Archivio per tag: Irene Rui

Rui (Prc): Torri nel cuore, quale cuore?

Giovedi 19 Marzo alle 14:47
ArticleImage Irene Rui, Circolo di Rifondazione Comunista “Carlo Giuliani” Vicenza nordest, fa una riflessione a un anno dall'insediamento delle nuova Amministrazione Comunale di Torri di Quartesolo

Torri nel cuore quale cuore? A poco meno di un anno dall'insediamento dell'Amministrazione Comunale di Ferretto è ora di iniziare a fare i bilanci. La nuova giunta comunale, non solo non ha mantenuto molti punti per cui è stata eletta, ma è riuscita in poco tempo ad azzerare o quasi le positività delle precedenti amministrazioni, a far arretrare culturalmente e socialmente Torri.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Campo Sinti, l'allarme di Casadio e PRC: "sassaiole e urla minacciose"

Lunedi 16 Febbraio alle 16:28
ArticleImage Una lettera aperta al prefetto di Vicenza, Eugenio Soldà, è stata scritta da Davide Casadio, presidente dell'Associazione Sinti Italiani, insieme a Irene Rui e Roberto Fogagnoli di Rifondazione Comunista di Vicenza. Al centro della questione i firmatari denunciano "l'emergenza sanitaria e sociale delle aree “nomadi” di Vicenza e in particolare nell'area di Viale Cricoli".

Continua a leggere
Categorie: Sociale, Fatti

Sinti, il Comune di Vicenza stacca luce ed acqua? Rui (PRC): mannaia sociale di Variati

Martedi 10 Febbraio alle 14:33
ArticleImage Dopo le osservazioni sollevate dall’opposizione di centrodestra, la questione del campo Rom e Sinti appena ristrutturato in viale Cricoli a Vicenza continua a tenere banco per la scelta del Comune che avrebbe deciso di interrompere l’erogazione dei servizi di luce ed acqua alle famiglie che non stipuleranno regolari contratti con Aim.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Sinti in viale Cricoli, PRC: si espelle la casa, e si lascia una famiglia senza un tetto

Mercoledi 7 Gennaio alle 15:30
ArticleImage Il segretario provinciale del Partito di Rifondazione Comunista, Roberto Fogagnoli, insieme a Irene Rui che segue con particolare attenzione la situazione, intervengono sul problema riguardante la sistemazione di una casa mobile (foto) all'interno del campo Rom e Sinti di via Cricoli, da poco ristrutturato “senza purtroppo avere dato soluzione a tutti i problemi” dicono dal PRC.

Continua a leggere

Rui (PRC) denuncia caso bambini Sinti ed esprime solidarietà al Bocciodromo "diffidato"

Venerdi 19 Dicembre 2014 alle 16:10
ArticleImage Irene Rui dello sportello sociale di Rifondazione Comunista Circolo Carlo Giuliani Vicenza nord-est racconta la vicenda di due bambini Sinti del campo Cricoli ammalati ed esprime solidarietà al Bocciodromo dopo la diffida presentata dal centrodestra vicentino

Il 18 dicembre i sinti posizionati provvisoriamente nell'area della centrale di riscaldamento, hanno finito il trasloco in quella di Viale Cricoli su cui sono stati spesi a detta del comune di Vicenza 310 mila euro per la sistemazione, anche se forse da questi 310 mila euro vanno tolti gli 80 mila spesi per l'area provvisoria.

Continua a leggere
Categorie: Politica, Diritti umani

Variati e la vecchia destra alla riscossa: l'opinione del PRC

Sabato 22 Novembre 2014 alle 22:35
ArticleImage Irene Rui, responsabile politiche per gli stranieri e delle minoranze - Rifondazione Comunista – Federazione di Vicenza, ci invia questa nota sulla situazione dei sinti e del nuovo campo di Viale Cricoli.

Le dichiarazioni delle famiglie sinti di viale Cricoli dell'altro giorno hanno creato un marasma, ma sono riuscite a smuovere qualcosa all'interno dell'Amministrazione Variati & Company.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Artisti di strada multati per canzone partigiana? Cattaneo (FI): Variati chiarisca

Mercoledi 12 Novembre 2014 alle 15:09
ArticleImage
Riceviamo da Roberto Cattaneo consigliere comunale Forza Italia e pubblichiamo
E’ apparsa su un quotidiano locale, la notizia che tre artisti di strada venivano multati dalla polizia urbana di Vicenza per aver suonato una vecchia canzone partigiana “Fischia il vento”. Sarebbe  interessante conoscere, se l’episodio raccontato dalla attivista di Rifondazione Comunista, signora Irene Rui, è effettivamente avvenuto e la motivazione che è stata adottata dalla polizia urbana per elevare la  contravvenzione.

Continua a leggere

Rui (PRC): parola a Torri sulla Tav e ai Sinti sull'eccidio a Vicenza dei 10 martiri

Martedi 11 Novembre 2014 alle 15:19
ArticleImage Irene Rui, segretaria del Circolo “Carlo Giuliani” di Rifondazione Comunista Vicenza sezione nordest e  anche responsabile del PRC Vicenza delle politiche delle minoranze ci manda due riflessioni: la prima sull'incontro tra il Presidente della Provincia Achille Variati e i comuni interessati dal passaggio della Tav "Et voilà la Tav passerà per Torri tutti contenti, più o meno” e l'altro dando "parola ai Sinti" sulla rappresaglia di dieci partigiani l'11 novembre di 69 anni fa a Vicenza.

Continua a leggere
Categorie: Sociale, Fatti

"Fischia il vento" e vola una contravvenzione in centro Vicenza ad artisti di strada

Domenica 9 Novembre 2014 alle 22:11
ArticleImage Irene Rui, nota attivista Rifondazione Comunista di Vicenza e responsabile politiche per gli stranieri e delle minoranze del partito, racconta che passeggiando oggi domenica 9 novembre, per Corso Fogazzaro ad un certo punto lei e i suoi amici sentivano tre artisti di strada con il loro violino intonare "Fischia il vento" e delle melodie balcaniche ma che all'altezza della ex Camera di Commercio al posto delle note all'improvviso si percepiva solo silenzio.

Continua a leggere
Categorie: Ambiente, Associazioni

Udienza Valdastico Sud, Rui del Comitato NO Ecomafie: i cittadini si chiedono perchè...

Martedi 4 Novembre 2014 alle 14:27
ArticleImage Riceviamo da Irene Rui, presidente del Comitato Vicentino NO Ecomafie, e pubblichiamo

Ieri a Venezia davanti al giudice Comez, in merito all'udienza sulla Valdastico Sud, hanno perso i cittadini e il territorio, e ha vinto l'ecomafia, la mafia politica ed istituzionale. Ancora una volta la giustizia non è dalla parte dei cittadini, ma dei poteri forti, del mercato e la salute dei cittadini e l'ambiente sono calpestati.

Continua a leggere
<| |>

Commenti degli utenti

Lunedi 30 Marzo alle 23:58 da francescoparuta
In Ciambetti: rivedere con norme severe il regolamento dei campi nomadi a Vicenza
Sono un cittadino onesto di Vicenza e dico che Ciambetti non mi rappresenta, nè lui nè i suoi amici e sodali di Forza Nuova e Casa Pound. Parli solo per sè e per quelli che l'hanno votato. Pensasse agli affari del suo assessorato che non sa tenere a bada truffatori, estorsori e profittatori di soldi pubblici, con modalità in cui "è facile leggere tecniche e obiettivi tipici" dei leghisti e dei loro amici di grepppia. Pensasse, ad esempio, alle condizioni disumane in cui vivono i Sinti di Sandrigo, suo comune natale, dei quali se ne frega ampiamente nonostante siano costretti a condizioni vergognose. Se c'è una cosa di cui ci si deve stancare sono i seminatori d'odio in camicia bianca come lui. Siete voi leghisti che volete la segregazione dei Sinti e dei Rom, anche se purtroppo i vostri colleghi pidisti non fanno nulla per invertire la logica dei campi riservati a queste minoranze. Perfino i sedicenti comunisti di Rifondazione hanno accettato la logica del campo "per Sinti" e non hanno fatto nulla per rifiutare davvero il ghetto, rimodernato ma sempre ghetto. I Sinti non volevano e non vogliono vivere nei campi ma quando propongono soluzioni alternative fate muro e non offrite altre soluzioni se non la ghettizzazione. Variati non ha avuto il coraggio di fare come Cacciari qualche anno fa a Mestre. Li tenete nei ghetti e nel disprezzo sociale e poi vi lamentate se tentano di sopravvivere in qualche modo. Il regolamento comunale lo ha fatto la giunta Hullweck, l'assessore leghista Piazza, la sua collaboratrice illuminata dottoressa Piera Moro. Quelli che a suo tempo votarono contro ora l'hanno fatto proprio ma i problemi restano e nulla fanno veramente per risolverli. Se poi ci mettiamo anche gli pseudo-giornalisti del Giornale di Vicenza che scrivono il falso sapendo di mentire, si capisce che ognuno regge il gioco all'altro. Risultato: discriminazione e incremento dell'odio sociale. Complimenti!
Gli altri siti del nostro network