Alto Adige non chiude i bar alle 18, Bond (FI): “concorrenza sleale con Belluno”

- Pubblicità -

«Cosa possono fare gli inermi baristi e ristoratori di tutti quei territori bellunesi confinanti con l’Alto Adige? Niente. Di qua dal confine saranno costretti a chiudere alle 18 e rispettare il coprifuoco previsto dall’ultimo Dpcm, dall’altra parte invece faranno come vogliono, lavorando fino alle 22». Lo afferma in una nota il deputato di Forza Italia Dario Bond, intervenendo sulla nuova ordinanza provinciale firmata dal governatore altoatesino Arno Kompatscher, che lascia aperti i bar fino alle 20 e i ristoranti fino alle 22, oltre a limitare l’uso della didattica a distanza.

«Uno schiaffo alle regole. Se è vero che tutti dobbiamo rispettare il Dpcm per la salute collettiva, non è tollerabile che Bolzano faccia – come sempre – quello che vuole. Nella Provincia autonoma il virus può circolare liberamente fino alle 22? Pensiamo alla concorrenza sleale nei confronti dei ristoratori di Cortina, di Arabba, di altre località bellunesi di confine, costretti a chiudere alle 18, mentre i loro competitor, a qualche chilometro di distanza, possono continuare a lavorare. Lo Stato nello Stato – conclude Bond – ancora una volta colpisce e crea danni enormi».

Nel frattempo anche Maurizio Fugatti, presidente della provincia autonoma di Trento, parrebbe intenzionato ad adottare misure più larghe, lasciando aperti bar e ristoranti fino alle 22.

L’articolo Alto Adige non chiude i bar alle 18, Bond (FI): “concorrenza sleale con Belluno” proviene da Parlaveneto.

-Pubblicità-