200 nuove rastrelliere in città. Assessore Celebron: “Risposta importate alla ciclabilità

- Pubblicità -

All’interno del bando periferie il Comune di Vicenza risulta assegnatario di 600 mila euro per il servizio di bike sharing. Con l’obiettivo di attivare quanto prima il servizio, l’amministrazione procede ora all’acquisto di oltre duecento nuove rastrelliere funzionali sia alle bici private che all’eventuale servizio di bike sharing.

“Il Comune di Vicenza si appresta ad attivare una delle più rilevanti forniture di rastrelliere per biciclette mai operate in Italia – annuncia il vicesindaco e assessore alla mobilità Matteo Celebron –. Verranno posate su tutto il territorio comunale oltre 200 rastrelliere che rappresentano un’infrastruttura diffusa a sostegno della ciclabilità e del decoro urbano. La dotazione di sosta ordinata e sicura è infatti un elemento che incentiva gli spostamenti in bicicletta. Questa importante infrastrutturazione costituisce un pre-requisito per attivare anche il servizio di bike sharing che richiede rastrelliere comode e sicure per non generare fenomeni di abbandono delle biciclette”.

“L’intervento – continua l’assessore alla mobilità – riguarderà tutto il territorio comunale mettendo a disposizione più di 1000 nuovi posti bici. Le priorità riguarderanno i punti di maggiore attrattività e interconnessione anche con il trasporto pubblico locale”.

Le prime forniture arriveranno entro l’estate nell’ambito di un accordo quadro nel quale il Comune investe oltre 290 mila euro del contributo Bando Periferie. I restanti 300 mila saranno destinati al servizio di bike sharing per il quale si procederà con una manifestazione d’interesse non appena sarà avviata l’opera di infrastrutturazione.

-Pubblicità-