Tutto

Opinioni

Categorie: Politica

Matteo Renzi, il referendum e le bugie sul Pci: postume

Domenica 22 Maggio alle 09:16
ArticleImage Ieri, come riportano i principali giornali, Renzi ha "lanciato" la campagna per il si al referendum costituzionale affermando che Berlinguer voleva una sola camera. Al solito l'imbonitore toscano copre con slogan infarciti di inesattezze (se non di palesi falsità) le verità. Con quell'affermazione vuol far credere che il PCI avrebbe, oggi, appoggiato la sua (contro)riforma costituzionale e che, grazie a questa, il senato viene abolito. Nulla di più falso. Innanzitutto è bene chiarire che, con la (contro)riforma costituzionale che sarà oggetto, in ottobre, del referendum confermativo, il Senato non viene abolito ma viene trasformato in un'assemblea di burattini "scelti" tra consiglieri regionali e sindaci in base a opportuni criteri che (è facile prevederlo) aiuteranno la maggioranza di governo.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Politicamente scorretto: Marco Pannella di sicuro coerente ma con una scelta di campo non di "sinistra"

Sabato 21 Maggio alle 10:20
ArticleImage È morto Pannella ed è partita l'abbuffata di necrologi, elogi, rimpianti ... una situazione da "santo subito". Emblematico l'articolo di Fabrizio Rondolino (sul sito de l'Unità) secondo il quale la sinistra di oggi è più figlia di Pannella che di Berlinguer e Moro (a proposito, cosa c'entra - e c'entrava - Aldo Moro con la sinistra?). Forse, considerando cos'è diventata oggi la sedicente sinistra italiana così poco attenta alle questioni fondamentali del lavoro mentre si entusiasma per qualche "diritto civile" in più, Rondolino non ha tutti i torti. Ha torto, invece, quando scrive dell'esistenza di una "sinistra anticomunista" (un ossimoro nello scenario politico italiano) o quando afferma che Craxi si era dedicato alla modernizzazione della sinistra. E ha più che torto qualora volesse far credere che il PD sia di sinistra, cosa che non corrisponde né alla realtà né alla verità (per qualcuno che ancora ci crede potrebbe essere null'altro che una "pietosa bugia").

Continua a leggere
Categorie: Banche, Economia&Aziende

Bpvi: "Io Iorio sono Wolf, risolvo problemi". Quelli ignorati da Marco Poggi: «Niente allarme: banche solide». No a Iorio bis da FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UNISIN

Giovedi 19 Maggio alle 20:35
ArticleImage «Niente allarme: perdite potenziali e banche solide» dichiarava il 13 febbraio 2015 a tutta pagina in "Economia e Finanza" Marco Poggi (**in fondo il testo completo del suo ottimismo) al giornale più (scendi)letto dei potenti di Vicenza e, perciò, oggi sempre più (neg)letto dalle decine di migliaia di vicentini che, complice la disinformazione locale, hanno tenuto in pancia, prima, e comprato, poi, azioni della Banca Popolare di Vicenza dal fanta valore di 62,50 euro ora ridotti a 10 centesimi e per giunta non negoziabili in Borsa. E Marco Poggi mica è uno qualunue nel gruppetto di fans intervistati, e applauditi, anche quest'anno dallo stesso bestiArio quotidiano e che (sper)giuravano sul buonaffare dell'aumento di capitale. 

Continua a leggere
Categorie: Banche, Fatti, Economia&Aziende

Il "buen retiro" di Zonin: l'araba fenice è in Friuli. Ma l'ex dominus della BPVi continua a volare verso la Fondazione Roi. Il marchese sarà d'accordo?

Mercoledi 18 Maggio alle 12:10
ArticleImage Se uno, che non ha fatto il liceo classico o non si diletta di letture umanistiche e mitologiche, vuol sapere cos'è l'araba fenice, quella che risorge dalle proprie ceneri, basta che provi a  "pincionare" sul web e, su Wikipedia, trova che è «l'araba fenice è qualcosa di cui non si conosce l'uguale, introvabile, un esemplare unico e soprattutto inafferrabile, secondo il ben noto detto di Metastasio ("Demetrio", atto II, scena III): "Come l'araba Fenice, che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa."». E quale definizione migliore oggi si attaglia a Gianni Zonin, l'ex presidente della Banca Popoalre di Vicenza,  a cui circa 118.000 soci hanno dato fiducia ritrovandosi poi in mano, non tutti, per carità, gli amici pare di no, ma quasi tutti gli altri, moltissimi i poveracci, con un pugno di carta straccia in mano, su cui prima era scritto "vale 62,50 euro, fidati e comprami" e ora c'è inciso con la punta di un pugnale doloroso "varrebbe 10 centesimi, ma neanche in Borsa mi puoi vendere".

Continua a leggere
Categorie: Fatti

Supreme bitch, a Vicenza l'ignoranza è l'oppio del popolo: sul manifesto di Street Village si abbatte uno tsunami che neanche su Zonin...

Mercoledi 18 Maggio alle 00:02
ArticleImage Ieri tutta la città del Palladio, che, non però era padovano, è stata colpita dalla bufera che, superando ovviamente e di gran lunga quella dei miliardi di risparmi bruciati dalla Banca Popolare nominalmente di Vicenza ma soprattutto di Gianni Zonin, ha rovesciato ettolitri di indignazione sulla città colpita nella "sua immagine" non dalle malefatte, ogni altro giorno, dei potenti e dai silenzi dei complici compiacenti, ma per il manifesto con una ragazza coperta da una maglietta con la scritta invereconda "Supreme bitch". Si sono scatenati e sono stati megafonati dalla carta stampata locale il presidente di FestAmbiente Vicenza Adriano Vernau, Stefano Dal Pra Caputo, giovane consigliere comunale, oddio, del PD, e, doppio oddio, Stefano Poggi della locale associazione della Nuova Sinistra.

Continua a leggere
Categorie: Politica, Economia&Aziende

I media oscurano l'attacco intimidatorio di Zonin a VicenzaPiù. E uno cambia idea su Zoso, ma boccia Bulgarini che la cambia sui poteri durante l'arringa sulla Fondazione Roi

Giovedi 12 Maggio alle 23:49

A Vicenza c'è una "carta" stampata calante ma piena di tanti colleghi, molti assunti, molti di più no, tutti sotto le ali protettive economiche (e non solo) confindustriali, visto che il suo editore, la società Athesis, oltre ad appartenenti a "famiglie Vip" con quote minoritarie, ha come soci di riferimento Confindustria Vicenza e Confindustria Verona, direttamente ma anche tramite tante "scatolette" vicentine e veronesi, controllate dalle due associazioni, tutte  "dispensa incarichi" e "cura interessi". Ci sono poi altri mezzi, tutti più o meno in crescita come lettori/utenti, la maggior parte dei quali solo su web, a parte il CorVeneto, che al 51% appartiene a Rcs e al 49% a una società locale che ha Riello e  Zonin come soci di spicco.

Continua a leggere
Categorie: Informazione, Economia&Aziende

Ario Gervasutti sul GdV sulla BPVi: "sono ignorante". Ma merita il beneficio del dubbio: c'è o ci fa? Intanto con Vescovi Confindustria rimane a... Palazzo Zonin Longare

Domenica 8 Maggio alle 17:02
ArticleImage Da anni non facevamo il nome di Ario Gervasutti, il direttore del locale giornale degli industriali (comunemente noto a un sempre minor numero di lettori come Il Giornale di Vicenza). Non lo prendevamo più direttamente di mira, noi direttorini di paese, pubblicisti semi volontari (anche se i nostri lettori crescono a dismisura) e non professionisti super pagati come lui (per far diminuire le copie del giornale nonostante i piani industriali alla Francesco Iorio?). Noi, a cui arrivano costantemente minacce, denunce e richieste di danni intimidatorie da parte di suoi affezionati lettori (due nomi, ad esempio, su tutti come Gianni Zonin ed Elena Donazzan), non lo identificavamo più come responsabile della crescente disinformazione promossa dal suo foglio ben foraggiato anche da aziende pubbliche e istituzioni.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

La nave di Zonin è affondata, si salvi chi può! Diffidare dall'uso di ex compagni di crociere

Sabato 7 Maggio alle 09:05
ArticleImage A Vicenza, la caduta del "Presidente" Zonin sta suscitando, come si prevedeva, una crescente ondata di indignazione e articoli contro chi fu potente. Tutto ciò ricorda la caduta di altri potenti, che avevano fatto favori a tanti, ma appena caduti si trovarono di fronte un esercito che rinnegava in tutti i modi possibili la vicinanza, la comunanza di merende e quant'altro con il caduto. Nessuno, dico nessuno che, amico di un tempo, abbia avuto almeno la buona maniera di dichiarargli almeno la sua solidarietà, cosa che oggi si usa come il pane per qualsiasi situazione, anche la più grave. Anche gli amici sbagliano e proprio gli amici dovrebbero essere quelli che ti consolano, ti aiutano con la loro vicinanza e non ti lasciano solo. Sta pure iniziando il fuggi fuggi con prese di posizioni ad arte per confondere e magari far intendere che nulla avevano a spartire con il potente caduto.

Continua a leggere
Categorie: Politica

Il piacere di dispiacere, agli arroganti. Zonin di Gambellara ci denuncia, Iorio di Roma ci minaccia: non a caso siamo 63mi per cultura finanziaria e 77mi per libertà di stampa

Giovedi 5 Maggio alle 01:04
ArticleImage

Se l'Italia è al 63° posto nelle classifica mondiale per educazione finanziaria nessuno può meravigliarsi del crack di fatto della fu Banca Popolare di Vicenza che, se è vero che ha carpito con l'ignoranza la buona fede dei suoi 118.000 azionisti che hanno in pancia azioni che hanno pagato anche come due grammi di oro puro e che valgono oggi meno di uno Scottex, è stata guidata da un "luminare" della finanza: Gianni Zonin, se tanto mi dà tanto e se le statisrtiche valgono per tutti, era anche lui al 63° posto tra i suoi colleghi per conoscenza finanziaria anche se qualcuno urla, per la verità sommessamente, "alla vicentina", che aspirasse non al primato assoluto, per carità, di tal Bernard Madoff, altra classe, ma alla top ten dei "furbetti" (di Gambellara?)

Continua a leggere
Categorie: Politica

Buon Primo Maggio a quelli che vivono del proprio lavoro: manca una forza politica per la loro "classe". Si potrebbe ricostruire il PCI

Domenica 1 Maggio alle 15:36
ArticleImage Oggi dovrebbe essere un giorno di festa ma le nuvole si stanno addensando e non solo all'orizzonte.

I giornali scrivono che gli occupati aumentano. Decine di migliaia solo nel mese di marzo. I dati ISTAT lo confermano (90.000 occupati in più rispetto a febbraio), ma se si fa riferimento ai due mesi precedenti si può notare come questo aumento che, secondo la propaganda di regime, dimostrerebbe lo "straordinario successo" del jobs act si riduca a una specie di stabilizzazione di una situazione grave che resta drammatica. A marzo gli occupati vengono stimati in 22.577.883 unità, mentre a gennaio erano 22.575.292 (meno di 3.000 in più); gli inattivi sono stimati a marzo in 13.951.037 unità ed erano a gennaio 13.930.730 (oltre 20.000 in più).

Continua a leggere
<| |>

Commenti degli utenti

ieri alle 08:13 da kairos
In Referendum costituzionale, nasce “Vicenza per il sì” con Crimì e Guarda. La presidente Anahid Balian: “Padri Costituenti hanno garantito strumenti per modifiche”

ieri alle 08:11 da kairos
In TAV/TAC, Antonio Dalla Pozza rassicura la cittadinanza e smentisce le paventate crepe nella maggioranza

ieri alle 08:09 da kairos
In Nella Vicenza dalle due facce "scontro" in viale Roma tra l'assessore Rotondi e un vigile

Venerdi 27 Maggio alle 09:50 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Borgo Berga, tra sequestri e party degli Amici della Bertoliana. Battagin di Legambiente: “mancanza di buon gusto”. Ferrarin del M5S: “forte contraddizione”
Gli altri siti del nostro network