Archivio per tag: Israele

Categorie: Fatti

Siete senza acqua? Qualche suggerimento da Israele oppure... bevete arsenico

Venerdi 28 Luglio 2017 alle 12:37
ArticleImage Nel 2004 ho perso il lavoro. Perdere il lavoro a cinquant'anni era già un dramma allora. Che ho fatto? Mi sono inventata un lavoro: l'acqua, una risorsa. Dall'abbigliamento, oreficeria, editoria e pubbliche relazioni ho dovuto acquisire un nuovo know-how e non è stato facile, mi è difficile comunicare con gli ingegneri e i matematici, i tecnici, per dirla in parole semplici e questi erano i miei interlocutori principali. Ho investito parecchio denaro, almeno per me disoccupata in cerca di ricollocazione, circa ventimila euro. Prima ho girato l'Italia e poi sono andata in Israele più volte e supportata da amici, ho visitato la filiera idrica e valutato tutte le opportunità offerte dall'acqua, adattabili al suolo italiano e alle necessità del Paese.

Continua a leggere
Categorie: Diritti umani, Fatti, Vita gay vicentina

Gay Pride a Tel Aviv visto da Vicenza: tra il sacro, il profano e "il Pinkwashing"

Domenica 11 Giugno 2017 alle 18:17
ArticleImage Il direttore di VicenzaPiù mi ha chiesto se volevo scrivere sul Gay Pride di Tel Aviv 3 la mia intenzione era di accontentarlo con un confronto fra rabbini. Mi sono documentata un po' sul libro Levitico (che fa parte dell'Antico Testamento) e sulla Torah. Non sono una grande conoscitrice di testi sacri, ma ho capito subito che avevo bisogno di tempo per il mio intento, per mettere a confronto alcune scuole di ebraismo su un argomento sul quale ci sono state molte dispute, grandi dibattiti e non poche divisioni. Ci proverò in futuro, sia con Rabbini Italiani "tradizionali" (già a questa mia affermazione avranno qualcosa da ridire), sia con gli Haredim (se vorranno parlare con me, tra le mie amicizie ne ho qualcuno che mi sopporta e mi concede scambi di opinioni, ma non è poi così semplice...), sia con Riformisti e con i Lubavitch. Sarà forse, se ci riuscirò, l'unica volta in cui io mi asterrò dall'esprimere alcun commento personale.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Non sfilerà alla Mille Miglia a Vicenza la Sabra, l'unica auto prodotta in Israele e presentata nel 1961 al salone di New York

Martedi 16 Maggio 2017 alle 01:20
ArticleImage Le Sabre di Walter Arbib possono anche non piacere ai cultori delle macchine d'epoca. Una ha il colore forte, deciso, sensuale delle rose rosse di "American Beauty"; l'altra l'azzurro in una sfumatura particolare, variante di un colore dello spettro elettromagnetico, ma entrambi sono colori delle luci della ribalta e della decorazione, forti e decisi, senza scadere nel kitsch: a me piacciono assai per usare un'espressione verace e sono nello stesso tempo una sorpresa. Tra le tante cose che ho visto fare in Israele, mai avrei pensato che avesse cercato anche di produrre auto. Una notizia che mi ha affascinato e coinvolto. Israele è stato produttore di auto a cavallo degli anni '60: Sussita, Carmel e Sabra, il logo di quest'ultima era un cactus.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Boicottaggio contro Israele: si commemorano gli ebrei morti e gli israeliani assassinati ma si accusano e discriminano quelli vivi

Sabato 21 Gennaio 2017 alle 19:35
ArticleImage "Una volta si boicottavano i negozi ebraici, ora Israele e lo Stato Ebraico. Si commemorano gli ebrei morti e gli israeliani assassinati e si accusano e discriminano quelli vivi.": si riassume in questa "doppia" frase il commento all'invito di Giovanni Rolando a boicottare Israele di Paola Farina, vicentina di religione ebraica, che firma da noi soprattutto su questioni che riguardano la sua religione e la sua visione del mondo a cui, sia pure spesso criticamente, appartiene. Ecco il suo articolo.

Chi promuove il boicottaggio di Israele ha ben poco a cuore i problemi dei palestinesi, dato che in quelle aziende ci lavorano decine di migliaia di arabi-palestinesi e in totale sono circa 60.000 le famiglie palestinesi che si mantengono proprio grazie a quel lavoro. Il boicottaggio dei prodotti israeliani provenienti dalla West Bank e da Gerusalemme est danneggia prima di tutto i palestinesi, perché è chiaro che se cala il lavoro Israele licenzierà prima i palestinesi (spero, fa tanto fashionable fare i buonisti). E comunque, boicottaggio o no, il Pil in Israele cresce o si mantiene bene, nei paesi che lo boicottano cala.

Continua a leggere

Palestina, Luciano Parolin: Rolando vuol forse impedire le visite in Terrasanta?

Sabato 21 Gennaio 2017 alle 15:23
ArticleImage Riceviamo da Luciano Parolin e pubblichiamo

Da tempo nel PD è iniziata la Campagna elettorale. Alcuni come Rolando, in una Assemblea Pubblica a Palazzo Trissino, trattiene Volontari e cooperanti sul tema di un Percorso di Pace...con lo slogan Boicottiamo Israele. Probabilmente non sanno cosa dicono e nemmeno cosa fanno. Nessun approfondimento storico, nessuna conoscenza della geografia attuale del Medio Oriente. Da 100 anni non esiste Pace in Palestina, Siria, Turchia, Giordania...e Israele che viene dopo la fine della IIa Guerra Mondiale. In quelle zone, hanno sempre dominato (sul serio)  Inglesi e Francesi che, senza colpo ferire hanno manomesso di continuo Nazionalità, Confini, Ribaltoni politici a seconda della convenienza loro.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Boicottare Israele, Giovanni Rolando: è il messaggio di ieri a Palazzo Trissino. VicenzaPiù: e se boicottassimo tutti quelli che lucrano sulle guerre, ovunque?

Sabato 21 Gennaio 2017 alle 12:58
ArticleImage

Ospitiamo volentieri, e come per noi abituale, un intervento su Palestina e Israele di Giovanni Rolando, noto e storico esponente ora del Pd, in passato delle formazioni che da sinistra gli hanno dato i natali. Sull'onestà intellettuale di Rolando non avanziamo dubbi, ma la posizione netta che esprime nei confronti della politica aggressiva di Israele ci porta, da un lato, a condividere le sue affermazioni quando ci troviamo di fronte all'ostacolo opposto ai popoli di vivere nelle proprie terre. Ma Rolando sa anche che il discorso ha il suo contraltare in un Israele che rivendica il suo diritto ad esistere. Auspicando l'apertura (la prosecuzione) di un dibattito, che però non sia solo di pancia, facciamo una domanda a Rolando e ai "filo palestinesi" così come la rivolgiamo ai "filo israeliani": «a chi giova lo stato di guerra, terrore e contro terrore imperante da decenni in quelle terre? Ai morti, ai loro parenti e ai loro amici, no di certo. A chi giova allora se non a chi arma, per denaro e per interessi economici, anche se contrabbandati su entrambe le sponde per ideali, le mani di chi uccide, non solo in Palestina, ma anche, come in un passaggio di Rolando si legge, in Africa, in medio ed estremo Oriente, in sud America e dovunque esistano focolai di violenza e terrore?".  Ecco ora l'intervento di Rolando.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Astensione all’Unesco su Gerusalemme, Roberto Ciambetti: Renzi esegue ordini nell’interesse altrui

Domenica 23 Ottobre 2016 alle 11:15
ArticleImage Riceviamo da Roberto Ciambetti, presidente Consiglio regionale Veneto, e pubblichiamo

Il Presidente del Consiglio spiega che l’astensione italiana all’Unesco sulla Risoluzione palestinese sul Monte del Tempio, con la quale si esclude ogni legame tra il popolo e la fede ebraica e Gerusalemme, è allucinante. A dire il vero, Renzi  ha impiegato  una decina di giorni, e decine e decine di articoli e prese di posizione autorevoli, per smentire il voto del nostro rappresentante all’Onu: non è mai troppo tardi. Non ha impiegato nemmeno un giorno, invece, il ministro agli affari esteri, Paolo Gentiloni, a smentire a sua volta il primo ministro spiegando in una articolata intervista che l’astensione italiana ha portato ad un successo diplomatico senza pari all’Onu.

Continua a leggere

Attentato a Tel Aviv, una vicentina: assassinati civili in un luogo di vita

Venerdi 10 Giugno 2016 alle 23:22
ArticleImage

Riceviamo da Paola Farina e pubblichiamo

Nuovo attentato in Israele, atto criminale compiuto da quella “società civile, composta di angeli di pace” opportunamente addestrata a compiere attentati. Max Brenner Café Tel Aviv, quartiere Sarona, due terroristi ben vestiti, mimetizzati nell’ambiente che li circonda, si alzano e all’improvviso sparano sulla folla: quattro morti (mi verrebbe da dire quaranta morti come fanno i media palestinesi, ma non è la cifra che vale, quanto il gesto, il macabro rituale reiterato) 5 feriti. RIP alle vittime: Ido Ben Arieh, 42 anni, aveva servito nell’esercito all’interno dell’unità di élite della Sayeret Matkal (principale unità israeliana con compiti di ricognizione speciale, alle dirette dipendenze dello Stato Maggiore).

Continua a leggere

Farina: diplomatico UE fermato in Israele, ma nessun media italiano ne parla...

Mercoledi 10 Febbraio 2016 alle 11:42
ArticleImage Riceviamo da Paola Farina e pubblichiamo

Un diplomatico dell'Unione Europea è stato fermato in Israele, all’incrocio dell’ Allenby, mentre cercava di contrabbandare barre d'oro puro, gioielli, centinaia di Iphone, e decine di chilogrammi di steroidi. I prodotti sono stati scoperti dai funzionari della dogana israeliana, nel veicolo del rappresentante dell'Unione Europea mentre cercava di entrare in Israele dalla Giordania assieme al suo autista, quest’ultimo residente nella città di Atarot, a nord di Gerusalemme.

Continua a leggere
Categorie: Religioni

Raniero: lobby israeliane di Vicenza scatenate contro Vescovo Pizziol

Lunedi 11 Gennaio 2016 alle 12:24
ArticleImage

Germano Raniero prende spunto dall'intervento di Paola Farina per dire la sua sulla questione palestinese. Una palestinese avrebbe sostenuto la legittimità delle rivendicazioni palestinesi, un monito che per Pizziol non ci deve lasciare indifferenti, ma che ha scatenato molte polemiche. I toni di Raniero sono forti, raccontano di un'occupazione del suolo palestinese da parte israeliana, e della necessità di operare una Resistenza veramente partigiana. Il messaggio è forte, ma la speranza è che lo scambio di opinioni, anche da posizioni opposte, possa portare prima o poi al dialogo, e, infine, alla comprensione reciproca.

Continua a leggere
<| |>



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:39 da Luciano Parolin (Luciano)
In Mercoledì 24 gennaio su Rai 1 Alberto Angela presenta il patrimonio Unesco di Vicenza

Giovedi 18 Gennaio alle 18:40 da piero
In Musei civici, Jacopo Bulgarini d'Elci: "il raddoppio degli incassi in quattro anni è per me motivo di orgoglio personale"
Gli altri siti del nostro network