Archivio per tag: Torrione di Porta Castello

Categorie: Fatti, Politica

Torrione di porta Castello, Jacopo Bulgarini d'Elci: "operazione pubblico privato senza eguali in Italia". Antonio Coppola: "prima che con artisti lo mostreremo ai vicentini com'è"

Mercoledi 3 Gennaio alle 21:13

Pubblicato alle 17.06, aggiornato con video interviste a Bulgarini e Coppola alle 21.13. Da sabato 6 gennaio sarà possibile visitare gratuitamente il Torrione medievale di porta Castello, uno dei più importanti monumenti della città che, per la prima volta nella storia, sarà accessibile al pubblico. Le visite, che si protrarranno fino a domenica 28 gennaio, saranno a cura dell'associazione Ardea per la didattica museale. A darne l'annuncio questa mattina 3 gennaio erano presenti il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d'Elci, il mecenate proprietario dell'immobile Antonio Coppola (nella foto a fianco del vicesindaco) e la presidente di Ardea per la didattica museale Miriam Cola.

Continua a leggere
Categorie: Politica, Economia&Aziende

Immobiliare Stampa vada ai soci della ex BPVi con i suoi 204,3 milioni di euro di patrimonio. E basta con le ipocrisie dei 'ristori al pubblico' dei denari persi dai risparmiatori privati!

Mercoledi 16 Agosto 2017 alle 10:53
ArticleImage Pubblicato il 15 agosto alle 13.41, aggiornato il 16 alle 10.53. Qualche tempo fa il Giornale di Vicenza ha informato che, dei 300.000 metri quadrati di immobili di BPVi, Banca Intesa Sanpaolo ne aveva "ritirato" solo 25.000 metri quadri, senza peraltro fornire alcuna indicazione. Al momento, quindi, si può solo immaginare che quali immobili passino a Banca Intesa e quali restino in Banca Popolare di Vicenza in Liquidazione Coatta Amministrativa sia ancora oggetto di trattativa. Se così fosse e se Immobiliare Stampa Scpa, l'immobiliare controllata al 100% dalla ex BPVi, rimanesse nel "perimetro" della LCA ci sarebbero 203 milioni circa, per lo meno a bilancio, su cui contare "anche" per i soci truffati della ex Popolare al di là dei fantasmagorici, e forse solo virtuali, numeri dei denari recuperabili dai crediti in sofferenza, la cui monetizzazione appare a dir poco problematica visti i criteri con cui sono stati elargiti, magari anche in cambio di "baciate", durante la gestione di Gianni Zonin

Continua a leggere
Categorie: Politica

Antonio Coppola per il Torrione di Porta Castello e Avagnina e Villa per la Fondazione Roi, Liliana Zaltron di M5S pressa l'assessore Michela Cavalieri sugli snodi dei due "casi"

Giovedi 10 Agosto 2017 alle 09:13
ArticleImage In data 25/07/2017 in occasione del consiglio comunale e della discussione sul Torrione di Porta Castello avevo chiesto, scrive Liliana Zaltron capogruppo del Movimento 5 Stelle Vicenza nella nota che riportiamo, ripetutamente all'assessore Michela Cavalieri che mi fossero trasmesse urgentemente le visure della Osteon Technologies srl ed, essendo questa una holding, anche le visure delle partecipate... Ritenendo che detta documentazione fosse necessaria come base prima di qualsiasi altra analisi e che quindi sarebbe dovuta essere a disposizione dell'amministrazione mi aspettavo di riceverla, come peraltro richiesto, il giorno successivo.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Quel che resta del Torrione di Porta Castello: la differenza tra mecenate marchese Giuseppe Roi e ignoto emulo Antonio Coppola

Sabato 29 Luglio 2017 alle 14:45
ArticleImage Finita la festa, non resta che portare a casa una proprietà, quella "nuda" del Torrione di Porta Castello, che non potrà essere usata, ma solo iscritta nel libro del patrimonio del Comune di Vicenza a riempire qualche casella vuota dopo le cessioni compiute e da compiere di veri e produttivi patrimoni. Sarà come nelle famiglie di un tempo che conservavano gelosamente un patrimonio, gioielli ecc., che non rendeva nulla, ma faceva fiera la famiglia stessa. A differenza,però, il Comune non potrà, come ha fatto per le Quote autostrade, disfarsene, per far cassa. Ben difficilmente il proprietario attuale sarò disponibile a ricomprarsi il bene.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Torrione di Porta Castello: cancellato il 26 luglio il diritto di opzione del Comune, tutto il resto è da... divenire

Sabato 29 Luglio 2017 alle 10:01
ArticleImage Sulla vicenda della Torre scaligera, ovverossia il Torrione di Porta Castello, ho già scritto il mio pensiero, e potete leggerlo sia su "pervicenza.it" e su "VicenzaPiu.com'" ("La grande torre di Vicenza, una città da consegnare integra al futuro anche quale racconto del passato") oltre che su Facebook, quindi non mi dilungherò. Mi limito a notare che la maggioranza ha votato per l'accordo con il proprietario Antonio Coppola, salvo Ennio Tosetto che ha votato contro, mentre le opposizioni in parte hanno votato contro e in parte si sono astenute. Altre, stando a quanto riferito dalla stampa, pare fossero assenti. Di tutto quello che è stato detto e fatto in Consiglio Comunale il  25 luglio 2017, in relazione al Torrione, chi parlando a favore chi contro, e infine con il voto che ha chiuso, almeno per ora, la partita come fatto "certo" personalmente vedo una sola cosa.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Torr(i)oni, sfogliatelle, babà, zeppole, e molte chiacchiere ... da pasticceria Bulgarini

Venerdi 28 Luglio 2017 alle 08:31
ArticleImage
Leggo che il dibattito locale è fortemente polarizzato sulle questioni del Torrione di Porta Castello. Vien da dire: questi sì che son problemi! altro che riflettere sui default di Banca Popolare di Vicenza e, anche se in subordine, di Veneto Banca! Oppure capire che effetti avranno sulla nostra salute le operazioni di bonifica (partite in questi giorni) di un'area ex industriale come la Zambon, inquinatissima da far paura. Meglio tifare in modo sguaiato per il nuovo benefattore di turno (mi scuserà l'interessato Antonio Coppola, ma in tutta franchezza: mai sentito prima!) che ci risolverà un sacco di grane accaparrandosi per una pipa di tabacco il noto monumento medioevale e che, sempre perché magnanimo, pare intenda cimentarsi nel primo esempio di museo verticale d'arte contemporanea da visitare rigorosamente con imbracature e ramponi da 6° grado.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Per il Torrione a Coppola Bulgarini è proprio fuori dal Comune: attributo o auspicio?

Mercoledi 26 Luglio 2017 alle 20:41
Categorie: Fatti

Torrione di Porta Castello, per Andrea Chimetto coordinatore provinciale dei Rappresentanti d'Istituto: bufera politica esagerata

Mercoledi 26 Luglio 2017 alle 10:34
ArticleImage La vicenda del torrione di Piazza Castello è diventata una bufera politica esagerata. Innanzitutto un museo di arte contemporanea in una torre non si è mai visto, non perchè nessuno non ci abbia pensato prima ma perchè le opere di arte contemporanea hanno bisogno di ampio spazio per essere ammirate dai visitatori, prendiamo l'esempio del museo MAXXI di Roma o dell'Hamburger Banhof di Berlino che ho visto personalmente visto il mio percorso di studi nel campo artistico. Dove possiamo collocare opere di arte moderna su un torrione? Io penso che il Torrione potrebbe essere utilizzato come primo monumento da visitare della citta.

Continua a leggere
Categorie: Politica

La maggioranza di Variati mette... Coppola sul Torrione di Porta Castello

Mercoledi 26 Luglio 2017 alle 01:22
ArticleImage Si è chiusa ieri sera, 25 luglio, come ci si aspettava la votazione (20 favorevoli, tre contrari con Tosetto, Zaltron e Dovigo, due astenuti con Rucco e Zoppello) sul discusso accordo del Comune di Vicenza con la società del "mecenate" avellinese Antonio Coppola, che tramite la sua finanziaria Osteon Technologies srl ha acquistato per 310.000 euro il Torrione di Porta Castello che gli verrà concesso in usufrutto esclusivo d'uso per 30 anni (con vincolo a non cambiarn la destinazione d'uso per altri 60 anni) per mostre di arte moderna a partire da quella con la sua collezione privata in cambio della "cessione" della nuda proprietà del monumento storico al Comune stesso, che non eserciterà, quindi, il suo diritto di opzione che scade proprio oggi, 26 luglio.

Continua a leggere
Categorie: Politica

La grande torre di Vicenza, una città da consegnare integra al futuro anche quale racconto del passato

Lunedi 24 Luglio 2017 alle 13:37
ArticleImage Il Torrione di Porta Castello è al centro di un dibattito   in una città, Vicenza, che è stata abituata, da diversi anni, ad essere oggetto della attenzioni  di un vicesindaco, Jacopo Bulgarini d'Elci, che non riesce ad affrontare le diverse problematiche se non su un terreno di  sfida e di un concetto che, un tempo, era  patrimonio  di ideologie a dir poco centralistiche: ho la verità in tasca e chi non la pensa come me è in errore. In verità il linguaggio usato, seppur da qualche tempo, di recente, direi da quando ha avviato la campagna elettorale in modo palese, epurato dai toni eccessivamente forti, rimane robusto. Vi sono due posizioni su questo tema.

Continua a leggere
<| |>



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

oggi alle 00:43 da zenocarino
In Il membro del cda Ipab Fabio Mantovani ha cambiato bandiera per puntare a Palazzo Trissino o Achille Variati ha messo la sua bandiera sul candidato di Forza Italia e Lega?

Sabato 13 Gennaio alle 18:56 da kairos
In Lettura di Parolin e Formisano su Vittorio Emanuele II, Indipendenza Veneta Vicenza Città: irrispettoso ricordare a Vicenza "il re infingardo che sottomise Terre Venete"
A CAMMILLO CAVOUR


nel 1867.

___


O nell’ora del nembo e del periglio
Sempre invocato, che più grande appari
Quanto più gonfi il trepido naviglio
4Battono i mari;

Chiuse son l’Alpi allo stranier: clemente
Rise una volta a’ popoli fortuna:
Tutte al suo desco le città redente
8Italia aduna.

Più non cercar. Delle battaglie il nome
Oh non chiedere a’ tuoi: sovra qual onda,
Sovra qual campo; e se le nostre chiome
12Lauro circonda.

A’ vincenti terribile il vessillo
Parve d’Italia: i giovani guerrieri
Volâr sull’ erta, ma con noi, Cammillo,
16Tu più non eri.

[p. 180 modifica]

Invan crebber le file: invan da’ porti
Più possente navil sciolse il nocchiero;
Non valser tante prue, tante coorti
20Il tuo pensiero.

In picciol nido l’aure interrogando,
Con poco stame a lunga tela assiso,
E l’ovra della mente ardua velando
24Di facil riso,

Gli occhi alzasti; e di fanti e di cavalli
Alla muta parola obbedïenti
Dal Cenisio sull’itale convalli
28Sceser torrenti.

E pria sul lido del remoto Eusino
Fra le pugne agitata e fra le nevi
La morta face del valor latino
32Raccesa avevi.

A’ cupi genî del Tirren custodi
Serti offrivi non visto, e taciturna
La partenza pregavi e fida ai prodi
36L’aura notturna,

Quando dell’Etna alla fremente riva
I Mille veleggiavano; portavi,
Celando sotto il mar la man furtiva,
40Le balde navi.
[p. 181 modifica]


Sparver gli avversi troni; e del tuo spiro
Che percorrea de’ novi abissi il seno,
La possa irresistibile sentiro
44Adria e Tirreno.

Itali fummo. Ed esultavi allato
Del Re più degno in Campidoglio atteso,
Quando cadevi, e dell’Italia il fato
48Parve sospeso.

Ansio cadevi dell’Olimpo al piede,
Indomato Titano. Orfana ancora
Sull’orma tua, cui pari altra non vede,
52Italia plora.

Ode di pugne inauspicate il foro
Risonar tempestoso; ed ella intanto
A’ suoi mali non trova altro ristoro
56Che sdegno e pianto.

Dell’indugio si sdegna e de’ consigli
Con gioco assiduo sul fiorir recisi;
D’altre barriere, che di monti, i figli
60Piange divisi.

O nata a non perir, stirpe fatale!
O risorgente dalle tue ruine
Popolo, che ricigni or l’immortale
64Infula al crine;
[p. 182 modifica]


De’ secoli più grande e de’ tuoi guai,
Se come in altro dì non ti è concesso
Reggere il mondo, mostra almen che sai
68Regger te stesso.
Gli altri siti del nostro network