Archivio per tag: Fondazione Roi

Categorie: Fatti, Politica

Fondazione Roi, niente risarcimento da un milione di euro e stop alla causa intentata dall'allora presidente Gianni Zonin contro Giovanni Coviello. Rimangono le domande

Martedi 13 Febbraio alle 09:26
ArticleImage "Pace" fatta tra la Fondazione Roi e VicenzaPiu.com. La causa civile era iniziata due anni fa, per volontà di Gianni Zonin, allora presidente del consiglio di amministrazione della fondazione. Era stato chiesto un risarcimento di un milione di euro a Giovanni Coviello, che dirigeva VicenzaPiu.com e che ora ha lasciato l'incarico per candidarsi con Insieme al Senato, per alcuni suoi articoli che avevano messo in luce l'acquisto "improprio" dell'ex Cinema Corso e i legami nefasti tra la Fondazione stessa e la fu Banca Popolare di Vicenza, rapporti nati e cresciuti proprio sotto l'egida di Zonin, che ricopriva il massimo incarico direttivo in entrambi gli enti.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Jacopo Bulgarini d'Elci in Fondazione Roi? Franca Equizi: Ilvo Diamanti smentisca subito se non è vero

Mercoledi 31 Gennaio alle 20:08
ArticleImage Da Il Gazzettino di ieri, 30 gennaio (ripreso da VicenzaPiu.com),  apprendiamo che attorno alla Fondazione Roi sarebbero in atto strane manovre. Queste ultime, a quanto si legge, sarebbero tese a trovare un posto in cda a Jacopo Bulgarini d'Elci attuale vicesindaco berico, il quale, sfumata la candidatura a sindaco perché trombato alle primarie, pare con l'aiuto di precisi ambienti della Confindustria vicentina e con l'aiuto dell'attuale primo cittadino del Pd, Achille Variati, sarebbe stato in qualche modo portato in palmo di mano al cospetto del presidente della Fondazione Ilvo Diamanti, altro amico di Variati, proprio per permettere al vice di trovare un posto di prestigio e, diciamo noi, anche uno stipendio di prestigio.

Continua a leggere
Categorie: Fatti, Politica

Variati e le manovre sulla Fondazione Roi prima di uscire di scena, Il Gazzettino: punta a Bulgarini come Direttore della Fondazione col supporto di Confindustria e odg Diamanti

Martedi 30 Gennaio alle 20:24
ArticleImage

Il sindaco uscente di Vicenza sollecita una modifica dello Statuto per scegliere i 3 consiglieri che un tempo venivano indicati da Bpvi. L'obiettivo sarebbe quello di inserire persone a lui gradite prima di lasciare la carica. Il ruolo del suo braccio destro Bulgarini d'Elci

Sulle macerie di Vicenza, città metaforicamente rasa al suolo dalla scomparsa della banca, dallo svuotamento della Provincia, dalla vendida della Fiera e con le rappresentanze delle categorie annichilite, si stagliava fino ad ora un bastione di resistenza umana rappresentato dalla Fondazione Roi. Creata nel 1988 dal marchese Giuseppe Boso Roi e da lui lasciata in eredità a Gianni Zonin e alla sua Banca Popolare di Vicenza nel 2009, anni ancora "ruggenti", la Fondazione aveva il compito di sostenere la cultura vicentina in tutte le sue forme.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Il neo segretario PD Formisano prima "contro" e poi "con" Otello Dalla Rosa: per alcuni è tattica, per gli stessi è il centro destra a doversi unire ora per una vera "discontinuità"

Lunedi 29 Gennaio alle 19:11
ArticleImage Riporto da VicenzaPiù un capoverso ricavato dall'articolo "Federico Formisano segretario unitario del Pd di Vicenza: decretò la 'fine politica' di Otello Dalla Rosa, ora lo accompagnerà per le amministrative 2018" e precisamente ".... quando Dalla Rosa proclamò la necessità di una qualche discontinuità con l'amministrazione di Achille Variati, dichiarò secco: «l'ha appena iniziata ma Dalla Rosa ha già chiuso la sua carriera politica». Così non è andata e il navigato ex Dc, per una volta uscito dal suo stile, dovrà tornare nel suo alveo abitualmente equilibrato". Il Giornale di Vicenza, dando la medesima notizia, titola "Formisano segretario per ricucire i 'dem' e lanciare Dalla Rosa".

Continua a leggere
Categorie: Fatti, Economia&Aziende

Il GdV scopre le (cattive) azioni che Gianni Zonin piazzò pro Vip alla Fondazione Roi, la "notorietà" delle baciate al vecio paròn e le cene degli spiedi: bravi, con anni di ritardo

Sabato 27 Gennaio alle 21:15
ArticleImage Pubblicato il 28 gennaio alle 20.51, aggiornao alle 21.15. Titolo sul quotidianlo locale odierno: «La Roi serviva a vendere le azioni dei vip». Bravi oggi i colleghi del GdV anche se noi abbiamo scritto da tempo, dal 2015 e ci abbiamo fatto un libro sulla mala gestio di Gianni Zonin della Fondazione (e non solo sulle azioni BPVi acquistate per 29 milioni di euro) voluta dal suo amico, ora in una tomba agitata, marchese Giuseppe Roi ("Roi. La Fondazione demolita"). Bravi i colleghi del Giornale di Vicenza visto che ci siamo beccati anche una denuncia temeraria di ben un milione di euro dall'ex presidente (della Fondazione Roi, allora ancora presidente della Banca Popolare di Vicenza in intenso odore di conflitto di interessi), denuncia di cui mai hanno riferito come mai riferirono delle malefatte mentre avvenivano.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

Lunedi 22 Gennaio alle 17:07
ArticleImage

«I nostri musei crescono più di quanto abbiano fatto i musei statali... con un raddoppio degli incassi in quattro anni... Per far si che i musei possano offrire sempre di più ai turisti, con la possibilità di aumentarne il numero, ritengo che sarebbe opportuno che gli incassi potessero essere reinvestiti nell'ambito di una gestione autonoma cosa che oggi non avviene perché il denaro rientra nel bilancio generale dell'intero Comune. Ricordo, comunque, che l'attuale gestione ha consentito di coprire le spese per oltre il 70%»: questo dichiarava Jacopo Bulgarini d'Elci il 18 gennaio scorso.

Continua a leggere

Tra bugie su BPVi, amnesie su Fondazione Roi e fonti di comodo sul "variatiano" Fabio Mantovani il GdV sarà equo col "sincero" Francesco Rucco? La risposta a Publiadige

Lunedi 22 Gennaio alle 10:48
ArticleImage Che il GdV non ami proprio la verità, quella scomoda, si sa bene, vedi il caso della BPVi (stiamo per mandare alle stampe un dossier in cui ricordiamo anche ai cittadini/lettori/soci di Vicenza come siano stati ben informati dalla stampa locale confindustriale). Che spesso non riporti i fatti anche quando accadono, tipo l'assalto proditorio della Fondazione Roi targata Gianni Zonin contro il direttore di questo mezzo e tipo i provvedimenti presi dall'Università di Bergamo contro il membro del suo cda, il prof. Giovanni Villa, è altrettanto noto. È normale, poi, che i colleghi del quotidiano locale non amino prendere buche, e questo avviene tipicamente quando non ricevono le amate veline (eppure sono in oltre 100 anche se non sappiamo quanti assunti regolarmente pur dopo tanti anni di precariato).

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Anche dopo la "censura" comminata a Giovanni Villa non si riesce a fare trasparenza sulla gestione della Fondazione Roi: perchè?

Mercoledi 17 Gennaio alle 18:15
ArticleImage Continuo a non capire perché non si riesce a fare trasparenza sulla gestione passata della Fondazione Roi e sul ruolo vicentino del professor Giovanni Carlo Federico Villa. Può sembrare una questione marginale rispetto ad altri problemi della città. Ma proprio per questo, per la semplicità tecnica delle vicende citate, non si comprende perché non si reagisca con chiarezza agli errori del passato e non si volti pagina. Leggo l’articolo del direttore Giovanni Coviello e, sobbalzando sulla sedia, apprendo che il prof. Villa ha mentito a tutti (visto che lo ha detto anche alla stampa) quando ha pubblicamente sostenuto di aver chiesto alla Università di Bergamo, dalla quale dipende, l’autorizzazione ad assumere gli incarichi vicentini. Per tale fatto ha anche subito un provvedimento di “censura”.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Giovanni Villa ha detto bugie: ha infatti subito una "censura" dall'Università di BG per mancata richiesta dell'autorizzazione come direttore tecnico dei Musei Civici di Vicenza. Rimane ancora lì e in Cda Fondazione Roi?

Martedi 16 Gennaio alle 13:22
ArticleImage Giovanni Carlo Federico Villa, alias Giovanni Villa, ha sempre (sper)giurato di aver chiesto le relative autorizzazioni all'Università di Bergamo, dove è professore associato a tempo pieno, per assolvere da luglio 2015 l'incarico di direttore tecnico dei Musei civici di Vicenza, retribuito alla sua società Didaké sas dalla Fondazione Roi, di cui poi è diventanto membro del cda, Gianni Zonin regnante, grazie alla forzatura dell'ente, avallata da Achille Variati e Jacopo Bulgarini d'Elci, che ha reso equivalente quel ruolo a quello che lo statuto prevede come dantene unicamente diritto, cioè l'incarico di "direttore pro tempore" tout court, quindi nè tecnico nè scientifico che di si voglia.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

La Fondazione Roi dei presidenti Gianni Zonin e Ilvo Diamanti: la costante è il mutismo dei due "smemorati"

Sabato 13 Gennaio alle 13:43
ArticleImage Chi ci legge e chi legge i giornali nazionali (dal CorSera a Il Fatto) sa quanto è accuratamente nascosto da quelli locali: la causa milionaria e intimidatoria intentataci da Gianni Zonin, in qualità di presidente e con i soldi della Fondazione Roi, e che ha precorso quella per soli... 410.000 euro di Luca Zaia per i fondi europei e regionali della formazione. La motivazione della richiesta temeraria di quel sant'uomo di Zonin? Solo l'aver raccontato e documentato fino al cessare delle sua carica, cosa che abiamo continuato anche dopo, la verità sulla sua mala gestio dell'ente voluto dal marchese Giuseppe Roi.

Continua a leggere
<| |>



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Giovedi 22 Febbraio alle 18:02 da kairos
In Torrione di porta Castello, Jacopo Bulgarini d'Elci: "un monumento a lungo inaccessibile si è rivelato fonte di entusiasmo"

Martedi 20 Febbraio alle 13:11 da kairos
In Donne in politica: sono una donna ma voterò un uomo
Gli altri siti del nostro network