Archivio per tag: Alessandra Moretti

Categorie: Fatti, Politica

Moretti e Giletti: baci e solite smentite dell'aspirante Minetti del PD

Mercoledi 6 Agosto alle 12:35
ArticleImage VicenzaPiù ha spesso sottolineato, talvolta con ironia, più spesso con biasimo, scelte e comportamenti nella vita politica della vicentina Alessandra Moretti. La cui appariscente presenza, però, ora rischia di saturare anche il mondo “patinato” del gossip italiano, un mondo nel quale compaiono (e campano) personaggi sconosciuti ai più, con modesti meriti artistici o lavorativi.  

Continua a leggere
Categorie: Politica, Ambiente

Nuovi documenti su Borgo Berga, M5S andrà in Procura e tende una mano al Pd

Sabato 2 Agosto alle 18:05
ArticleImage “Siamo solo all’inizio”. Termina così la conferenza stampa organizzata a palazzo Trissino dal Movimento 5 Stelle di Vicenza per portare avanti il suo progetto comunicativo sulla questione del nuovo tribunale e del complesso edilizio sorto nella zona di Borgo Berga a Vicenza. Il consigliere comunale Daniele Ferrarin e il senatore Enrico Cappelletti, in collegamento telefonico da Roma, erano supportati dall’architetto Carlo Costantini e dall’avvocato Matteo Ceruti.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Pd, cucù. Il candidato per le regionali non c'è più. Come forse anche le primarie

Domenica 27 Luglio alle 23:28
ArticleImage Come Enrico Letta alla vista di Matteo Renzi, in casa del Partito Democratico più di qualche volto comincia a sbiancare in vista delle elezioni regionali in Veneto del 2015. La mazzata leghista nella roccaforte Padova a firma Massimo Bitonci si è fatta sentire e l’incoronazione di Luca Zaia da parte del segretario della Lega Nord Matteo Salvini per la corsa a confermare il “trono” regionale di palazzo Balbi rischia di far scottare il Pd con la fiamma verde rinvigorita.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Il governo del "fare" (propaganda) di Renzi e figure di un "certo" spessore come Moretti

Sabato 5 Luglio alle 20:15
ArticleImage Riceviamo da Giorgio Langella e pubblichiamo - Annunci, solo annunci, null'altro che annunci. Parole, promesse, frasi ad effetto (“ci metto la faccia”, “se non viene approvata la riforma entro il ... vado a casa” … ). Pressioni sui dissidenti interni al PD e loro destituzione dalle commissioni parlamentari. Renzi (e il suo governo completamente dipendente dalla sua figura “carismatica”) è questo.

Continua a leggere
Categorie: Politica

I "cervellini" delle riforme costituzionali di Renzi

Venerdi 27 Giugno alle 01:00
ArticleImage
Riceviamo dal prof. Renato Ellero, ex senatore, e pubblichiamo - Premesso che in tutti gli Stati democratici mai il governo propone riforme costituzionali, le quali sono riservate esclusivamente al parlamento. E premesso anche che il presidente del Consiglio, essendo pure segretario del Partito Democratico, dimostra in modo inconfutabile la natura illiberale di questo governo.

Continua a leggere
Categorie: Politica, CalcioPiù

Le partite importanti per gli italiani e le "figurine" Scanzi, Moretti, Grillo e Balotelli

Mercoledi 25 Giugno alle 19:49
ArticleImage L’incontro sulla legge elettorale tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, con la presenza anche di Alessandra Moretti, del quale abbiamo vi abbiamo riferito in precedenza (leggi qui), potrebbe cambiare gli scenari politici italiani. Lo sta intuendo, forse, anche il belloccio Andrea Scanzi, prode scudiero pentastellato e giornalista de Il Fatto Quotidiano, oltre che “velino” onnipresente nei talk show politici della penisola.

Continua a leggere
Categorie: Fatti, Politica

C'è Moretti vicino a Renzi nel faccia a faccia Pd-M5S sulla legge elettorale

Mercoledi 25 Giugno alle 16:09
ArticleImage L’atteso incontro sulla futura legge elettorale per le elezioni politiche avvenuto oggi, mercoledì 25 giugno 2014, tra gli esponenti del Partito Democratico e quelli del Movimento 5 Stelle, dopo l’apertura a sorpresa, visti gli intenti espressi in passato, di questi ultimi per un dialogo, ha visto anche la partecipazione, a fianco del premier Matteo Renzi, anche dell’onorevole vicentina Alessandra Moretti, in rappresentanza dei neoeletti del Pd al parlamento europeo, tramite il voto di preferenza.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Il Pd autolesionistico alle regionali con De Menech o Moretti? Il piano B di Variati

Venerdi 20 Giugno alle 01:32
ArticleImage Sono iniziate le grandi manovre per le regionali anche in Veneto, una delle due regioni ancora in mano alla "vecchia" coalizione tra Lega e Pdl-FI che ricandiderà nelle "nuove" (?) vesti con ogni probabilità l'attuale governatore Luca Zaia, sempre che anche per lui non nascano inciampi e rinculi dalle attuali vicende giudiziarie legate al Mose e alla devastante, per tutti, tangentopoli veneta. E il Pd cosa fa?

Continua a leggere
Categorie: Politica

Vade retro corrotti: il ravvedimento operoso di Alessandra Moretti, la "signora in rosso" del Pd

Sabato 7 Giugno alle 00:21
ArticleImage Dopo il voltafaccia iniziale a quel Pierluigi Bersani, da cui era stata scelta come portavoce "top", Alessandra Moretti è assurta recentemente di nuovo alle cronache parlamentari per la sua sia pur condivisibile battaglia per il "divorzio veloce", ma magari utile anche a risolvere "prima" certe mormorate situazioni familiari della "top model" del Pd.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Le ipocrisie e i distinguo della Moretti su tangentopoli veneta

Venerdi 6 Giugno alle 00:12
ArticleImage Ho appena letto un paio di frasi pronunciate dalla neo parlamentare europea Alessandra Moretti (nella foto  in un dibattito con Galan organizzato da VicenzaPiù, ndr) durante la trasmissione "Otto e mezzo" de La7: "Mai avuto dubbi sul sindaco di non vedo sostanziale differenza Venezia e non abbiamo dubbi oggi sull'amministrazione della città. Le responsabilità vanno distinte, il sindaco Orsoni è accusato di finanziamento illecito mentre a Galan si contesta un vero e proprio sistema".

Continua a leggere
<| |>

Commenti degli utenti

ieri alle 17:38 da DavideDeMeo
In I pacifisti nostrani
Nooo, mi dispiace, non ci sto. Mi riconosco nel movimento pacifista. Ero tra quelli che hanno manifestato contro la costruzione dell?ecomostro Del Din. Sono ancora oggi convinto che quella base non doveva essere fatta. Primo perché è una installazione straniera in preziosissimo suolo nazionale e vicentino. Secondo perché rappresenta un simbolo del modo proprio delle superpotenze di risolvere i conflitti. Vale a dire con la risposta militare. Proprio questa, dai tempi della Guerra del Golfo (con il ridicolo ultimo sviluppo secondo il quale i cacciabombardieri e i droni americani i attaccano mezzi corazzati e armi americane date al governo irakeno dagli stessi americani), dalla Guerra in Afghanistan e dall?intervento in Libia, mostra negli ultimi tempi la sua inutilità. I conflitti regionali sono ancora più aspri di un tempo e l?instabilità internazionale (Iraq, Libia, Pakistan, Ucraina) è ai massimi storici.
Venendo ora al conflitto arabo-israeliano, non posso soffermarmi sulla enorme complessità dei rapporti che hanno determinato l?odierno assurdo scenario (mi ha aiutato a capirci qualcosa il libro ?Vittime. Storia del conflitto arabo-sionista 1881-2001? di Benny Morris ? Ed. Bur ? 2003). Di certo, pensare che lo stato di Israele, a cui la stragrande maggioranza di noi ed io personalmente riconosciamo il diritto all?esistenza ed alla salvaguardia dei propri confini, sia giustificato a radere al suolo (le bombe intelligenti...) i quartieri di Gaza, donne e bambini compresi, per me vuol dire soffrire di cecità selettiva.
E? di ieri la notizia che Tsahal (il tanto ammirato esercito israeliano) ha ucciso tre leader di Hamas, i quali sfortunatamente erano assieme a una dozzina di propri familiari, tra cui diversi bambini innocenti (beh, mica colpa nostra se questi terroristi fanno anche figli, potevano pensarci prima...).
Se i palestinesi radicali, del resto, avessero a disposizione bombardieri e droni non esiterebbero un minuto a farne l?uso di cui noi occidentali siamo maestri. Saremmo pronti, in quel caso, a schierarci a fianco dell?alleato israeliano senza alcun indugio, partecipando allegramente al bomb show.
Allora preferisco di gran lunga l?appello alla pace, con le manifestazioni e i cortei, che sempre sono stati pacifici, che magari poco hanno prodotto (opporsi ai miliardi di giro d?affari del business delle armi è poco popolare, per non parlare dei guerrafondai veri e propri, che sparerebbero anche con il fucile a tappo), che forse possono sembrare antiamericani ma che in realtà esprimono solo il cocente fastidio di essere impotenti di fronte alle scelte fallimentari della war machine internazionale. Anche queste sono azioni forti (e la nostra città non è che ne abbondi).
Caro Prof. Balbo, Gentile Signora Farina, dissento profondamente dalle vostre affermazioni.. Con buona pace del vescovo Rufino e di Erasmo da Rotterdam.

Martedi 26 Agosto alle 15:27 da claudiofiori
In Luca Zaia aderisce alla campagna per la lotta alla SLA
Ottimo gesto "mediatico" del Governatore Zaia. Peccato però che resti solamente un?esposizione mediatica che NON aggiunge nulla agli scarsissimi fondi per la ricerca, e mi riferisco a tutte le patologie delle quali a oggi, le persone ammalate, sono ritenute "rare" se non inesistenti. Un Politico per di più Governatore della Regione, oltre a questi gesti estivi, deve impegnarsi per far si che l'articolo 32 della nostra costituzione sia rispettato, deve impegnarsi per evitare che tutte le persone sofferenti a causa di una patologia non siano derise ma curate, deve dare sostanza e seguito ad ogni paragrafo del P.S.S.R.2013\2016. Queste cose si possono fare, con un po? di buona volontà, visto che, come riferito dal Governatore Zaia in conferenza, i Conti Consuntivi Economici delle A.S.L.Venete hanno chiuso l?esercizio 2013 con un utile (pardon attivo) di 41.467.101.?. Ha poi aggiunto l?Assessore Coletto che il 2013 è per il Veneto il QUARTO anno consecutivo di esercizi positivi???. Ricordo al Governatore Zaia agli Assessori Coletto e Mantoan che in data 04\07\2014 ho spedito una mail (da loro ricevuta e letta, e pubblicata dalla vostra testata il 19\07) nella quale facevo presente che dopo oltre 400 giorni dall?approvazione all?unanimità della Legge, che riconosceva l?M.C.S. come patologia rara e con la quale dovevano essere attuati anche 5 paragrafi a essa collegata, nulla oltre il mero ?riconoscimento? è stato fatto. Oltretutto la lettera era controfirmata da 28 persone sofferenti di tale patologia abitanti in 5 province Venete che mi avevano delegato, e NESSUNO dei destinatari si è degnato di fornire a queste persone un minimo cenno di riscontro. Nessuno cerca la malattia, questa può colpire chiunque a qualsiasi età, una persona ammalata di qualsiasi patologia, proprio a causa del suo stato di salute ha bisogno di tutele ed aiuto. Credo che Il livello di civiltà di una Regione si misura anche dalla cura con cui assiste le persone ammalate. Cordialmente Claudio Fiori

Sabato 23 Agosto alle 19:31 da dreck
In La serata americana a Vicenza con il college basket al top di Michigan
Grazie Direttore, come sempre molto gentile.

Quanto all'autore trovo molto irritante e puerile continuare a rispondere tono su tono ad un (assiduo) lettore. Ormai non posso certo sottrarmi e quindi:
-Da giornalista quale immagino sia sa che non può certo basarsi sul "sentito dire" ma è lei che deve verificare le voci.
-Non metto in dubbio che dovesse lavorare ma sono rimasto al palazzetto ben oltre la fine dell'incontro e l'appunto le avrebbe rubato meno di un giro di lancette.
-Ho chiamato le majorettes con quel nome per quello che sono, non per quello che fanno. Raffaella Masciadri non è stata definita "premiante" bensì "giocatrice del Famila Basket Schio".
-La stessa insegnante ha specificato come le sue ragazze facciano anche cheerleading ma in altre occasioni e contesti. L'esibizione di quella sera era frutto solo del lavoro compiuto come majorettes.
-Il pubblico del Palazzetto ha potuto sentire più e più volte il fatto che fossero di Malo poiché, proprio per farle risaltare, l'ho ripetuto ad ogni stacchetto (primo escluso).
-Le polemiche inutili le ha iniziate a creare lei con questo articolo. Ad ogni modo ho chiesto anche alla mia ragazza (che nulla centra in questo contesto) che è del settore se per caso la conoscesse. Alla sua risposta negativa l'ho cercata sui social senza successo. Solo allora ho provato a commentare in un angolino di sito specifico (e non qui) proprio sotto il suo pezzo, luogo che ritengo il più idoneo in assoluto per far presente una sciocchezza.
-Visto che ha scoperto che conosce la mia ragazza poteva benissimo essere lei ad avvicinarmi!
-Non mi sono firmato perché c'è il nickname (usato anche da lei) che mi identifica. Che non abbia nulla da nascondere è palese visto che ho dichiarato di essere io stesso lo speaker.
Devo continuare?
In realtà ho già sotterrato l'ascia di guerra. Spero vivamente che lei venga al palazzetto lunedì sera in modo da parlare serenamente di ciò che è importante veramente di quell'occasione ovvero lo sport!
Giovanni Barcaro
Gli altri siti del nostro network