Archivio per tag: Popolare di Vicenza

Categorie: Fatti

Il Fatto, beffa BpVi: 80 mila euro solo per vedere gli atti

Venerdi 28 Luglio 2017 alle 11:34
ArticleImage Lo definisce un "salvataggio difficile e necessario", il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. Eppure il decreto sulle banche venete approvato ieri in Senato - grazie all'ennesimo voto di fiducia posto dal governo - più che un salvataggio appare un regalo a Intesa Sanpaolo che ora acquisisce al prezzo simbolico di un euro quel che resta della Popolare di Vicenza e di Veneto Banca. Non poco: la parte sana dei due istituti di credito, valutata da bilancio, ammonta a 43 miliardi di euro. Il disegno di legge di conversione del decreto approvato ieri prevede l'azzeramento di azioni e obbligazioni subordinate dei due istituti di credito secondo la procedura di burder sharing, cioè la condivisione degli oneri.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

BpVi e Veneto Banca, il M5S incontra il ministro Orlando

Martedi 25 Luglio 2017 alle 15:29
ArticleImage Una rappresentanza dei parlamentari del Movimento 5 Stelle incontrerà il ministro Andrea Orlando presso il ministero di Giustizia mercoledì 26 luglio alle 12. Parteciperanno all'incontro Enrico Cappelletti, capogruppo al Senato, Federico D'Incà, Francesca Businarol e Arianna Spessotto. Sarà presente anche Jacopo Berti, capogruppo M5S in consiglio regionale veneto. Il Veneto continua ad essere il centro di un attività di corruzione e scandali finanziari che ha colpito una regione che, con la Lombardia, è locomotiva d'Italia sotto il profilo economico.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Il Fatto: a Stato, risparmiatori e correntisti le crisi e i regali alle banche sono costati oltre 160 miliardi

Venerdi 14 Luglio 2017 alle 11:19
ArticleImage Con il via libera dalla Camera al decreto che liquida Popolare di Vicenza e Veneto banca, impegnando lo Stato per 17 miliardi, e la probabile approvazione anche al Senato, nei prossimi giorni, si chiuderà il penultimo capitolo delle crisi bancarie. L'ultimo, forse, sarà quello del Montepaschi, nelle settimane a seguire. Un insieme di malagestione e incapacità politiche che è costato a contribuenti, secondo le stime del Fatto, una settantina di miliardi. Ma le operazioni per risolvere le crisi raccontano solo una parte della storia di estrema generosità con cui gli ultimi governi hanno finanziato le banche, caricando le spese su contribuenti, clienti, risparmiatori. Gli ultimi calcoli li hanno fatti il Movimento 5 Stelle e l'associazione per la tutela dei risparmiatori Adusbef.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Fondazione Roi, M5S: "Chi ha causato i buchi deve pagare"

Mercoledi 12 Luglio 2017 alle 16:56
ArticleImage "Siamo lieti di apprendere che il cda della Fondazione Roi sia favorevole ad agire legalmente contro chi in questi anni ha causato i buchi di bilancio. Qualche mese fa siamo stati gli unici, nel silenzio assordante della politica vicentina, a stigmatizzare la scelta della Fondazione di rinunciare ad azioni legali nei confronti della banca in cambio della biasimevole offerta di rimborso a 9 euro per azione, notoriamente nulla rispetto al danno arrecato alla fondazione ed al museo civico della città di Vicenza. Qualche giorno fa abbiamo anche presentato al Comune, rappresentato nel cda della fondazione, una richiesta di accesso ai verbali sulle delibere di acquisto di azioni della Popolare di Vicenza dal 2009 e ci auguriamo di ricevere quanto prima delle risposte" lo afferma il capogruppo del MoVimento 5 Stelle Senato, Enrico Cappelletti.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Popolare di Vicenza, Veneto Banca e le altre banche arrivate al crack al centro dell'inchiesta di Plus24

Venerdi 7 Luglio 2017 alle 11:53
ArticleImage

L'inchiesta di copertina di Plus24, in edicola sabato 8 luglio, sarà dedicata al crack, tra le altre, di Popolare di Vicenza e Veneto Banca, puntando l'attenzione su cosa non ha funzionato nelle verifiche delle authority e sugli strumenti per rivalersi. Perché Monte dei Paschi di Siena, Popolare di Vicenza e Veneto Banca, ma anche Banca Etruria, Banca Marche, CariFerrara e CariChieti hanno potuto devastare i risparmi di centinaia di migliaia di famiglie italiane? Cosa non ha funzionato nei meccanismi di controllo e di vigilanza interni ed esterni? Il ministero dell'Economia, Banca d'Italia e Consob hanno davvero realizzato il loro mandato costituzionale di salvaguardare l'esercizio del credito e tutelare il risparmio? Possono evitare di rispondere dei danni causati dalle loro inefficienze?

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Il Fatto: i timori del Colle sulla commissione d’inchiesta

Venerdi 7 Luglio 2017 alle 09:44
ArticleImage Ormai è quasi un caso. Sedici giorni dopo la sua approvazione definitiva alla Camera, la legge che istituirà una commissione bicamerale d'inchiesta sul sistema bancario ancora non è finita in Gazzetta ufficiale. Manca infatti ancora la firma del Quirinale, necessaria per far percorrere l'ultimo miglio al provvedimento. Ma è proprio sul Colle dove siede Sergio Mattarella che il processo ha rallentato vistosamente. Il motivo è il timore per quello che da quella commissione potrà uscire, e per questo si lavora a un esame dettagliato sul mandato che potrà avere.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

La Stampa, Bazoli: gravi conseguenze con uno stop al decreto sulle Banche venete

Mercoledi 5 Luglio 2017 alle 10:24
ArticleImage Una mancata conversione in legge del decreto con cui il governo è intervenuto sulle banchevenete
«avrebbe conseguenze moltogravi per l'economia della regione Veneto e dell'Italia, ma sarebbe soprattutto un brutto segno, un segno molto preoccupante dell'impossibilità in Italia di trovare soluzioni ai nostri problemi». Lo ha detto il presidente emerito di Intesa Sanpaolo, Giovanni Bazoli, a margine della presentazione della XIII edizione di The future of science. Intesa Sanpaolo acquisterà alcune attività della Popolare di Vicenza e di Veneto Banca con un contributo pubblico e garanzie sugli impatti della acquisizione. II contrattosiglato da Intesa per l'acquisto dei due istituti contiene una clausola risolutiva che annulla l'operazione in caso di mancata conversione in legge dei decreto o anche in caso di modifiche allo stesso sfavorevoli per Intesa.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Veneti figli di un Padoan minore, Il Fatto: a Siena salvati gli obbligazionisti

Mercoledi 5 Luglio 2017 alle 09:24
ArticleImage A un certo punto il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan sbotta: "Qualcuno mi dimostri che nel caso delle Venete potevano essere trovate soluzioni migliori sotto tutti i punti di vista". Lo fa parlando a una conferenza convocata per illustrare la soluzione, decisamente migliore, ottenuta per il Monte dei Paschi di Siena, dove lo Stato entrerà spendendo 5,4 miliardi per possederne il 70%. Ieri è arrivato il via libera della Commissione europea agli aiuti di Stato. Il nervosismo di Padoan nasce dagli strali del governatore pugliese Michele Emiliano contro il decreto che la scorsa settimana ha mandato in liquidazione coatta Popolare di Vicenza e Veneto Banca regalando a Intesa Sanpaolo gli asset di valore più un assegno statale da 5 miliardi e garanzie per altri 12 (il conto lo pagano anche azionisti e obbligazionisti subordinati).

Continua a leggere
Categorie: Fatti

BPVi e Veneto Banca, Lega Nord e Zaia Presidente: "Il Parlamento valuti subito il nostro PDL statale per il salvataggio dei risparmiatori/azionisti"

Giovedi 29 Giugno 2017 alle 15:18
ArticleImage "In questi giorni di discussione del Decreto Legge, varato pochi giorni fa dal Consiglio dei Ministri, per la liquidazione di Veneto Banca e Popolare di Vicenza (in forza del quale Intesa Sanpaolo pagherà 1 euro per rilevare i soli asset ‘buoni' delle due Banche venete, escludendo tuttavia i crediti deteriorati), chiediamo al Parlamento di esaminare anche la nostra Proposta di Legge Statale, votata trasversalmente da tutte le Forze politiche del Consiglio regionale del Veneto, che prevede l'estensione, alle stesse condizioni, degli indennizzi forfettari a carico del Fondo di Solidarietà anche agli azionisti di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, attualmente previsti a favore dei soli investitori delle banche del centro Italia". Così i consiglieri regionali del Veneto Alessandro Montagnoli, Franco Gidoni (Lega Nord) e Luciano Sandonà (Zaia Presidente) commentano la situazione attuale delle banche venete.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Banche venete, associazione Don Enrico Torta: "Governo porta la crisi ad un punto di non ritorno"

Giovedi 29 Giugno 2017 alle 09:22
ArticleImage Coordinamento Associazioni Banche Popolari Venete "don Enrico Torta" scrive: nonostante la questione del "salvataggio" delle banche popolari venete sia stata sottratta al potere degli azionisti ed alle regole del diritto, passando nella competenza del Parlamento dello Stato, gli argomenti e le modalità di convincimento non cambiano. Anche nei confronti degli Onorevoli si svolge la solita minaccia, quasi terroristica, che, o si fa così oppure crolla tutto e naturalmente c'è il Bail-in. Noi, come risparmiatori, questi discorsi abbiamo cominciato a sentirli dal dicembre 2015 e, stando all'illuminata opinione dei tanti che anche in questi giorni ingolfano i giornali del loro saccente parere, già nel 2015 dovevamo fare tutto subito e senza fiatare per salvare le banche e la nazione. Poi le cose sono andate come sono andate: piani industriali ridicoli, inerzia totale da parte dei consigli di amministrazione e da parte del Governo della Repubblica Italiana, ancora minacce di disastro alle successive assemblee, compensi da milioni di Euro ai vari amministratori, aumento incontrollato del dissesto etc. Tutte cose note che, però, è bene riportare alla memoria.

Continua a leggere
<| |>



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

1 ora e 46 minuti fa da zenocarino
In Il membro del cda Ipab Fabio Mantovani ha cambiato bandiera per puntare a Palazzo Trissino o Achille Variati ha messo la sua bandiera sul candidato di Forza Italia e Lega?

Sabato 13 Gennaio alle 18:56 da kairos
In Lettura di Parolin e Formisano su Vittorio Emanuele II, Indipendenza Veneta Vicenza Città: irrispettoso ricordare a Vicenza "il re infingardo che sottomise Terre Venete"
A CAMMILLO CAVOUR


nel 1867.

___


O nell’ora del nembo e del periglio
Sempre invocato, che più grande appari
Quanto più gonfi il trepido naviglio
4Battono i mari;

Chiuse son l’Alpi allo stranier: clemente
Rise una volta a’ popoli fortuna:
Tutte al suo desco le città redente
8Italia aduna.

Più non cercar. Delle battaglie il nome
Oh non chiedere a’ tuoi: sovra qual onda,
Sovra qual campo; e se le nostre chiome
12Lauro circonda.

A’ vincenti terribile il vessillo
Parve d’Italia: i giovani guerrieri
Volâr sull’ erta, ma con noi, Cammillo,
16Tu più non eri.

[p. 180 modifica]

Invan crebber le file: invan da’ porti
Più possente navil sciolse il nocchiero;
Non valser tante prue, tante coorti
20Il tuo pensiero.

In picciol nido l’aure interrogando,
Con poco stame a lunga tela assiso,
E l’ovra della mente ardua velando
24Di facil riso,

Gli occhi alzasti; e di fanti e di cavalli
Alla muta parola obbedïenti
Dal Cenisio sull’itale convalli
28Sceser torrenti.

E pria sul lido del remoto Eusino
Fra le pugne agitata e fra le nevi
La morta face del valor latino
32Raccesa avevi.

A’ cupi genî del Tirren custodi
Serti offrivi non visto, e taciturna
La partenza pregavi e fida ai prodi
36L’aura notturna,

Quando dell’Etna alla fremente riva
I Mille veleggiavano; portavi,
Celando sotto il mar la man furtiva,
40Le balde navi.
[p. 181 modifica]


Sparver gli avversi troni; e del tuo spiro
Che percorrea de’ novi abissi il seno,
La possa irresistibile sentiro
44Adria e Tirreno.

Itali fummo. Ed esultavi allato
Del Re più degno in Campidoglio atteso,
Quando cadevi, e dell’Italia il fato
48Parve sospeso.

Ansio cadevi dell’Olimpo al piede,
Indomato Titano. Orfana ancora
Sull’orma tua, cui pari altra non vede,
52Italia plora.

Ode di pugne inauspicate il foro
Risonar tempestoso; ed ella intanto
A’ suoi mali non trova altro ristoro
56Che sdegno e pianto.

Dell’indugio si sdegna e de’ consigli
Con gioco assiduo sul fiorir recisi;
D’altre barriere, che di monti, i figli
60Piange divisi.

O nata a non perir, stirpe fatale!
O risorgente dalle tue ruine
Popolo, che ricigni or l’immortale
64Infula al crine;
[p. 182 modifica]


De’ secoli più grande e de’ tuoi guai,
Se come in altro dì non ti è concesso
Reggere il mondo, mostra almen che sai
68Regger te stesso.
Gli altri siti del nostro network