cerca di chiudere gli occhi tutto solo nel suo lettino, ecco che la “Paura” arriva! Ma chi/cosa sarà questa paura? Tutti almeno una volta l’abbiamo conosciuta.. persino Bodo, il Drago, che per aiutare il piccolo coniglio impara a fare il drago feroce… ma niente riesce a scalfire il suo animo gentile e nonostante tutto rimane un drago buono.

Note sulla compagnia

Perché Molino Rosenkranz?  Molino perché si uniscono e si “macinano” buone idee ed esperienze di diversa origine restituendo emozioni. Rosenkranz per molteplici ragioni: richiamare il rumore degli ingranaggi e delle macine; è un cognome diffuso in Germania, in Francia e ci ricollega al famoso film di Tom Stoppard “Rosencrantz e Guildenstern sono morti”, tratto dall’omonima opera teatrale dove i due personaggi fanno parte della tragedia Amleto di William Shakespeare; Rosenkranz significa rosario, corona di rose e tra la Slovenia e il Friuli le ragazze fanno corone di rose per regalarle ai loro amati.

Nel 1991 la compagnia è stata costruita unendo (macinando, appunto) esperienze e competenze diverse, maturate anche nel mondo del sociale, per mettere a buon frutto doti, vocazioni, passioni, professionalità e talenti in attività come l’animazione, lo spettacolo, i laboratori, le letture.

La poetica della Compagnia la conduce a creare eventi dove la forza dell’immagine e la delicatezza delle azioni sceniche si combinano in un dialogo costante con l’ambiente circostante portando il pubblico ad essere protagonista e pienamente coinvolto. La ricerca del confronto tra arte e teatro è portata avanti da sempre ed ha condotto, anche ultimamente, alla produzione degli spettacoli “Giù le mani da Nonno Tommaso”, spettacolo ispirato dalla favola illustrata di Stepàn Zavrel e vincitore del 3° posto al Festival nazionale del Teatro per ragazzi 2015; presentato anche al Giffoni Film Festival nel 2016 e “Formelastica”.

 

 

 

 

 

 

CURRICULUM

L’Associazione Culturale nasce nel 1991 e l’8 dicembre di quell’anno, dal primissimo spettacolo “Circo Cocò” alla Casa Anziani di Moggio Udinese, nasce anche

L’attività e lo spirito di Molino Rosenkranz pescano alla fonte di un “artigianato” inteso nel senso più genuino e rispettoso del termine e tradotto in capacità creative e manuali nel realizzare storie e spettacoli con una propria personalità e scenografie costruite a mano, su misura, come abiti di sartoria.

Fin dai primi anni, la Compagnia ha voluto confrontarsi e crescere grazie a corsi, stage di formazione e collaborazioni con attori, drammaturghi, registi e docenti di prestigio nazionale e internazionale.

Molino Rosenkranz si occupa di teatro per adulti e ragazzi. Animano la realtà varie figure professionali, attori, musicisti, scenografi, performer, educatori, organizzatori, garantendo un continuo fermento di idee e creatività.

Molino Rosenkranz è anche un “luogo” dove chi ha desiderio di dare concretezza a un proprio progetto artistico può trovare accoglienza e supporto. Questa apertura favorisce la crescita del gruppo. Le attitudini di ognuno vengono valorizzate e le produzioni diversificate sono il frutto di questo intreccio.

Dal 1992 inizia una decennale collaborazione con l’ASS 6, nella compagnia teatrale il Gatto Sapiente, formata da persone diversamente abili, che porta alla realizzazione degli spettacoli “Fughe Incrociate”, “MotuIti” e “L’Albero”.

Molino Rosenkranz gestisce laboratori espressivi e creativi, è attiva nelle arti e animazioni di strada con peculiarità specifiche a livello nazionale, come l’utilizzo di elementi scenografici, giganti e gonfiabili (realizzati in proprio) con i quali ha collaborato con la Rai. Importanti sono state per Molino le collaborazioni con Rai 1 nei programmi “Big” e “Solletico” per giungere a partecipare, con le proprie grandi e fantastiche strutture volanti, alla puntata conclusiva di Giochi Senza Frontiere nel 1998.

Esperienze fondamentali per la Compagnia sono state lo spettacolo teatrale d’attore e ombre “Il compleanno dell’Infanta” tratto dall’omonimo racconto di Oscar Wilde, premiato “per la qualità della regia” (di Roberto Pagura) al Festival Internazionale delle Figure Animate di Perugia nel 1995 e, nel dicembre 1997, la coproduzione con Muggia Spettacolo Ragazzi di “La Medicina Terribile”, spettacolo per attore e figure gonfiabili giganti ispirato a “La Magica Medicina” di R. Dahl.

La produzione di parate e di spettacoli con elementi gonfiabili giganti volanti o realizzati all’interno di enormi sculture gonfiabili che accolgono attori e pubblico è un tratto caratterizzante di Molino Rosenkranz che ha ottenuto riconoscimenti su tutto il territorio nazionale. Dal laboratorio-sartoria artigianale di Molino sono usciti figure spettacolari come il Gabbiano con un’apertura alare di 12 metri, o l’elefante Sirus a grandezza naturale, asini e sfere giganti…creature ideate dall’ingegno e dalle mani esperte di Roberto Pagura.

Nell’ultimo triennio la Compagnia ha prodotto diversi spettacoli, tra i quali, per adulti:

“Leggende murate” che ha debuttato in forma itinerante nel Castello di Valvasone a ottobre 2018

“L’ospite” dedicato a Leonardo Da Vinci che ha debuttato nel Castello di Ragogna a ottobre 2019

per “Sulla Nuda Pelle”– Festival teatrale sui luoghi della Grande Guerra (2017-2019):
“La Guerra sulle Spalle” 
3° posto bando Regione F.V.G.
“Ad un Passo” 1° posto bando Regione F.V.G.
“Invasioni” 3° edizione del Festival

Per ragazzi:
“On The Moon” – vincitore di una residenza al Centro Jobel di Rieti e selezionato al Festival internazionale del Teatro per ragazzi Marameo Osimo 2017.
“Il magico bosco di Gan” che ha debuttato al Giffoni Film Festival a luglio 2019

Nel corso degli anni Molino Rosenkranz ha organizzato, grazie a finanziamenti comunali, provinciali, regionali ed europei i seguenti eventi:
“Teatro e Musica in Cortile”(2008 – 2016)
“Rassegna di spettacoli”per Musae percorsi culturali in Provincia (2009 – 2015)
“Fame di Cose Buone”(2014/15)
“Meet Me Art” scambio internazionale (2015)
“Fila a Teatro” (2015/16, 2016/17, 2018/19, 2019/20)
“Sulla Nuda Pelle. Festival di Teatro sui luoghi della Grande Guerra” (2017 – 2020)

-Pubblicità-