30° anniversario della scomparsa di Rumor, sospese tutte le iniziative commemorative

- Pubblicità -
La targa dedicata a Rumor nell’antisala del consiglio comunale

Il 22 gennaio del 1990 veniva a mancare all’età di 74 anni Mariano Rumor, statista vicentino di altissimo profilo, cinque volte Presidente del Consiglio dei Ministri, Ministro dell’interno, degli affari esteri e dell’agricoltura, Europarlamentare e segretario nazionale della Democrazia Cristiana.

Proprio quest’anno, quindi, cadeva il 30° anniversario della morte, ma l’emergenza sanitaria non ha consentito di organizzare eventi adeguati.

Il sindaco di Vicenza Francesco Rucco annuncia che tutte le iniziative sono sospese, ma che si sta lavorando da tempo per rendere il giusto omaggio alla figura di Rumor, non appena sarà possibile.

Mariano Rumor è sempre stato profondamente legato alla nostra città – dichiara il sindaco Rucco  e stiamo lavorando ad un evento che ricordi adeguatamente l’esponente politico più importante che Vicenza abbia espresso. Purtroppo il protrarsi dell’emergenza Covid ci ha impedito di realizzare qualsiasi iniziativa degna della sua importanza. Nei mesi scorsi abbiamo iniziato a dare forma ad un momento di ricordo e riflessione dedicato alla sua attività di governo e di grande leader politico. In tal senso avevamo già preso contatti con Giuseppe Caldana, presidente del Centro Studi Mariano Rumor e nipote dell’illustre concittadino, e con Marco Follini, fidato agiografo di molti esponenti democristiani, che ha dato la sua disponibilità a partecipare insieme a Gerardo Bianco, già presidente del gruppo parlamentare della Dc. La seconda ondata dell’epidemia purtroppo ci ha fermati, costringendoci a rinviare a tempo debito il momento celebrativo. La figura di Mariano Rumor, infatti, non può essere dimenticata e la Città di Vicenza, nel suo insieme, certamente vorrà farne memoria riconoscendone il lucido esempio di stile politico e di profonda visione valoriale”.

-Pubblicità-