1 maggio, manifestazione sindacato USB in Campo Marzo

"Si rivendica di non morire sul lavoro, di non morire sui barconi, di non morire perchè non trovi posto in ospedale, di non morire di PFAS e di altri inquinamenti,di non morire perchè uccisa da un convivente o perche' sei "diverso"

manifestazione 1 maggio campo Marzo Usb
manifestazione 1 maggio campo Marzo Usb
- Pubblicità -

Il primo maggio anche a Vicenza ci sarà la mobilitazione del sindacato USB privato. Proprio nel rispetto del significato della giornata ci saranno in piazza tutti i segmenti del mondo del lavoro: badanti, operai, logistica, dipendenti pubblici, precari, pensionati, immigrati, a ribadire che i diritti e la dignità non hanno confine e devono esistere all’interno di un ufficio, di un magazzino, di una fabbrica, di una casa e che lo stato deve garantire che tutti quelli che risiedono nel nostro paese abbiano stessi diritti, stesso riconoscimento di cittadinanza. “Il 1 maggio si rivendica di non morire sul lavoro, di non morire sui barconi, di non morire perchè non trovi posto in ospedale, di non morire di PFAS e di altri inquinamenti,di non morire perchè uccisa da un convivente o perche’ sei “diverso”” si legge in una nota del sindacato.

“Il primo maggio si vuole affermare che questa società capitalista oltre al consumismo non per tutti produce disegualianze inaccettabili: pochi ultra ricchi, milioni di ultra poveri, milioni di disperati. Il 1 maggio è una festa per abbattere i muri veri che impediscono la liberazione dalle ingiustizie e dallo sfruttamento.LA festa confronto è a Campo Marzo dalle ore 15 con interventi dei vari protagonisti e con alcuni interventi musicali (Davide Peron- Stiki brain)”.

-Pubblicità-