Utente: Redazione VicenzaPiù (admin)

Nome utente admin
Nome e cognome Redazione VicenzaPiù
Sito
Tipo utente admin

Ultimi articoli di Redazione VicenzaPiù (admin)

Manifestazione No Tav, Daniele Ferrarin: Achille Variati "ex No Dal Molin" impone alla Questura il "No Tamburi!", un attentato alla libertà di manifestare

Giovedi 14 Dicembre alle 10:08 | Categoria: Fatti, Politica

Il video dell'audizione di Gianni Zonin su VicenzaPiu.tv: dalle 18 (non) ha risposto alla commissione d'inchiesta

Giovedi 14 Dicembre alle 00:24 | Categoria: Fatti, Economia&Aziende

Dopo la web radio Wild Side Basketball approda su VicenzaPiùTv: con Michele Cogno, Edoardo Sperandio, Riccardo Zilio e Elia Melis il basket è grande, sempre di... Più

Mercoledi 13 Dicembre alle 22:11 | Categoria: Fatti

Santa messa e concerto di Natale al S. Bortolo venerdì 15 dicembre

Mercoledi 13 Dicembre alle 10:26 | Categoria: Fatti

Neve a Vicenza, aggiornamento alle 12: prosegue la pulizia delle strade nei quartieri

Lunedi 11 Dicembre alle 12:16 | Categoria: Fatti

Candidatura a sindaco di Elena Donazzan, Indipendenza Veneta Vicenza Città: ci ripensi chi voleva polizia in Catalogna con posizioni che si rifanno a periodo buio della storia

Sabato 9 Dicembre alle 20:40 | Categoria: Politica

Migranti: Commissione UE propone l'obbligo di ricollocazione solo per situazioni di crisi grave. Deferite a Corte Giustizia Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia

Giovedi 7 Dicembre alle 20:25 | Categoria: Fatti, Politica

Progetto preliminare AV/AC, Variati: "Siamo al giro di boa di un obiettivo storico per Vicenza", in 50 osservazioni le richieste dell'amministrazione comunale

Giovedi 7 Dicembre alle 19:00 | Categoria: Fatti, Politica

Ricordando Thyssen Krupp: 6 dicembre 2007 - 6 dicembre 2017

Mercoledi 6 Dicembre alle 08:27 | Categoria: Fatti, Lavoro

Polegge di Vicenza, approvato il progetto che prevede un riordino dell'area antistante la chiesa

Martedi 5 Dicembre alle 18:22 | Categoria: Fatti, Politica
Ultimi commenti di Redazione VicenzaPiù (admin)

Inviato Mercoledi 21 Giugno alle 16:24

La notizia è che è stato picchiato e nessuno ne ha parlato! W l'informazione.
Inviato Domenica 22 Gennaio alle 16:41

Forse seguaci della "setta" di pachiara o suoi stupidi alias non avere capito che qui non c'è posto per i vostri fanatismi? Al prossimo veramente ci rivolgiamo alal Polizia postate con i vostri dati e IP che abbiamo, per legge.
Proprio perchè il giornale è libero, lo è soprattutto nel non accettare chi abusa della libertà. In tutti i giornali online gli interventi vengono "moderati", cioè un "amministratore" legeg e decide cosa è pubblicabile oppure no. Io decido che non vi vogliamo come lettori come lei, che, tra l'altro, vorremmo dedicasse il suo tempo a studiare visto che ha più di 25 anni e ancora è "laureanda1991"... Chiara... la frase? Grazie
Inviato Domenica 22 Gennaio alle 16:35

Forse seguaci della "setta" di pachiara o suoi stupidi alias non avere capito che qui non c'è posto per i vostri fanatismi? A prossimo episodio veramente ci rivolgiamo alla Polizia postate con i vostri dati e IP che abbiamo, per legge. E poi, se ce l'ha con Paola Farina, almeno doveva risponderle nell'ambito del suo scritto non in quello di un altro lettore! Siete proprio meschini
Inviato Domenica 22 Gennaio alle 00:26

Legga quello che ha scritto e ne tragga le conseguenze per i suoi comportamenti futuri con chi lei condanna o disprezza solo perchè non fanno quello che lei vuole. Non è trattamento poliziesco ma quello che viene scritto su un giornale è responsabilità del direttore controllarlo altrimenti il direttore commette il reato di "omesso controllo". Non passo per ora nulla, è ovvio, ma spero che quwsta lezione sefva a tutti: libertà vuol dire prima di tutto "tolleranza" delle opinioni altrui e "rispetto" di chi lavora. Solo così lei, prima del tempo, sarà galantuomo. Da ora non avrà più accesso da noi
Inviato Sabato 21 Gennaio alle 21:47

Le scuse sono accettate ma in futuro non preavviserò più nessuno e lei sarà interdetto ora a commenti che potrà comunque fare sulla nsotre pagine Facebook dove sarà controllato non da noi ma da FB per eventuali infrazioni legali..
P.S. Faccio notare poi a chi si firma FrancoZoppolin che 1 - noi pubblichiamo i nostri articoli e quelli che vogliamo e solo per malintesta cortesia verso una sua richiesta abbiamo pubblicato per raccontare la vicenda l'articolo de Il Fatto, che ha portato ad ulteriore insulti nei cionronti della nostra redazione e ad intimiazioni a pubblicare altri articoli neanche fosse lui il direttore responsabile 2 - per pubblicare articoli di Rassegna stampa occorre un'autorizzazione dell'editore del giornale ripreso altrimenti, come sancito pochi giorni fa da una sentenza, è reato ed è motivo di richiesta danni. Per la Verità non abbiamo, se pure avessimo voluto pubblicare, autorizzazioni e per... la verità gli ricordiamo che alle 24 casseremo anche FrancoZoppolin e senza scuse pubbliche procederemo.
Il direttore
Inviato Sabato 21 Gennaio alle 19:01

Cari emuli della pachiara state continuando oltre ogni limite con toni irrispettosi di chi ha opinioni diverse e del lavoro professionale della redazione, che si onora di leggere "anche" e non solo Il fatto, mentre altri di voi leggono solo se stessi. considerato che questo è un giornale non a pagamento e, quindi, libero di ospitare chi vuole mentre chi non si adegua al rispetto altrui può benissimo andarsi a leggere altri media, Intanto memorizziamo le frasi da turpiloqio per trasmetterle se non verrà fatto quanto scriverò in seguio, agli organi competenti, perchè il direttore responsabile è tale anche nei confronti delle frasi che tollera siano presenti. Di conseguenza, a nostra tutela legale e a tutela della dignità della redazione e dei lettori, invito formalmente chi si firma come FrancoZoppolin e GPietrobelli a non provare più a commentare direttamente o con altri nick name articoli e commenti di redattori e lettori educati e civili. Prendiamo nota anche dei vostri indirizzi mail per le azioni del caso e, se entro stasera alle 24, ora dopo le quali verrete cassati, non leggeremo frasi chiare di scuse trasmetteremo gli atti e i vostri indirizzi alla Polizia Postale, organo competente.
Il direttore
Inviato Mercoledi 18 Gennaio alle 22:01

Caro Franco, l'intervista a Silvana De Mari, che in quanto tale non è la verità assoluta in tutta al comunità scientifica ma che neanche vogliamo tarscurare, parla dei possibili danni fisici di rapporti anali. Il tema dei diritti civili e dell'intervista al presidente uscente di Arcigay Vicenza è un'altra cosa, ma stia tranquillo, ecco per i nostri lettori il link all'articolo de Il Fatto Quotidiano che riporta anche l'audio di tutta l'intervista che sottopiniamo all'ascolto e alle valutazioni dei lettori: http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/01/16/sesso-anale-il-parere-medico-di-silvana-de-mari-si-pratica-nelle-iniziazioni-sataniche-omosessualita-non-esiste/3319301/
Inviato Martedi 17 Gennaio alle 15:47

Il vicesindaco non è iscritto al Pd
Inviato Mercoledi 11 Gennaio alle 21:33

NON C'E' ALCUNA CENSURA: pachiara non può offednere miei collaboratori ma può commentare su Facebook sulla nostra pagina dove ci sono tutti gli articoli. Qui non possiamo seguire le sue opinioni, lì le seguono in migliaia
Inviato Martedi 10 Gennaio alle 19:55

Sono contro le sigle, contro le censure e infatti ho inviato pachiara a commentare liberamente i nostri articoli in una platea ancora più vasta, quella della nostra pagina Facebook, così in tanti, più di quelli che sono una minoranza e che commentano direttamente sul sito, potranno darle ragione o torto, togliendo a noi l'incombenza di dover rispondere anche quando siamo impegnati a informare decine di migliaia di lettori e non una sola che addirittura, non solo contesta la nostra indipendenza, ma dà dell'incapace a un iptetico collaboratore (questo mi offende più) solo perchè in una risposta non ho avuto il tempo di loggarmi con i miei dati ma con quelli generici della redazione, come faccio anche adesso, e ci siamo dovuti beccare insulti contro il "ragazzino" che avrebbe osato risponderle e che, invece, ero io. Questa è faziosità ed arroganza e non critica dura e pura. Questo per noi è intollerabile, varie volte ho invitato pachiara a argomenatre con i fatti e non con i suoi dogmi ma non ha ascoltato anzi penso che non abbia letto come molti articoli che commentava senza leggerli, visto ceh non voglio pensare che non li capisse... Ma proprio perchè non censuriamo ma vogiamo maggiore attenzione alle sue idee l'abbiamo invitata sulla pagina Facebook VicenzaPiù Quotidiano web in cui potrà fare e dire tutto quello che vuole: Anche qui lo poteva fare ma ha abusato della sua libertà che, se non approva quello che scriviamo, la dovrebbe portare a leggere altri media che asserviti lo sono veramente e di certo non offrono una pagina FB in cui manifestare le proprie immarcescibili opinioni, rispettabili fin che si vuole ma non quando obeitta alla nostra libertà di espressione etichettandoci come di parte a seconda dei suoi gusti. E poi se tutti ci abituassimo a firmare con nome e cognome, come facciamo noi, non sarebbe certo un male perchè di pontificatori senza nome ce ne sono troppi. Noi le nostre denunce le firmiamo e quelle altrui le controbattiamo ma per l'insulto gratuito nessuno ha una risposta ma noi sì: sU FB Pachiara si può esprimere non per pochi intimi ma per tanti di più. Grazie
Giovanni Coviello


ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Giovedi 14 Dicembre alle 20:41 da Barbara77
In Gianni Zonin fa così tanta scena muta in commissione d'inchiesta sulle banche che Casini prova a fare il suo ventriloquo

Giovedi 14 Dicembre alle 14:25 da Lucia
In La lettera di una socia di Veneto Banca per accelerare il "ristoro" ai risparmiatori truffati dalle banche venete
Leggendo la lettera di Flavia mi è venuto tornato alla mente l'articolo 47 della Costituzione, nel passaggio dove recita:

"La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme...".

Purtroppo, come molte altre volte succede in questo Bel Paese mal gestito, avviene il contrario.
La vicenda delle banche venete è purtroppo nota e non stanno nemmeno più in piedi gli alibi che vogliono colpevolizzare i soci ("se la sono cercata loro perché sapevano che era rischioso ... volevano fare gli squali e adesso piangono miseria ...") perché è stato dimostrato che non è così; il prezzo delle azioni è stato taroccato ed è una truffa bella e buona che le banche hanno fatto ai loro sottoscrittori.
Raggirati da funzionari bancari senza coscienza pilotati a loro volta dai direttori senza scrupoli, che sapevano benissimo di vendere azioni fuffa ... ma l'importante è vendere e far carriera (no?).
E via col valzer delle scuse del tipo "siamo una banca solida ... non abbiamo problemi etc".
Mentre si tentava di coprire la voragine bancaria con un fazzolettino di carta, Consob e Banca d'Italia si giravano dall'altra parte per non vedere.
Il finale vede trionfare le banche che hanno fatto lo "sforzo" di avere solo la parte sana.
Come se non bastasse, i funzionari "lupi" delle due banche si sono travestiti da "agnelloni" di Intesa San Paolo, e probabilmente continueranno a perdere il pelo ma non il vizio.
Tutto apposto dunque. No?
Direi che alla luce di questo non faccio fatica a credere alla lettrice quando dice "credere nella Giustizia è diventato molto, molto difficile, quasi impossibile". E' e rimane impossibile, cara Flavia.
Molto probabilmente in un altro Paese più civile la cosa avrebbe preso una piega diversa, a favore dei risparmiatori (penso ad es. alle class action, che da noi sono solo di facciata).

Credo purtroppo, cara Flavia, che la lettera inviata ai politici cada nel nulla.
Per il semplice motivo che se qualcuno avesse voluto davvero fare qualcosa PRIMA, l'avrebbe fatto.
Ora è troppo tardi. Ed è persino patetico che i politici si proclamino adesso paladini dei risparmiatori, a babbo morto.

Mi spiace infonderle amarezza Flavia, ma mi dica forse se non ne ho motivo.

Con augurio di poter essere smentito.

Lunedi 11 Dicembre alle 22:37 da Kaiser
In A Vicenza arriva la mostra itinerante "Paolo Rossi - Great Italian Emotions e l'Italia dell'82" dal 16 dicembre

Lunedi 11 Dicembre alle 17:13 da Kaiser
In Migrazione dei clienti ex BPVi e Veneto Banca in Intesa Sanpaolo procede regolarmente per 1,5 milioni di conti correnti. Completata la chiusura di 118 filiali
Gli altri siti del nostro network